ANDREAS GURSKY (LIPSIA, 1955 ) –QUALCOSA SU QUESTO FAMOSO FOTOGRAFO/ ARTISTA… OGGI VI MOSTRIAMO SOLO LE OPERE CHE DAL 2001 SONO AL MOMA (MUSEO DI ARTE MODERNA DI NEW YORK )

 

Gerry Mulligan (Vinyl, LP, Album, Reissue) Copertina d'album

GERRY MULLIGAN QUARTET–NOBLESSE

 

 

Immagine correlata     Immagine correlata

 

 

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

 

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

 

Risultati immagini per ANDREAS GURSKY

” NON SONO MAI STATO INTERESSATO NELL’INDIVIDUO, MA NELLA SPECIE UMANA E NEL SUO AMBIENTE ”

–FOTOGRAFO E PROFESSORE ALLA ACCADEMIA DELL’ARTE DI DUSSELDORF, GERMANIA

 

 

Andreas Gursky (Lipsia1955) è un fotografo tedesco considerato uno dei maggiori artisti al mondo famoso per le fotografie di grande formato.

Insieme a Axel HütteJörg SasseThomas StruthCandida Höfer e Thomas Ruff fa parte della Becher-Schüler.

Nel 2011 la sua opera Rhein II viene battuta all’asta da Christie’s per la somma record di 4.338.500 dollari. Lunga tre metri e mezzo, è una veduta del Reno scattata nel 1999. Tale primato era già stato suo precedentemente nel 2007 allorché fu venduta all’asta la sua opera 99 Cent II Diptychon da Sotheby ad un prezzo di 3.346.456 dollari

 

 

Andreas Gursky nasce in Germania, a Lipsia, nel 1955, figlio di un fotografo commerciale, ma trascorre i primi anni a Düsseldorf.[3] Dal 1978 all’1981 studia all’Università delle Arti Folkwang, università a indirizzo artistico nella vicina Essen, dove ha come professore il fotografo Otto Steinert. Tra il 1981 e il 1987all’accademia di belle arti di Düsseldorf (Kunstakademie Düsseldorf), Gursky riceve una forte influenza dai suoi professori Hilla e Bernd Becher,[4] un team fotografico che si contraddistinse per il loro spassionato catalogare di macchinari industriali e architettura, tipicamente in bianco e nero.[3][5] Gursky mostra un simile approccio metodico con le sue fotografie in grande scala. Altri autori che lo hanno influenzato sono probabilmente il fotografo di panorami inglese John Davies e l’americano Joel Sternfeld.

I primi successi tuttavia sono incentrati su panorami e luoghi di relax e hanno dimensioni medio-piccole, non oltre i 50×60 cm[3]. Solo attorno ai 25 anni Gursky si dedica al grande formato e si converte alla fotografia a colori, spesso molto vivaci e vari, immortalando soggetti di grandi dimensioni come edifici (Paris, Montparnasse1993[6]), luoghi ordinatamente affollati come gli scaffali dei supermercati (99 Cent II Diptychon2001[6]), affollate sale di contrattazione finanziaria (Chicago Board of Trade II1999 e Tokyo Stock Exchange1990[6]), un concerto del primo maggio (May Day IV2000[7]) etc

 

Note

  1. ^ANDREAS GURSKY (B. 1955)|Rhein II|Post-War & Contemporary Art Auction|20th Century, Photographs|Christie’s, su christies.com. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  2. ^(ENThe ten most expansive photo, telegraph.co.uk. URL consultato il 14 giugno 2017.
  3. ^ Salta a:a b c Biografia dell’artista[collegamento interrotto] sul sito del MART
  4. ^Tomkins, Calvin The New Yorker “The Big Picture” 22 gennaio 2001
  5. ^Marien, Mary Warner Photography 2006, pag. 371-2
  6. ^ Salta a:a b c Alcune opere sul sito del MOMA
  7. ^May Day IV sul sito del Museo d’Arte Contemporanea – Castello di Rivoli

Opere (selezione)

  • Paris, Montparnasse, 1993, 186 × 357 cm
  • Cibachrome, 1997, 186 × 239 cm
  • Brasilia und Plenarsaal IC-Print, 1994, 120,5 × 163,8 cm
  • Untitled IV (Prada I), 1996, 135 × 226 cm
  • 99 Cent II Diptychon, 2001, 207 × 337 cm (C-Print)
  • Bahrain I, 2005, 306 × 221,5 cm (C-Print)
  • Kuwait Stock Exchange, 2007, 295 × 222 cm
  • Pyongyang I, 2007, 307 × 215,5 cm (C-Print)
  • James Bond Islands III, 2007, 307 × 223,3 cm (C-Print)
  • Dubai World IDubai World II
  • F1 Boxenstopp IV, 2007, 222,4 × 608 cm (C-Prin

DA WIKIPEDIA, ABBIAMO TRALASCIATO LA LISTA DELLE MOSTRE–CHI VOLESSE LE TROVA IN QUESTO LINK::

https://it.wikipedia.org/wiki/Andreas_Gursky

 

 

 

LE OPERE CHE SONO AL MOMA DI NEW YORK :: 

 

 

Andreas Gursky: 99 Cent

Andreas Gursky. 99 Cent. 1999.
Chromogenic color print.
6 ‘ 9 1/2″ x 11’ (207 x 337 cm).
Lent by the artist, courtesy Matthew Marks Gallery, New York, and Monika Sprüth Galerie, Cologne

 

 

Andreas Gursky. Shanghai. 2000.
Chromogenic color print.
9′ 11 5/16″x 6′ 9 1/2″ (280 x 200 cm).
Lent by the artist, courtesy Matthew Marks Gallery, New York, and Monika Sprüth Galerie, Cologne

 

Andreas Gursky: Montparnasse

Andreas Gursky. Paris, Montparnasse. 1993.
Chromogenic color print.
6′ 8 3/4″x 13′ 1 1/4″ (205 x 421 cm).
Lent by the artist, courtesy Matthew Marks Gallery, New York,
and Monika Sprüth Galerie, Cologne

 

 

Andreas Gursky: Mayday

Andreas Gursky. May Day IV. 2000.
Chromogenic color print.
6′ 9 3/4″ x 16′ 8″ (200 x 500 cm)
Lent by the artist, courtesy Matthew Marks Gallery, New York,
and Monika Sprüth Galerie, Cologne

 

 

Andreas Gursky: Tokyo Stock Exchange

Andreas Gursky. Tokyo Stock Exchange. 1990. ( è il listino della Borsa di Tokyo)
Chromogenic color print.
6′ 2″x 7′ 9/16″ (188 x 230 cm)
Lent by the artist, courtesy Matthew Marks Gallery, New York,
and Monika Sprüth Galerie, Cologne

 

moma

https://www.moma.org/interactives/exhibitions/2001/gursky/index.html

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *