IL 15 MAGGIO 2019 — E’ USCITO IL NUOVO NUMERO DI LIMES: ” ANTIEUROPA- L’IMPERO EUROPEO DELL’AMERICA ” — PUBBLICHIAMO L’INDICE DEGLI ARTICOLI —

 

 

419_cover

 

 

Carta di Laura Canali

EUROPA, PERLA DELL’IMPERO AMERICANO

Il Vecchio Continente resta massimo teatro geopolitico, culturale ed economico del pianeta. Posta irrinunciabile per Washington, pronta a tutto pur di impedire che altri l’annettano ai propri domini. La similitudine con l’Italia del Rinascimento.

Carta di Laura Canali - 2018

AMERICA ED EUROPA HANNO LO STESSO PROBLEMA: LA GERMANIA

Agli occhi di Washington, Berlino è tornata a essere troppo potente, pensa di poter fare a meno degli Usa e flirta coi loro nemici. L’Ue come vettore primario per imporre la visione tedesca, egoista, mercantile e pacifista ingenua. L’irrimediabile divergenza fra i rispettivi interessi.

di Theodore R. Bromund
Carta di Laura Canali, 2019

L’AMERICA DEVE GIOCARE LO STESSO GIOCO DI MOSCA

Afflitta dal declino umano e materiale, la Russia ha sviluppato strategie non lineari che perseguono il caos per minare l’Occidente dall’interno. Ferma restando la deterrenza militare, gli Usa devono fare altrettanto con il Cremlino. L’Europa come terreno di scontro.

di Donald N. Jensen
Carta di Laura Canali, 2018.

IL SENSO DEGLI USA PER L’EUROPA DELL’EST

Da 102 anni, il versante orientale del continente è essenziale alla strategia Usa che verte sull’opposizione a ogni alleanza fra Russia e Germania. Le sirene cinesi raddoppieranno l’interesse di Washington a rafforzarvi la sua presenza militare.

di Jacob L. Shapiro
Carta di Laura Canali - 2019

L’ITALIA MANDA GLI STATI UNITI A QUEL PAESE SENZA PAGARE DAZIO?

L’accordo con Pechino sulle vie della seta segna una svolta nei tradizionali rapporti fra Roma e Washington. Le vaghezze di Trump e il piglio nazionalista del governo italiano. Ora è facile tapparsi gli orecchi quando gli americani parlano.

di Eric R. Terzuolo
Carta di Laura Canali

LA SFIDA AMERICANA CINQUANT’ANNI DOPO

Il dibattito suscitato da Servan-Schreiber è più che mai attuale. Il divario tecnologico e manageriale tra le due sponde dell’Atlantico si è ulteriormente allargato. E nel frattempo sono arrivati i cinesi. Senza ‘campioni’, l’Europa è destinata a essere sottomessa e marginalizzata.

Carta di Laura Canali, 2017.

IN EUROPA SI COMBATTE LA PROXY WAR DIGITALE

L’abbandono del presidio europeo da parte dell’Ict statunitense nel post-1989 ha schiuso la via alla Cina, che punta al salto tecnologico. I ritardi del Vecchio Continente. Perché il 5G è il fulcro dello scontro. I vantaggi dei prodotti cinesi.

di Paolo Germano
Carta di Laura Canali - 2018

BERLINO DICE EUROPA MA PENSA SOLO A SÉ

Con buona pace di Thomas Mann, oggi è l’Ue a essere tedesca, non il contrario. Tattica e ideologia impediscono però alla Germania di proclamare l’interesse nazionale, salvo perseguirlo a spese altrui. Il dilemma cinese. Se l’etica è nemica del compromesso.

Carta di Laura Canali, 2017

LE RADICI PROFONDE DELL’ANTIAMERICANISMO GERMANICO

Al di là delle tirate antitedesche di Trump, in Germania resiste il sentimento della propria alterità culturale rispetto all’Occidente a stelle e strisce. Il mito della sovranità imperiale e la geopolitica neobismarckiana spingono a guardare a Russia e Cina.

di Luca Steinmann
Carta di Laura Canali - 2018

LA FRANCIA ALLEATA MA NON ALLINEATA ALL’AMERICA

L’esclusività pretesa dagli Usa mortifica le ambizioni di Parigi. Le due nazioni sono troppo simili per rompere, ma pure per andare sempre a braccetto. Occorre diversificare le alleanze, recuperando la Russia come equilibratore. Nel solco di de Gaulle.

di Pierre-Emmanuel Thomann
Carta di Laura Canali - 2019

IL SENSO DI ROMA PER LA CINA HA SPIAZZATO GLI USA

Washington non è riuscita a impedire l’ingresso dell’Italia nelle nuove vie della seta. Abbiamo perso l’opportunità di appoggiarci a Trump per rafforzarci in Europa e nel Mediterraneo. Gli Usa tenteranno di ricondurci all’ovile, ma non sarà semplice.

Carta di Laura Canali

LA NUOVA LEGA ANSEATICA

Un allineamento informale di otto paesi nordici allarmati dal Brexit, imperniato sulla Germania memore della Hanse, si oppone alle velleità francesi di integrazione europea, promuove il rigore fiscale e la russofobia. L’asse Amburgo-Londra. Il ruolo degli olandesi.

Carta di Laura Canali

LA TURCHIA È IL SOLO ALLEATO DI ANKARA

Mai dimentico del passato da grande potenza il paese di Erdoğan non vuole scegliere tra Occidente e fronte eurasiatico. I tentativi americani di rimetterlo in riga lo allontaneranno ancor di più da Washington e con Mosca si tornerà alle mani.

Carta di Laura Canali, 2018.

COME FARE LA REPUBBLICA EUROPEA

I limiti di legittimità e di efficienza delle attuali istituzioni comunitarie impongono una rifondazione. Una Maastricht II è possibile. Per uno Stato democratico nazionale su scala continentale fondato sulla cittadinanza. La decisiva base regionale.

di Ulrike Guérot
Carta di Laura Canali

SENZA LA RUSSIA L’EUROPA NON SI SALVERÀ

Il Vecchio Continente può sopravvivere se si riunirà a Mosca. Ma dovrà abbandonare arroganza e padrone americano, ricalibrare il concetto di democrazia e riscoprire la valenza di famiglia e fondamenta cristiane. Ecco alcuni suggerimenti costruttivi.

di Vitalij Tret’jakov
Carta di Laura Canali

LO STALLO UCRAINO

A Kiev i nodi da sciogliere sono fermi al pettine. Il nuovo presidente è stato scelto per combattere corruzione e mettere fine alla guerra. Ma bisognerà trattare con Mosca e assecondare Washington, strizzando l’occhio a Ue e Nato. E ridimensionare lo strapotere degli oligarchi.

Carta di Laura Canali

LA CINA IN EUROPA NON MINACCIA GLI USA

I rapporti tra Pechino, Bruxelles e Washington sono troppo complessi per ridurli alla logica del ‘noi contro loro’. Al Dragone conviene che l’Ue sia stabile e unita, per fare affari e collaborare mentre l’America rinnega il multilateralismo. La Bri resta l’autostrada maestra.

di Wang Huiyao
Dettaglio della copertina a cura di Laura Canali

Autori

Gli autori del numero di Limes 4/19, Antieuropa: l’impero europeo dell’America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *