ANSA.IT / ANSA 2, ORE 15,57 ::: Un milione a Hong Kong contro l’estradizione forzata di presunti criminali in Cina– Marcia per diritti umani contro una legge sollecitata da Pechino.

 

ANSA.IT / ASIA / 9 GIUGNO 2019–ORE 10,18

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2019/06/09/hong-kong-migliaia-in-piazza_f594d7e0-701b-4611-aebe-625b400dcdfe.html

 

 

Hong Kong: migliaia in piazza

Imponente protesta per salvare indipendenza sistema giudiziario

 

 

 

 

 

(ANSA) – ROMA, 9 GIU – Decine di migliaia di persone stanno marciando a Hong Kong contro la controversa legge sull’estradizione forzata, un decreto sollecitato da Pechino, che consentirebbe a sospetti criminali di essere mandati in Cina per il processo. Lo riporta la Bbc. Si prevede che le proteste saranno le più imponenti da quelle del 2014, il cosiddetto Movimento degli Ombrelli, che ha visto centinaia di migliaia di persone scendere in piazza reclamando un sistema politico pienamente democratico.
    Le associazioni per i diritti umani e civili dell’ex colonia britannica ritengono che la nuova legge servirà per portare avanti persecuzioni politiche all’interno dello stesso territorio di Hong Kong sopprimendo la libertà di parola ed esponendo molte persone al sistema giudiziario cinese, profondamente compromesso, conducendo ad un’ulteriore erosione dell’indipendenza giudiziaria.

 

 

FOTO RAI NEWS

 

ANSA.IT / HONG KONG — 9 GIUGNO 2019 –ORE 15,57

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2019/06/09/hong-kong-migliaia-in-piazza_b670cbf4-02f8-497b-a10b-ddb97870fa4b.html

 

 

Un milione a Hong Kong contro l’estradizione forzata in Cina

Marcia per diritti umani contro una legge sollecitata da Pechino. Imponente protesta per salvare indipendenza sistema giudiziario

 

 

 

 

 

foto il post

 

Sono un milione i manifestanti scesi oggi in piazza a Hong Kong contro il progetto di legge sull’estradizione forzata in Cina di sospetti criminali. Lo rendono noto gli organizzatori.

Il decreto, sollecitato da Pechino, consentirebbe a sospetti criminali di essere mandati in Cina per il processo. Si prevede che le proteste saranno le più imponenti da quelle del 2014, il cosiddetto Movimento degli Ombrelli, che ha visto centinaia di migliaia di persone scendere in piazza reclamando un sistema politico pienamente democratico. 

Le associazioni per i diritti umani e civili dell’ex colonia britannica ritengono che la nuova legge servirà per portare avanti persecuzioni politiche all’interno dello stesso territorio di Hong Kong sopprimendo la libertà di parola ed esponendo molte persone al sistema giudiziario cinese, profondamente compromesso, conducendo ad un’ulteriore erosione dell’indipendenza giudiziaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *