CASTELLANETA IN PROVINCIA DI TARANTO –IN PUGLIA …— guardate i mangiaretti…è la patria di Rodolfo Valentino ! –wikipedia e Italian Ways+ internet

 

 

Risultati immagini per Castellaneta

CASTELLANETA

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per Castellaneta

 

Immagine correlata

Immagine correlata

 

Risultati immagini per Castellaneta

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

Risultati immagini per Castellaneta

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

SAGRE ::

 

Risultati immagini per FRISELLE DI CASTELLANETA

FRISELLE

 

Risultati immagini per ORECCHIETTE DI CASTELLANETA

ORECCHIETTE

 

Risultati immagini per ORECCHIETTE DI CASTELLANETA

ORECCHIETTE RAPE ACCIUGHE E PEPERONCINO

 

Immagine correlata

FRICELLE O ZEPPOLINE CON BIRRA E RUCOLA

 

Risultati immagini per FRITTELLE DI CASTELLANETA

FRITELLE DOLCI DI RICOTTA

 

Risultati immagini per FRITTELLE DI CASTELLANETA

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

 

Risultati immagini per La farina di ceci (far'nedd) regina a Castellaneta

 

 

  • Sagra da far’nèdd’ e dei sapori di Puglia (in agosto), si sviluppa per oltre 2 km nel borgo antico lungo i quali è possibile degustare svariati piatti tipici (friselle con olio extravergine, focacciaorecchiette e fricelli, carni al fornello, mozzarelle e formaggio fresco, vino, frutta e dolci…) e la Far’nèdd, la vecchia farina ricavata macinando orzo e ceci.

+++ MOLTE ALTRE FESTE, SEMPRE NEL LINK, SOTTO IL TITOLO ” EVENTI “

https://it.wikipedia.org/wiki/Castellaneta

 

Collegamenti con la Provincia di Taranto

 

 

Castellaneta (Castelanéte in dialetto locale), chiamata anche la Città del Mito, è un comune italiano di 18 113 abitanti della provincia di Taranto, in Puglia.

 

 

Mappa del territorio di Castellaneta

 

Castellaneta – Mappa

TERRITORIO DI CASTELLANETA NELLA PROVINCIA DI TARANTO–Vonvikken – Opera propria

 

 

Castellaneta è situata nel cuore dell’area che costituisce il Parco naturale regionale Terra delle Gravine ed occupa la posizione mediana nella parte occidentale della provincia di Taranto che costituisce il cosiddetto “arco Jonico”.

Il suo territorio va dalla Murgia tarantina fino al Mar Ionio, e presenta una grande varietà di paesaggi e diverse presenze naturalistiche storiche e archeologiche.

Castellaneta è solcata da una serie di “gravine” e di “lame” (naturale prosieguo delle gravine con pareti meno ripide) di origine fluvio-carsica, che si dirigono verso il mare facendo confluire nel fiume Lato le acque che raccolgono durante le piogge.

Montecamplo (più precisamente la località detta S. Trinità) è il suo punto più alto (411 m).

 

 

NEL LINK SOTTO IL TITOLO : ” LE GRAVINE ” –SEMBRANO ESSERE SEI

https://it.wikipedia.org/wiki/Castellaneta

 

 

LE  MURGE–XVII SECOLO —

Oplita (discussione | contributi

 

In località Minerva sono stati trovati numerosi vasi ed altri manufatti che risalgono all’età del bronzo (2000-1000 a.C.).

 

 

NEL LINK, A CHI PUO’ INTERESSARE, IL MEDIOEVO, GARIBALDI, EPOCA DEL BRIGANTAGGIO…

https://it.wikipedia.org/wiki/Castellaneta

 

 

La chiesa di San Domenico

chiesa di San Michele–Roccocola di Wikipedia in italiano – ROCCO ROCCO

Centro Storico Castellaneta – Cattedrale S. Nicola

Centro storico Castellaneta – via la Marina

Castellaneta (centro storico) nel 1700

 

Palazzo Catalano

GRAVINA DI CASTELLANETA1.jpg–Insediamenti rupestri

Roccocola (discussione | contributi)Rocco Rocco

Lungo le gravine sono presenti vari insediamenti rupestri. Alcuni sono di origine alto medievale (VX secolo), quando la regione visse un periodo di notevole decadenza politica ed economica e fu ripetutamente attaccata da popolazioni straniere (prima i Goti, poi i Longobardi e i Saraceni).

Oltre che da necessità difensive, la vita nelle grotte fu incentivata nell’VIII secolo dalla lotta iconoclasta di Leone III e in quelle stesse gravine trovarono riparo molti monaci greci, giunti dall’Oriente.

LISTA E RACCONTO BREVE DEGLI INSEDIAMENTI RUPESTRI —NEL LINK SOTTO IL TITOLO: ” INSEDIAMENTI RUPESTRI “

https://it.wikipedia.org/wiki/Castellaneta

Insediamenti rupestri

 

IL PAESE VECCHIO

Il “paese vecchio” sorge sul ciglio della Gravina di Castellaneta, in posizione decentrata, ed un tempo era delimitato da spesse mura che cingevano il paese nella parte scoperta. Il centro storico ha un impianto medievale, con vicoli e stradine molto strette, ma i tesori di maggior pregio architettonico sono del barocco.

Notevole importanza architettonica hanno le contigue piazze F. De Martino e Maria Immacolata dove sono presenti i tre edifici di maggior fattura. La Cattedrale (o chiesa di San Nicola) eretta nel 1220 e quasi completamente riedificata nel XVIII secolo (solo il campanile rimane della vecchia chiesa). Bellissima la sua facciata barocca e ancor di più il suo soffitto ligneo intagliato, con tre tele del Settecento di Carlo Porta  e quattro di fine Settecento – inizio Ottocento di Domenico Carella di Martina.

 Il contiguo settecentesco Palazzo Vescovile (attuale sede del vescovado) custodisce un dipinto risalente al Cinquecento del Santacroce ed altre interessanti tesori artistici. Il Palazzo Baronale, sede storica del potere politico, trasformata prima in seminario poi in convento delle Monache clarisse.

Nel borgo antico sono presenti numerosi palazzi signorili, sintomo del grande avvicendarsi di feudatari su questo territorio. Da ricordare è il Palazzo Catalano con la sua facciata orientaleggiante, il Palazzo Sarapo con il suo portone barocco e i palazzi D’Alagni, Lagroia e Frisini.

 

Palazzo Catalano

Da vedere sono anche piazza Umberto I con la sua Fontana Monumentale centrale (1871), e il monumento a Rodolfo Valentino (1961) posto al termine della “Passeggiata” dedicata allo stesso attore e realizzato in maiolica.

 

Gravina grande

 

CASTELLANETA — Gravina con ponte-canale dell’Acquedotto pugliese

 

Castellaneta Marina, Mare e Dune

Sulla costa si estende la frazione di Castellaneta Marina, cui compete, per origine ed utilizzo, una funzione prettamente turistica. La località, composta quasi esclusivamente da ville, si trova nella pineta di Bosco Pineto che si estende per circa 9 km lungo la costa, penetrando verso l’interno del territorio per oltre 300 m.

28 novembre 2016

Castellaneta, città natale di Rodolfo Valentino, ma non solo

 

 

Castellaneta, Taranto, Parco naturale delle Gravine - Gravine natural park

Castellaneta non è soltanto la città natale di Rodolfo Valentino.

È uno splendido comune in provincia di Taranto situato nel Parco naturale delle Gravine, nella zona delle Murge.

E la sua porzione antica, la “città vecchia” – il borgo cui si riferiscono le presenti immagini – si sporge proprio sull’orrido di un canyon che porta il suo nome, “Gravina di Castellaneta”, tra le più spettacolari incisioni erosive della Puglia, profonda nel suo punto massimo quasi centocinquanta metri ed estesa per circa dieci chilometri.

Il centro storico, di impianto medievale, ospita numerosi e pregiati palazzi signorili e chiese.

Si affaccia su un paesaggio variegato, che va dalle colline al mare, lo Ionio, sulla cui riva di sabbia fine è adagiata la frazione di Castellaneta marina, immersa nella macchia mediterranea.

È circondata da una campagna disseminata di masserie storiche, alcune delle quali risalenti al XVIII secolo, e da un’area verde, come la Riserva di Montecamplo, che rappresenta un tesoro naturalistico a cielo aperto.

Castellaneta è questo e molto altro. Ed è anche il borgo natale di Rodolfo Guglielmi, in arte Rodolfo Valentino (1895-1926), divo del cinema muto statunitense, i cui anni di nascita e morte coincidono esattamente con quelli gloriosi della “silent era” cinematografica, di cui è simbolo indiscusso.

I concittadini castellanetani gli hanno dedicato un museo.

 

 

Photos via: ©Castellaneta FilmFest, ©Gianpiero Bacchetta, ©Ugo Ferrero, ©aprile_lucia, ©Max Pirovano, ©samiK31

 

 

Una risposta a CASTELLANETA IN PROVINCIA DI TARANTO –IN PUGLIA …— guardate i mangiaretti…è la patria di Rodolfo Valentino ! –wikipedia e Italian Ways+ internet

  1. Donatella scrive:

    L’asprezza del paesaggio contrasta con la gentilezza delle case bianche, dei palazzi barocchi e fantasiosi, come se gli abitanti avessero voluto ingentilire la durezza della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *