SIAMO STATI UN PO’ IN GIRO IN PROVINCIA DI GROSSETO NEL BORGO DI PITIGLIANO INNALZATO SU UNA ROCCIA DI TUFO CHE LO SOSTIENE… +++ LE CAVE DEGLI ETRUSCHI…

 

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

 

Immagine correlata

Splendida cittadina dell’Area del Tufo, nel cuore della Maremma Toscana, Pitigliano è uno dei Borghi più Belli d’Italia e Bandiera Arancione.

Soprannominato anche La Piccola Gerusalemmeperché a partire dal XVI secolo ospitò una grande comunità ebraica tra le sue mura, Pitigliano è oggi uno dei borghi storici più affascinanti d’Italia ed una tappa imperdibile durante un viaggio in Toscana.

Arroccato su una rupe di tufo, il paese si erge imponente sulle valli dei torrenti Lente, Meleta e Prochio, offrendo una meravigliosa vista sulla natura selvaggia ed incontaminata di quest’area della Maremma Toscana.

[wp_ad_camp_1]

Arrivando con la propria auto, fermandosi al belvedere di fronte al Santuario della Madonna delle Grazie, si ha una prima spettacolare vista dello skyline del borgo toscano. La massiccia roccia tufacea sorregge l’intero abitato, fondandosi con le abitazioni più antiche, fino a diventare un tutt’uno con il paese.

Di notte la vista è ancor più spettacolare, illuminato dall’alto dalla luce naturale della luna, il borgo sembra essere sospeso nel vuoto, come sorretto da una forza misteriosa.

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

La storia di Pitigliano ha inizio in epoca antichissima, la leggenda narra infatti che la cittadina sia stata fondata da due giovani romani Petilio e Celiano che, in fuga da Roma dopo il furto della corona d’oro di Giove, si rifugiarono nelle campagne di quest’area, fondando una prima comunità, dalla quale poi si originò la città, che prese il nome di Petiliano originariamente, dalla fusione di quelli dei due romani, divenendo poi, nei secoli successivi, Pitigliano.

Oltre la leggenda, il paese di Pitigliano ha una storia ancor più antica, il territorio era già infatti abitato sin dal Neolitico, ma è con l’arrivo degli Etruschiche inizia la storia vera e propria della cittadina toscana, gli Etruschi costruirono le famose Vie Cave, antichissime vie di comunicazione scavate a mano nella roccia tufacea, utilizzate come via di comunicazione e difesa, i primi villaggi, e le meravigliose Necropoli, le Città dei Morti.

[wp_ad_camp_1]

Oggi Pitigliano è una vero e proprio gioiello di arte, storia e cultura, ogni angolo del suo centro storico racconta un passato ricco di storia, gli stretti vicoli, le piazzette, gli scorci panoramici, a Pitigliano tutto è magico e regala un’emozione unica.

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

 

Immagine correlata

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

 

Via Cave

Le Vie Cave sono antichissime vie di comunicazione etrusche. Scavate a mano nella roccia tufacea, le vie cave raggiungono anche i 20 metri di altezza, venivano utilizzate in epoca etrusca come via di comunicazione, trasporto e difesa in caso di attacco, le alte pareti garantivano infatti protezione. Le vie cave fungevano anche da collegamento tra villaggio e villaggio e anche verso le necropoli.

Oggi le vie cave sono una delle più belle testimonianze della storia etrusca di questo territorio, ancora oggi percorribili, suggestive ed uniche nel loro genere.

Vie Cave : da Pitigliano a Sovana

Notizie tecniche
Tipo d’itinerario: trekking, cavallo.
Lunghezza: 7 Km. circa
Dislivelli:313 m. s.l.m.-205m. s.l.m.
Tempi di percorrenza: 6-7 h circa a piedi, 4-5 h circa a cavallo.
Difficoltà: media a piedi, alta a cavallo.

 

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

 

 

 

Immagine correlata

 

Cosa c’è da sapere: è presente la segnaletica bianca-rossa.
Il sentiero è uno dei più belli e suggestivi della Maremma, attraversa 2 paesi d’origine etrusca, ricchi di storia e opere d’arte. Esso può essere “letto” sotto molti punti di vista: geologico, naturalistico, archeologico, antropologico e sacro, per cogliere a pieno tutti gli aspetti di questo percorso è consigliabile farsi accompagnare da una guida esperta.
La segnaletica inizia da Pitigliano, fuori la Porta di Sovana, continua poi nella Via Cava di “Poggio Cane”, la prima, che incontriamo, delle strade etrusche, scavate nel tufo. Lungo le sue pareti si aprono numerose grotte
artificiali, ancora oggi usate come cantine, a causa della continuità di vita di queste strutture e delle modifiche, è impossibile stabilire se fossero state tombe anteriori alla Via Cava. Ad un certo punto ci ritroviamo sulla S.P. per Sovana, l’attraversiamo e proseguiamo a destra fino alle indicazioni per la Via Cava di “S.Giuseppe”, nei pressi della quale c’è una piccola necropoli costituita da tombe a camera. Durante il percorso vediamo, dipinta sulla roccia l’immagine di San Giuseppe, tutt’oggi oggetto di devozione da parte dei pitiglianesi. Una volta usciti dalla strada etrusca, arriviamo alla Fonte dell’Olmo, dove l’acqua sorgiva (potabile) sgorga da un mascherone in tufo, raffigurante un fauno, l’originale è conservato al Museo Civico Archeologico di Pitigliano (0564-614067), mentre  qui vi è una copia. Continuando incontriamo un incrocio e giriamo a destra, dove il sentiero diventa una carreggiata asfaltata, dopo poco imbocchiamo un’altra strada a sinistra, che ci conduce alla zona di “Pian dei Conati” ed all’omonima Via Cava, alla fine della quale la segnaletica prosegue lungo una carrozzabile asfaltata, che porta a Sovana. Una volta visitato il paese, chi ha ancora voglia di camminare può raggiungere la vicina necropoli etrusca (2 h di tempo per la visita).

 

Vie Cave

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

EVENTI A PITIGLIANO

I principali eventi a Pitigliano. Dalla Torciata di San Giuseppe a Marzo, alla famosa Infiorata a Giugno, passando per la Festa del Contadino, che si svolge il primo fine settimana di Agosto a Calici di Stelle, imperdibile evento dedicato al vino ed ai prodotti tipici di Pitigliano e la Festa della Contea, ricostruzione storica che si tiene nella seconda metà del mese. Si arriva poi al Settembre DiVino la celebre festa nelle cantine tufacee, che ogni anno attira migliaia di visitatori nel borgo, e finire con il Natale a Pitigliano, con tantissime iniziative ed eventi per festeggiare tutti insieme la festa più magica dell’anno.

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

ROCCA DEGLI ORSINI

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

ROCCA DEGLI ORSINI

 

 

Immagine correlata

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

 

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

PORTA DI SAVONA

 

 

VIA CAVA SAN GIUSEPPE, una delle più belle Vie Cave Etrusche di Pitiglianolunga circa 1200 metri.

https://turismoinmaremma.wordpress.com

 

 

Immagine correlata

Panorama con acquedotto mediceo–( TRIPADVISOR )

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

https://it.123rf.com/photo_

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://it.123rf.com/photo–ANCHE ALCUNE SOPRA

 

 

 

Risultati immagini per PITIGLIANO GROSSETO

 

 

Immagine correlata

Immagine di Antico Ghetto e Sinagoga Pitigliano

 

 

Immagine correlata

Nell’attuale centro di Pitigliano gli edifici medievali e rinascimentali hanno quasi totalmente obliterato le tracce delle fasi più antiche dell’insediamento, che doveva sorgere nella medesima area. Infatti la presenza sul pianoro di un abitato già nel Bronzo Finale (XII-XI secolo a.C.) può essere dedotta dai materiali rinvenuti entro il centro abitato. Ulteriori indagini archeologiche condotte negli ultimi anni nell’area urbana di Pitigliano hanno permesso di individuare numerosi dati per la ricostruzione del sito in età etrusca. Le testimonianze di strutture riferibili all’insediamento etrusco sono costituite soprattutto dai tratti della cinta difensiva, databile alla fine del VI secolo a.C.: essa era realizzata in opera quadrata, con blocchi posti, alternativamente, per testa e taglio. Il sistema difensivo della città era costituito da tratti di mura che proteggevano l’abitato nei punti non difesi naturalmente da picchi e rocce scoscese. Un tratto delle mura è osservabile in corrispondenza della Porta di Sovana. Altre testimonianze dell’abitato etrusco sono state individuate in una zona detta “Le Macerie”, dove è stata identificata una parte del sistema di drenaggio delle acque, di cui restano due cunicoli e un pozzetto di raccolta. Quest’area, allestita per la visita, è attualmente anche sede di un centro di documentazione dell’archeologia del territorio. Per le fasi successive dell’insediamento, in mancanza di strutture conservate, la ricostruzione storica è possibile solo dai rinvenimenti ceramici, conservati presso il museo civico di Pitigliano. Sono però soprattutto le necropoli, distribuite lungo i cavoni e il corso dei torrenti, con le loro architetture e i loro corredi, a delinearci un quadro del territorio di Pitigliano in epoca etrusca.

Fonte:
www.parcodeglietruschi.it/cda/pte/view/scheda.jsp?ID=11…

http://wikimapia.org/17841763/it/Borgo-Antico-di-Pitigliano

Una risposta a SIAMO STATI UN PO’ IN GIRO IN PROVINCIA DI GROSSETO NEL BORGO DI PITIGLIANO INNALZATO SU UNA ROCCIA DI TUFO CHE LO SOSTIENE… +++ LE CAVE DEGLI ETRUSCHI…

  1. mariapia. scrive:

    che bej paese e che belle foto,varrebbe la pena di farci un passo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *