FRANCISCO DE GOYA, LA FAMIGLIA DELL’INFANTE DON LUIS DE BORBON, 1783-84—FONDAZIONE MAGNANI ROCCA (PARMA) di cui, esterni e interni ++ CAASTELLO DI TORRECHIARA, pochi minuti dalla villa di cui mancano gli interni che sembrano bellissimi…

 

Risultati immagini per francisco goya

autoritratto — Francisco José de Goya y Lucientes (Fuendetodos1746 – Bordeaux1828) è stato un pittore e incisore spagnolo.

 

 

La famiglia dell’infante Don Luis de Borbon, 1783-84 olio su tela dettaglio del 214612

(The Family of the Infante Don Luis de Borbon, 1783-84 oil on canvas detail of 214612)

 

Francisco de Goya

 

Fondazione Magnani Rocca

Patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna – Regione Emilia-Romagna

Risultati immagini per goya la famiglia dell'infante don luis

 

 

 

Risultati immagini per goya la famiglia dell'infante don luis

 

Risultati immagini per goya la famiglia dell'infante don luis       Risultati immagini per goya la famiglia dell'infante don luis

Risultati immagini per goya la famiglia dell'infante don luis

dettaglio

 

La famiglia dell'infante Don Luis de Borbon, 1783-84 olio su tela dettaglio del 214612 da Francisco de Goya

 

Immagine correlata

 

La Villa dei Capolavori di Mamiano di Traversetolo (PR), sede della Fondazione Magnani-Rocca, ospita la prestigiosa collezione di Luigi Magnani che annovera, fra le altre, opere di Gentile da Fabriano, Filippo Lippi, Carpaccio, Dürer, Tiziano, Rubens, Van Dyck, Goya e, tra i contemporanei, Monet, Renoir, Cézanne, sino a De Chirico, De Pisis, 50 opere di Morandi, Burri, oltre a sculture di Canova e di Bartolini.

La Fondazione Magnani Rocca ha lo scopo di promuovere la diffusione della cultura e dell’arte quali strumenti per la crescita della società civile. Nasce nel 1977 dalla volontà di Luigi Magnani (1906-1984), affiancato con passione dall’allora Cassa di Risparmio di Parma ora Cariparma-Crédit Agricole.

 Immagine correlata

TRAVERSETOLO (PARMA)

 

Risultati immagini per TRAVERSETOLO QUANTI KM A PARMA?

 

 

 VILLA MAGNANI ROCCA

 

Parco di Villa Magnani.jpg

Villa Magnani e il parco—Chiara Saffioti – Opera propria

 

Il museo espone opere di: Gentile da FabrianoAlbrecht DürerVittore CarpaccioTizianoRubensVan DyckFrancisco GoyaClaude MonetAuguste RenoirPaul CézanneGiorgio Morandi (50 opere), Giorgio De ChiricoFilippo de PisisGino SeveriniAlberto BurriJohann Heinrich FüssliNicolas de StaëlLippo di DalmasioFilippo LippiDomenico GhirlandaioLorenzo CostaMartin Schongauer e sculture di Antonio Canova e di Lorenzo Bartolin.

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

” VILLA DEI CAPOLAVORI ”

 

Risultati immagini per fondazione magnani rocca esterni?

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

A pochi chilometri da Parma, nella suggestiva campagna di Traversetolo, sorge il Bistrot della Villa all’interno della Fondazione Magnani-Rocca. Sarà la perfetta cornice per un ricevimento…

 

Risultati immagini per fondazione magnani rocca esterni?

Il Castello di Torrechiara, uno dei più bei castelli d’Europa è a pochi minuti dalla Villa dei Capolavori – Fondazione Magnani Rocca

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per fondazione magnani rocca esterni?

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per fondazione magnani rocca esterni?

 

Risultati immagini per fondazione magnani rocca esterni?

LA CHIESA DEL VILLAGGIO

 

 

LA VILLA DEI CAPOLAVORI –INTERNO

 

La Villa dei Capolavori. Ingresso e coppa in malachite del Thomire

 

Sala del Van Dyck , foto: Amoretti

Sala del Van Dyck , foto: Giovanni Amoretti

 

La Villa dei Capolavori - Sala del Goya. (Fotografia Giovanni Amoretti)

LA SALA GOYA

 

La Villa dei Capolavori. Sala del Tiziano

La Villa dei Capolavori. Sala del Tiziano

 

La Villa dei Capolavori

 

 

dettaglio del dipinto di Goya

 

La famiglia dell’Infante Don Luis di Borbone è un dipinto a olio su tela (248×330 cm) del pittore spagnolo Francisco Goya, realizzato nel 1783-1784 e conservato presso la Fondazione Magnani-Rocca di Parma, in Italia

 

In ragione del prestigio raggiunto come ritrattista, nella metà dell’agosto 1783 Goya fu invitato presso la tenuta di Arenas de San Pedro, nei dintorni di Avila, dove il principe Luis di Borbone (fratello del re Carlo III) trascorreva melanconicamente i suoi ultimi anni, insieme alla moglie María Teresa de Vallebriga, sposata dopo aver rinunciato alla porpora cardinalizia. Goya avrebbe trascorso un mese in compagnia di don Luis, uomo di larghe vedute con il quale instaurò un fecondo rapporto fatto anche d’intesa personale e umana: il pittore aragonese, infatti, era benvoluto da tutti e poteva godere della più intima confidenza dei familiari di don Luis, con il quale tra l’altro andava a caccia. L’amicizia tra i due raggiunse accenti straordinariamente affettuosi: una lettera indirizzata a Martin Zapater, il 20 settembre 1783, ci testimonia persino che don Luis, dopo aver tentato di tutto per convincere il Goya a non partire, gli fece promettere che sarebbe andato a visitarlo almeno una volta all’anno. Il pittore, tuttavia, non tenne fede alla promessa e non avrebbe mai più rivisto don Luis, che sarebbe morto due anni dopo il loro saluto.

 

La grande tela de La famiglia dell’Infante Don Louis di Borbone fu realizzata fra il 1783 e il 1784 in occasione del soggiorno presso la tenuta di don Luis:

«Giungo ora da Arenas, molto stanco. Sua Altezza mi ha coperto di doni, io ho fatto il suo ritratto, quello della moglie, del figlio e della figlia, con un successo insperato perché altri pittori si erano già misurati, senza riuscirci, in questa impresa»
(Francisco Goya)

 

 

 

… Ereditata dalla famiglia Ruspoli, nel giugno del 1904 l’opera peregrinò a Firenze nella collezione Contini Bonacossi per poi giungere nel 1974 nelle collezioni di Luigi Magnani.

 

La famiglia dell’Infante Don Luis di Borbone è un ritratto di gruppo non ufficiale (ben distante, dunque, dagli esiti del futuro Ritratto della famiglia di Carlo IV), in cui i quattordici componenti della famiglia di don Luis appaiono «irrigiditi come sull’ultima battuta, prima che cali il sipario», come osservato da Riccomini. Si tratta, infatti, di una situazione informale, privata, di grande intimità, a tal punto che Goya scelse di ritrarre la piccola corte di campagna dall’angolo a sinistra, in una posizione defilata, mettendo insieme – senza distinzione di rango – ancelle, principi, cicisbei e borghesi….

Goya non dipinge una sua interpretazione personale della famiglia reale, ma dipinge solo quel che vedevano loro stessi. Siamo davanti a una svolta decisiva nella storia del ritratto»

… e infine il quarantenne Luigi Boccherini, compositore e violoncellista, identificato nell’uomo con la lunga giacca rossa.

 

MOLTI PIU’ DETTAGLI NEL LINK:

https://it.wikipedia.org/wiki/La_famiglia_dell%27Infante_Don_Luis_di_Borbone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *