SOUS LE CIEL DEL PARIS, canzone di Hubert Giraud, Jean Dréjac—CANTA EDITH PIAF — testo francese e traduzione di Ermanno Tassi–segue, per chi volesse, ” A’ QUOI çA SERT L’AMOUR “

 

 

 

 

Sous Le Ciel de Paris

Édith Piaf

Sous le ciel de Paris
S’envole une chanson
Hum hum
Elle est née d’aujourd’hui
Dans le cœur d’un garçon
Sous le ciel de Paris
Marchent des amoureux
Hum hum
Leur bonheur se construit
Sur un air fait pour eux
Sous le pont de Bercy
Un philosophe assis
Deux musiciens quelques badauds
Puis les gens par milliers
Sous le ciel de Paris
Jusqu’au soir vont chanter
Hum hum
L’hymne d’un peuple épris
De sa vieille cité
Près de Notre Dame
Parfois couve un drame
Oui mais à Paname
Tout peut s’arranger
Quelques rayons
Du ciel d’été
L’accordéon
D’un marinier
L’espoir fleurit
Au ciel de Paris
Sous le ciel de Paris
Coule un fleuve joyeux
Hum hum
Il endort dans la nuit
Les clochards et les gueux
Sous le ciel de Paris
Les oiseaux du Bon Dieu
Hum hum
Viennent du monde entier
Pour bavarder entre eux
Et le ciel de Paris
A son secret pour lui
Depuis vingt siècles il est épris
De notre Ile Saint Louis
Quand elle lui sourit
Il met son habit bleu
Hum hum
Quand il pleut sur Paris
See’est qu’il est malheureux
Quand il est trop jaloux
De ses millions d’amants
Hum hum
Il fait gronder sur nous
Son tonnerre éclatant
Mais le ciel de Paris
N’est pas longtemps cruel
Hum hum
Pour se faire pardonner
Il offre un arc en ciel

Compositori: Jean Drejac / Hubert Giraud

 

Sous Le Ciel De Paris – Edith Piaf

Di: Hubert Giraud, Jean Dréjac

 

Testo della canzone (Traduzione in italiano)

Traduzione a cura di Ermanno Tassi

 

Sotto Il Cielo Di Parigi

 

Sotto il cielo di Parigi s’innalza una canzone
Hum, hum, è nata oggi
Nel cuore d’un ragazzo. Sotto il cielo di Parigi
Se ne vanno gli innamorati, hum, hum
La loro felicità è basata su di un motivo fatto per loro

 

Sotto il ponte di Bercy  siede un filosofo
Due musicisti, dei curiosi
Poi la gente a migliaia. Sotto il cielo di Parigi
Fino a sera si va cantando, hum, hum
L’inno di un popolo invaghito della sua vecchia città

 

Vicino a Notre Dame a volte si consuma un dramma
Si ma a “Panama” si può aggiustare tutto
Alcuni raggi del cielo d’estate
La fisarmonica di un marinaio
La speranza fiorisce al cielo di Parigi

 

Sotto il cielo di Parigi
Scorre un fiume gioioso, hum, hum
Lui s’addormenta di notte. I barboni ed i mendicanti
Sotto il cielo di Parigi
Gli uccelli del Buon Dio, hum, hum
Vengono da tutto il mondo
Per chiacchierare tra loro

Ed il cielo di Parigi ha il suo segreto per lui
Da venti secoli è invaghito
Della nostra Isola di San Luigi, quando lei gli sorride
Lui indossa il suo abito blu,hum, hum
Quando piove su Parigi come è triste il cielo
Quando è troppo geloso
Dei suoi milioni d’innamorati, hum, hum
Lui si scatena in tuoni forti
Ma il cielo di Parigi
Non è crudele a lungo, hum, hum
Per farsi perdonare lui offre un arcobaleno.

 

NOTA

1) Paname = altro nome di Parigi, puo riferirsi all’aggettivo grande, oppure al cappello detto “Panama” che in una certa epoca portavano i Parigini.

https://www.riflessioni.it/testi_canzoni/sous-le-ciel-de-paris-edith-piaf.htm

Una risposta a SOUS LE CIEL DEL PARIS, canzone di Hubert Giraud, Jean Dréjac—CANTA EDITH PIAF — testo francese e traduzione di Ermanno Tassi–segue, per chi volesse, ” A’ QUOI çA SERT L’AMOUR “

  1. Donatella scrive:

    La voce di Edith Piaf è un bene dell’umanità, oltre che di Parigi, naturalmente.

Rispondi a Donatella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *