GIUSEPPE LO BIANCO E SANDRA RIZZA ( notizie a metà) : DEPI STATO– ” Il depistaggio di via D’Amelio alla luce delle nuove acquisizioni e sentenze: il protagonismo dei servizi segreti e la continuità storica con le deviazioni che hanno caratterizzato la storia delle stragi in Italia, da Piazza Fontana alla stazione di Bologna. ” + UN CONTRIBUTO DI SALVATORE BORSELLINO – ++ PRESENTAZIONE DEL LIBRO DA PARTE DELL’ANTIMAFIA DUEMILA, 10 LUGLIO 2019 DI AARON PETTINARI (notizie in fondo), CON PRESENZE ILLUSTRI DELL’ANTIMAFIA

 

 

 

 

Depistato

Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza

Anno edizione: 2019
In commercio dal: 27 giugno 2019
Pagine: 247 p., Brossura
16,50 PREZZO PIENO

In queste pagine è raccontato il depistaggio di via D’Amelio alla luce delle nuove acquisizioni e sentenze: il protagonismo dei servizi segreti e la continuità storica con le deviazioni che hanno caratterizzato la storia delle stragi in Italia, da Piazza Fontana alla stazione di Bologna.

Questa è la storia di un giudice ucciso due volte: da una Fiat imbottita di tritolo e da una clamorosa macchinazione di Stato che ha coperto i veri responsabili della sua morte. È la storia dell’indagine affidata illegalmente al Sisde di Bruno Contrada e consegnata al gruppo investigativo di Arnaldo La Barbera, che si è trasformata nella più grande mistificazione giudiziaria della Repubblica. C’è solo da leggerla, reprimendo la rabbia e l’indignazione, e raccontarla ad altri, e poi ad altri ancora, perché nessuno possa dimenticare cosa è successo in questo paese e quel che resta oggi delle indagini inquinate: un processo a tre pesci piccoli e tante domande senza risposta, nel trionfo dell’omertà istituzionale. Ventisette anni di falsi testimoni e false verità: colloqui investigativi “anomali”, ritrattazioni ignorate, sopralluoghi mai verbalizzati, investigatori a caccia di colpevoli fasulli, magistrati “distratti” e guerre tra apparati. In queste pagine è raccontato il depistaggio di via D’Amelio alla luce delle nuove acquisizioni e sentenze: il protagonismo dei servizi segreti e la continuità storica con le deviazioni che hanno caratterizzato la storia delle stragi in Italia, da Piazza Fontana alla stazione di Bologna.

 

 

  • Giuseppe Lo Bianco Cover

    Cronista giudiziario da ventitré anni, ha lavorato al «Giornale di Sicilia» e a «L’Ora» negli anni caldi della guerra di mafia, dal blitz del settembre 1984 dopo le dichiarazioni di Buscetta, che originò il primo maxiprocesso alle cosche, ai misteri delle stragi mafiose, ai processi Andreotti e Contrada.È convinto che sia riduttivo continuare a definire mafia un sistema democraticamente rappresentato, che costituisce la prima, autentica, emergenza del paese.Oggi collabora con «il Fatto Quotidiano» e con «MicroMega». Corrispondente de «L’espresso» dalla Sicilia, ha scritto con Franco Viviano La strage degli eroi (Edizioni Arbor 1996). Con Sandra Rizza, Rita Borsellino. La sfida siciliana (Editori Riuniti, 2006),  Il gioco grande. Ipotesi su Provenzano (Editori Riuniti 2006), L’agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere 2007), Profondo nero (Chiarelettere 2009), L’agenda nera della Seconda Repubblica (Chiarelettere 2010), Antonio Ingroia, Io so (Chiarelettere 2012), libro intervista al magistrato anti-mafia, Ombre nere. Il delitto Mattarella tra mafia, neofascisti e P2 (Rizzoli 2018).
    Con Vincenzo balli ha scritto The Truman boss. La storia surreale di una famiglia che ha vissuto per anni sotto protezione nel terrore di essere bersaglio della mafia (Castelvecchi 2017).

  • Sandra Rizza Cover

    Per un decennio cronista giudiziaria all’Ansa di Palermo, ha imparato il mestiere negli stanzoni de «L’Ora» di Palermo, negli anni caldi della guerra di mafia, passando presto dalle cronache di ordinaria marginalità sociale alla cronaca nera e giudiziaria.Ha collaborato con «il manifesto» seguendo le udienze del maxiprocesso, e firmando servizi di approfondimento sul tema del garantismo, sul pentitismo e sugli aspetti «sociologici» del fenomeno mafia, a partire dal ruolo delle donne all’interno dei clan.Ha collaborato con «La Stampa», ed è stata corrispondente dalla Sicilia del settimanale «Panorama» negli anni delle stragi 1992-93. Oggi collabora con «MicroMega» e «il Fatto Quotidiano».Ha Rita Atria. Una ragazza contro la mafia (edizioni La Luna 1993). Con Giuseppe Lo Bianco ha scritto, Rita Borsellino. La sfida siciliana (Editori Riuniti 2006), Il gioco grande. Ipotesi su Provenzano (Editori Riuniti 2006), L’agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere 2007), Profondo nero (Chiarelettere 2009), L’agenda nera della Seconda Repubblica (Chiarelettere 2010), AntonioIngroia. Io so (Chiarelettere 2012), libro intervista al magistrato antimafia, e Ombre nere. Il delitto Mattarella tra mafia, neofascisti e P2 (Rizzoli 2018).

     

ANTIMAFIA DUEMILA, 10 LUGLIO 2019

http://www.antimafiaduemila.com/home/mafie-news/228-cosa-nostra/75106-a-palermo-presentato-depistato-il-libro-di-lo-bianco-rizza-sulla-strage-di-via-d-amelio.html

 

 

MAFIE NEWS

A Palermo presentato ”Depistato”, il libro di Lo Bianco-Rizza sulla strage di via d’Amelio

di Aaron Pettinari
Ieri contributi e riflessioni per rispondere alle domande aperte a 27 anni dalla strage

Questa è la storia di un giudice ucciso due volte: da una Fiat imbottita di tritolo e da una clamorosa macchinazione di Stato che ha coperto i veri responsabili della sua morte.
È la storia dell’indagine affidata illegalmente al Sisde di Bruno Contrada e consegnata al gruppo investigativo di Arnaldo La Barbera, che si è trasformata nella più grande mistificazione giudiziaria della Repubblica“. Sono queste alcune parole di “Depistato“, il libro scritto dai giornalisti Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza ed edito da Chiarelettere che racconta il depistaggio sulla strage di via d’Amelio, presentato ieri sera a Palermo presso il Cinema Rouge et Noir.Il libro riprende il filo della storia che avevamo già raccontato con l’Agenda Rossa e l’Agenda Nera, alla luce delle più recenti risultanze processuali, su tutte la sentenza Borsellino quater – ha spigato l’autrice Sandra Rizza – La certezza da cui si riparte è che Vincenzo Scarantino è stato ‘indotto’ a fingersi quello che non era a causa delle minacce, delle pressioni, da parte della Polizia di Stato. C’è un processo in corso ma già tra le pieghe della sentenza del quarto processo sulla strage di via d’Amelio si evincono le responsabilità del Gruppo Falcone Borsellino, guidato da Arnaldo La Barbera, che era Capo della Mobil di Palermo, poi promosso Questore e che scopriremo solo anni dopo essere stato anche agente sotto copertura del Sisde. Quel Sisde che fu coinvolto nelle indagini in maniera del tutto irrituale. Oggi c’è un nuovo processo contro tre poliziotti (Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei) accusati per l’indottrinamento di Scarantino. Ma le responsabilità si fermano lì?.

Le domande che restano su quel che avvenne ventisette anni fa sono molteplici. Ieri i due autori sono stati coadiuvati nelle riflessioni con il contributo di ospiti di eccezione come Salvatore Borsellino, l’ex magistrato, Antonio Ingroia, l’avvocato Fabio Repici e l’agente sopravvissuto alla strage di via d’AmelioAntonino Vullo, oltre che ad un video in cui sono state raccolte le testimonianze di Leonardo GuarnottaGiuseppe Di Lello Vittorio Teresi.

Le parole di Borsellino
Accompagnate dalla voce di Giuditta Perriera sono le letture di alcuni brani del libro a indicare gli argomenti sviluppati nel corso della serata. E la riflessione è partita dall’ultimo discorso pubblico di Paolo Borsellino, il 25 giugno 1992, a Casa Professa.
In quella sede Borsellino disse di essere un “testimone” che aveva raccolto confidenze di Falcone ed elementi che potevano essere utili alla ricostruzione dell’evento che aveva posto fine alla vita di Giovanni Falcone, la strage di Capaci, dichiarando di volerli riferire all’autorità giudiziaria.

E’ Peppino Lo Bianco ad aver ricordato che da quel 25 giugno fino al 19 luglio mai nessuno alla Procura di Caltanissetta reputò opportuno convocare Borsellino, che in quel momento era indicato da tutti come il chiaro successore di Falcone. 
Uno dei tanti incomprensibili perché rimasti fin qui senza risposta. La memoria del 19 luglio 1992 è stata affidata ad Antonino Vullo, sopravvissuto in quell’inferno, che ha immediatamente evidenziato come in quel giorno del gruppo scorta nessuno conosceva l’esatta ubicazione dell’abitazione della madre di Borsellino. “Fu Paolo a ragguagliarci – ha ricordato – Mai nessuno di noi era stato prima in via d’Amelio. Io conoscevo un po’ la zona e aprii il corteo in quel giorno. Quando arrivammo subito scorgemmo le macchine parcheggiate laddove sarebbe stata necessaria una rimozione delle auto. Ricordo quegli attimi. C’è stato un momento in cui il giudice e gli altri erano a tiro, davanti all’autobomba ma lo scoppio non avvenne in quel momento ma quando erano già dentro al cortile. Una cosa che mi sono sempre chiesto è perché lo scoppio dell’autobomba fu così ‘ritardato’. Dopo lo scoppio mi sono sentito schiacciare da una fortissima pressione dentro la macchina. Esco e capisco quel che è accaduto. Girovagavo come un forsennato. Quando un collega mi ha bloccato mi accorsi che ero sopra al piede mozzato di un collega. Poi mi sono trovato in ospedale. Ed è ancora tanto il dolore“.
L’ex pm Ingroia ha ricordato il profondo cambiamento che colpì Borsellino dopo la morte di Falcone. “In quel periodo si occupava di diverse cose, come di raccogliere le dichiarazioni di MutoloLeonardo Messina, ma anche di quell’esposto anonimo di 8 cartelle che voleva approfondire con attenzione. Se in passato però era sempre stato molto generoso nello scambio di informazioni ricordo che dopo quel 23 maggio divenne più accorto e taciturno. Qualcosa mi accennò di quel che gli disse Gaspare Mutolo in quei primi incontri. Ma non mi disse tutto quello che aveva scoperto. E purtroppo molte cose non si sono sapute o non sono state affidate ad altri. E’ per questo motivo che divenne necessario far sparire l’agenda rossa“. Ingroia ha anche raccontato del suo incontro con Tinebra dopo la morte di Borsellino:

Gli raccontai la confidenza che Paolo Borsellino fece a noi sulla rilevanza delle dichiarazioni di Mutolo su Contrada. Lo dissi informalmente a Tinebra che mi guardò con un’aria severa e preoccupata. Mi diede una pacca sulle spalle dicendo che ci saremmo sentiti. Non fui più richiamato e Tinebra chiese proprio a Contrada di dare una mano nelle indagini. Solo qualche anno dopo sul punto fui sentito dai colleghi Boccassini e Cardella. 
Durante il processo Contrada emerse proprio il ruolo dell’ex numero tre del Sisde sulle indagini di via d’Amelio, addirittura si attribuiva la decisività nella raccolta di quelle informazioni sulle parentele mafiose di Scarantino. Se mettiamo insieme tutte queste cose, a cui poi si aggiunge il semi riconoscimento di Spatuzza su un altro soggetto del Sisde come la persona che era presente quando fu imbottita la macchina di esplosivo, si ha l’immagine della strage di Stato che si è compiuta in via d’Amelio. E Paolo Borsellino fu fermato perché era entrato dentro alla questione. Aveva capito che dentro lo Stato si stava ricostruendo il nuovo patto con la mafia e che dentro la mafia ci si preparava ad un traghettamento verso il futuro“.

 

 

 
Click to enlarge image 2.jpg
Click to enlarge image 3.jpg
Click to enlarge image 4.jpg
Click to enlarge image 5.jpg
Click to enlarge image 6.jpg

Delle anomalie inspiegabili ed indecifrabili per cui il racconto di Scarantino si sovrappone in numerosi punti con quello di Spatuzza ha parlato Fabio Repici partendo da un presupposto: Noi dobbiamo escludere le rivelazioni di Scarantino perché in realtà quelle dichiarazioni sono quelle che la Polizia gli fa dire. Ci sono solo due differenze che si possono individuare. La prima riguarda il momento del caricamento dell’esplosivo nella Fiat 126. Laddove Spatuzza aggiunge la presenza, oltre a quella di Graviano, Tinnirello e Tagliavia, di un uomo che non era di Cosa nostra. La realtà è che Spatuzza, seppur in forma dubitativa, ha compiuto il riconoscimento di una foto che raffigurava il capo centro del Sisde di PalermoLorenzo Narracci.

Nella versione della Polizia offerta a Scarantino, invece, non c’è questa figura. Quindi vi è una protezione e il dato che deve emergere è che fosse stata solo Cosa nostra“. Repici ha invitato i presenti a guardar a “tutte le sfumature” della vicenda del depistaggio, che ha portato anche al processo di revisione nei confronti di persone che furono condannate ma che erano innocenti, perché anche in quelle revisioni, non tutte le posizioni sono uguali“.

Per il legale di Salvatore Borsellino “in punto di fatto fu un errore la revisione di Gaetano Scotto. Lui era un importante mafioso de l’Arenella e il copione Scarantino conferma questo fatto. Nel quater abbiamo anche saputo che Scotto non era uno qualunque ma un uomo che all’interno del mandamento di Resuttana manteneva i contatti con la Polizia di Stato ed i Servizi. Lo hanno descritto così numerosi collaboratori di giustizia. Scarantino si ferma solo all’aspetto mafioso. Quindi il copione Scarantino toglie quegli elementi più vicini ai pezzi di Stato, occultato le responsabilità dei concorrenti di Cosa nostra.

Quella fonte a cui si fa riferimento in sentenza che può aver fornito gli elementi di verità sulla strage o è uno stragista o una persona legata ad uno o più stragisti. E che vi fosse altro oltre Cosa nostra è chiaro in via d’Amelio ma anche a Capaci e prima ancora all’Addaura, nell’omicidio Agostino“.

E’ stato infine Salvatore Borsellino a prendere la parola. Il fratello del magistrato si è detto “sicuro che Paolo abbia fatto delle copie dell’agenda rossa. Dico questo perché dopo la sua morte io ho trovato diversi scritti che erano ripetutamente fotocopiati. Ma sono altrettanto certo che quelle prove siano state fatte sparire dagli stessi autori del furto dell’agenda rossa dalla borsa, il 19 luglio. Perché vi furono perquisizioni nella casa al mare a Villagrazia di Carini e in ufficio. 
Io faccio una riflessione logica che trova conferma nelle carte: chi ha preso l’agenda rossa sapeva della strage. Io un tempo credevo che la morte di mio fratello fosse dovuta all’incuria dello Stato, poi ho capito il valore che invece aveva quell’agenda sparita. Ho capito che c’era lo Stato dietro quell’assassinio. Per questo scrissi la lettera aperta via d’Amelio strage di Stato, quando ancora di trattativa non si parlava. In quell’agenda non poteva che esserci scritto della trattativa e quelle cose che aveva scoperto. Se fosse stata trovata quell’agenda rossa, e si fosse scoperto che dopo Falcone e Borsellino qualcuno stava trattando con la mafia si sarebbe avuta una rivoluzione o qualcosa di ancora più clamoroso rispetto a quanto avvenne per i funerali degli agenti di scorta. Allora necessariamente l’agenda rossa doveva essere fatta sparire, per non correre rischi“.

 

 

Risultati immagini per aaron pettinari

Aaron Pettinari si aggiudica il Premio Fondazione Caponnetto

Immagine correlata

 

 

Aaron Pettinari (1984), giornalista pubblicista, è capo redattore di «Antimafia Duemila». Dal 2014 inviato a Palermo. Ha collaborato con «I Siciliani Giovani», «L’Ora Quotidiano», «Il Resto del Carlino», «La Gazzetta dello Sport» e il quotidiano on line laprovinciadifermo.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *