ANCORA PER ” IL DOLCE NEMO ” ::: DAL BLOG DI MONICA GALEOTTI::: VECCHIE FOTO DI BOLOGNA…+++ TUTTO SU PALAZZO RONZANI E IL CINEMA MODERNISSIMO…— un blog speciale da seguire, grazie cara Monica !

 

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Mercato di Mezzo  — link facebook

 

 

Il blog di Monica Galeotti

https://facciamoungiroincentro.blogspot.com/2018/01/bologna-fotografata.html

 

martedì 9 gennaio 2018

Bologna Fotografata

Una mostra fotografica su Bologna che tocca tre secoli di storia.

E della città c’è tutto, o quasi.

Bologna-Fotografata

Dall’abbattimento sciagurato delle mura e di alcune torri per fare spazio alla “modernità”, alla distruzione durante la seconda guerra mondiale, fino alla ricostruzione.

Bologna-Fotografata

Gli avvenimenti del dopoguerra e i personaggi che ne hanno preso parte: il basket giocato alla Sala Borsa, il Bologna calcio, il femminismo, le donne di Antonio Masotti, Lucio Dalla, Vasco Rossi, Andrea Pazienza e i grandi artisti passati in città, Ella Fitzgerald, Keith Jarrett, Miriam Makeba, Miles Davis, Sofia Loren, i Clash, Patti Smith.

La rivoluzione del Cassero e il Movimento del ’77, il disastro alla stazione ferroviaria del 2 agosto.

Bologna-Fotografata

La mostra si apre con la visione archeologica di Willy Osterman, fotografo e professore di New York, al quale fu commissionato nel 1998 un ambizioso progetto a Bologna: rifotografare antiche immagini della città, per rivelarne la trasformazione.

Attraverso un accuratissimo lavoro durato nove mesi, le immagini vengono messe a confronto con una trasformazione perfetta.

Qui alla mostra sono proposte attraverso un bellissimo video fotografico, ma sono selezionate anche nel libro “Déjà View. Bologna, Italy”.

Bologna-Fotografata

La presentazione scritta, a cura dei responsabili della mostra, ha una nota interessante:

“Ci tuffiamo nella cornice delle fotografie come se fossero finestre aperte sui nostri ricordi, senza accorgerci che qualcuno ha deciso quali cose dovessimo vedere e quali no, e anche come dovessimo vederle.

I fotografi non sono cavalieri solitari della rappresentazione. Il loro lavoro è spesso commissionato dalle istituzioni. 

La Bologna che vedremo non è la Bologna com’era, ma come qualcuno ha voluto che la vedessero i contemporanei e noi posteri.

E’ una Bologna premeditata.

E tuttavia anche quelle volontà di rappresentazione orientate, intenzionali, politiche o artistiche, una volta che ne siamo consapevoli, diventano parte della visione straordinaria che la fotografia ci consente di gettare dietro le nostre spalle, sull’aspetto dei luoghi come erano, come sono cambiati, come sono diventati.”

Quindi iniziamo con la carrellata di storia; e di emozioni per chi Bologna la conosce, perché ci ha vissuto o perché ci vive:

Bologna-Fotografata

piazza Vittorio Emanuele II (oggi piazza Maggiore) con i banchetti del mercato. La foto risale a prima del 1877 perché in quell’anno cessò di svolgersi il mercato.

 

 

Bologna-Fotografata

Veduta del Caffè Ristorante Zemmi, costruito all’interno dei Giardini Margherita, in occasione dell’Esposizione Emiliana (foto Pietro Poppi, 1888).

 

 

 

Bologna-Fotografata

Piazza Vittorio Emanuele II (piazza Maggiore), ante 1904, con la statua equestre oggi spostata all’entrata dei Giardini Margherita.

 

 

Bologna-Fotografata

Teatro diurno Arena del Sole.

Aspetto dell’anfiteatro all’aperto, alla centesima rappresentazione dell’opera “La figlia di Jorio”, 1904.

 

 

Bologna-Fotografata

Via degli Orefici. Sale interne alla birreria Ronzani in palazzo Lambertini, prima delle demolizioni avvenute durante gli sventramenti del Mercato di Mezzo (foto Arnaldo Romagnoli, 1911).

→ Vedi Palazzo Ronzani

da qui si inserisce un altro post su Palazzo Ronzani, siamo andati al link, se vuoi continuare nelle vecchie foto salta a…

 

Il Cinema Modernissimo e Palazzo Ronzani

via Rizzoli, 1/3, angolo piazza Re Enzo.

Il CINEMA MODERNISSIMO venne inaugurato nel febbraio del 1915, quando ancora si stavano ultimando i lavori di Palazzo Ronzani, in via Rizzoli 1-3.

Bologna-Cinema Modernissimo

Cinema Modernissimo, Bologna 1956  (foto sito Cineteca di Bologna)

PALAZZO RONZANI nasce dall’avveniristico progetto dell’ingegnere, architetto e scenografo Gualtiero Pontoni, su commissione di Alessandro Ronzani, noto industriale della birreria Ronzani di Casalecchio.

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

Pontoni aveva già lavorato per Ronzani, progettando gli interni della Birreria Ronzani nell’antico Palazzo Lambertini nel Mercato di Mezzo, poi distrutto nel 1912 dal nuovo piano regolatore. Nello stesso Palazzo Lambertini nacque il Bologna Football Club, fondato il 3 ottobre 1909

 

Bologna-Palazzo Lambertini

Birreria Ronzani, Palazzo Lambertini (foto collezione Genus Bononiae)

 

Palazzo Ronzani è in stile tardo liberty, soprattutto francese, con una torretta sopraelevata ad angolo fra via Rizzoli e piazza Re Enzo, luogo dalla vocazione commerciale e di intrattenimento.

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

Sulla facciata infatti le allegorie del commercio e dell’industria, sculture in maiolica di Arturo Colombarini

 

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

Curiosa e pregevole la pensilina liberty in ferro battuto per l’attesa del tram, di Umberto Costanzini, 1921.

 

Bologna-Palazzo Ronzani

 

 

Bologna-Ex Cinema Arcobaleno (foto sito Repubblica Bologna)
Ex Cinema Arcobaleno (foto sito Repubblica Bologna)

Nel 1955 un programma di ammodernamento porta alla presenza di due sale cinematografiche: il cinema Modernissimo, sotterraneo, con accesso da piazza Re Enzo 1 e il cinema Centrale, poi Royal, di via Rizzoli, 3. La prima sala rimarrà in attività fino al 2007 con il nome di Cinema Arcobaleno.

 

 

Ex Cinema Arcobaleno, Palazzo Ronzani (foto sito TRC)

 

L’obbiettivo di oggi, curato dal Comune in collaborazione con Unindustria e la Cineteca di Bologna, è quello di riportare la sala alla sua identità artistico-architettonica di inizio novecento.

 

Cinema Modernissimo

 

Nel progetto complessivo è prevista la ristrutturazione completa di camminamento nel sottopassaggio, passando direttamente dal Modernissimo alla Sala Borsa e viceversa.

 

 

Cinema Modernissimo

Sottopassaggio

 

 

Durante i lavori, il ritrovamento di una porzione di pavimentazione romana e, mostrata al muro, un pezzo di tubazione in piombo dell’antico acquedotto romano.

 

 

Cinema Modernissimo

 

Cinema Modernissimo

 

 

All’interno, gli antichi soffitti del cinema con decorazioni liberty, saranno recuperati.

 

 

Cinema Modernissimo

 

Cinema Modernissimo

 

 

Si è dato l’incarico allo scenografo Giancarlo Basili di progettare la ristrutturazione del Modernissimo.

Il recupero rappresenta un’occasione unica per la città di Bologna.

 

Cinema Modernissimo

Interno del cinema in ristrutturazione

 

Cinema Modernissimo

Interno del cinema in ristrutturazione

 

Cinema Modernissimo

Interno del cinema in ristrutturazione

 

 

Cinema Modernissimo

 

Uscita laterale del Cinema Modernissimo su via Degli Orefici

 

 

Cinema Modernissimo

 

Nel cuore del centro storico, il ‘nuovo’ Cinema Modernissimo si presenterà come luogo ideale di diffusione della cultura cinematografica, in continuità con lo spettacolo del festival “Il Cinema Ritrovato”, che ogni estate anima Piazza Maggiore (Cineteca Bologna).

 

 

… A QUI !

 

 

Bologna-Fotografata

Un piccolo cinema, con riprese su una Bologna distrutta dagli eventi bellici della Seconda Guerra

 

 

Bologna-Fotografata

Orti di guerra dell’Opera Nazionale Maternità ed Infanzia (O.N.M.I.), nell’area di piazza Puntoni (foto Nino Comaschi, 1942).

 

 

Bologna-Fotografata

Orti di guerra in città e la mietitura del grano ai Giardini Margherita, 1942.

 

Bologna-Fotografata

Sofia Loren al Grand Hotel Baglioni (foto Aldo Ferrari, anni 1950), e in occasione del passaggio del Rally del Cinema (foto Nino Comaschi, 1956).

 

 

Bologna-Fotografata

Sofia Loren con i dipendenti dell’Alcisa in occasione delle riprese del film “La mortadella” di Mario Monicelli, 1971.

 

 

Bologna-Fotografata

Alfred Hitchcock visita gli scavi di Spina al Museo Archeologico (foto Walter Breveglieri, 1960).

 

 

Bologna-Fotografata

Giorgio Morandi con la moglie Dina in piazza Santo Stefano (foto Walter Breveglieri, 1995).

 

 

Bologna-Fotografata

Via Castiglione. Sotto il portico (foto Aldo Ferrari, anni 1950).

 

Bologna-Fotografata

Traffico in Strada Maggiore (foto Nino Comaschi, 1959).

 

 

Gli “scattini”, i paparazzi della gente comune.

I precursori dei più celebri paparazzi, gli “scattini” erano fotografi di strada attivi dalla metà degli anni ’30 ai primi anni ’60, lungo le maggiori arterie dei principali centri cittadini.

A Bologna in via Ugo Bassi, via Rizzoli, piazza Maggiore, piazza Nettuno e via Indipendenza gli “scattini” fotografavano il passeggio spesso simulando uno scatto, per non consumare l pellicola, e ripetendolo se il soggetto era interessato.

Bologna-Fotografata
Bologna-Fotografata

I giocatori della Virtus giocano in Sala Borsa: Negroni, Zucchi, Rapini. A lato Rosolen del Pavia (anni ’50). 

Bologna-Fotografata
Bologna-Fotografata

Donne e femminismo.

Al centro l’avvocato Edda Stocchi protagonista del movimento femminile nazionale e che partecipò alla redazione di alcune importanti leggi del Diritto Civile (foto Enrico Pasquali, anni 1960).

Bologna-Fotografata

Le Bolognesi, di Antonio Masotti.

Nel 1963 nelle librerie italiane esce un libro che raccoglie una selezione di 146 fotografie scattate dal fotografo fra il 1958 e il 1962.

Riprendendo donne eleganti, sofisticate, studentesse, artiste, fruttivendole, bariste, ci si accorge che le donne bolognesi non hanno nulla in comune con lo stereotipo bolognese della donna prosperosa e disponibile.

Bologna-Fotografata

E’ un omaggio alle donne di Bologna che Masotti immortalò fra i portici e le piazze della città.

Bologna-Fotografata

Charlie Haden, 1969.

Keith Jarrett, al Teatro Comunale, 1969.

Ella Fitzgerald, 1970.

(foto Piero Casadei)

Bologna-Fotografata

Miles Davis al Palasport, 1973.

Miriam Makeba al Palasport, 1973.

Chet Baker e Charles Mingus.

(foto Luigi Nasalvi) 

Bologna-Fotografata

Lucio Dalla e Paola Pallottino, 1971 (foto Walter Breveglieri).

Bologna-Fotografata

Andrea Pazienza, 1977 (foto Francesco Candi).

Bologna-Fotografata

Inaugurazione del Cassero di Porta Saragozza, 26 giugno 1982 (foto Ugo Bonessi).

Bologna-Fotografata

Il Movimento del ’77
Movimento politico spontaneo extraparlamentare nato in Italia come sviluppo e trasformazione dei movimenti giovanili e operai ancora esistenti dopo il Sessantotto, caratterizzato dalla dichiarata contestazione al sistema dei partiti e dei sindacati.
Bologna fu teatro di violentissimi scontri in piazza, culminati con l’uccisione di Francesco Lorusso, militante di Lotta Continua.

“Coda di Lupo” – Fabrizio de Andrè, la lotta armata degli anni 70 in poesia.  

Bologna-Fotografata

Scritte al DAMS occupato, 16 febbraio 1977 (foto Enrico Scuro).

Bologna-Fotografata

Umberto Eco e Luigi Squarzina in assemblea al DAMS occupato, 3 marzo 1977 (foto Enrico Scuro).

Bologna-Fotografata

Dario Fo al Palasport, “Convegno nazionale contro la repressione”, una tre giorni (23-25 settembre 1977) che segna probabilmente la fine politica del Movimento del ’77 (foto Enrico Scuro).

Bologna-Fotografata

Patty Smith in concerto allo stadio, 9 settembre 1979 (foto Enrico Scuro).

Vasco Rossi, Dalla e De Gregori.

Bologna-Fotografata

La mostra, prevista dal 9 giugno al 30 settembre 2017 e prorogata fino al 5 febbraio, è stata ulteriormente prorogata fino al 2 aprile 2018.
Ma non è tutto! La Cineteca di Bologna, promotrice della mostra, sta lavorando insieme all’area cultura del Comune per collocarla in uno spazio permanente.

La mia foto “Dark Bologna”, omaggio a un brano di Lucio Dalla, è entrata nelle 31 della selezione definitiva fra le oltre 4.500 del contest su Instagram e sarà proiettata insieme a tante altre durante la mostra.

Bologna-san-luca
“Lungo l’autostrada da lontano ti vedrò ecco là le luci di San Luca”. (Dark Bologna) Lucio Dalla. 

                                                → Cerca Bologna

3 risposte a ANCORA PER ” IL DOLCE NEMO ” ::: DAL BLOG DI MONICA GALEOTTI::: VECCHIE FOTO DI BOLOGNA…+++ TUTTO SU PALAZZO RONZANI E IL CINEMA MODERNISSIMO…— un blog speciale da seguire, grazie cara Monica !

  1. nemo scrive:

    Quanti ricordi, cara Chiara! Grazie di cuore.

  2. Donatella scrive:

    Com’è bella Bologna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *