LA BASILICA DI SAN BERNARDINO DA SIENA ALL’AQUILA– DOPO IL TERREMOTO HA RIAPERTO A MAGGIO DEL 2015 IN TUTTO IL SUO SPLENDORE…

 

 

 

Basilica di San Bernardino (facciata).jpg

La bellissima facciata rinascimentale della chiesa di San Bernardino da Siena

Lasacrasillaba – Opera propria

 

La basilica di San Bernardino è un edificio religioso dell’Aquila, situato nel quarto di Santa Maria.

Venne costruita, con l’adiacente convento, fra il 1454 e il 1472 in onore di san Bernardino da Siena, le cui spoglie sono custodite all’interno del mausoleo del Santo realizzato a opera di Silvestro dell’Aquila.[1] La facciata, eretta nel secolo successivo da Cola dell’Amatrice con influenze michelangiolesche, è considerata la massima espressione dell’architettura rinascimentale in Abruzzo

 

L’esterno della basilica in un’incisione ottocentesca, 1899

I lavori di restauro al soffitto della basilica dopo il sisma del 2009–foto del 2011

I volumi della basilica svettano sul quarto di Santa Maria

Risultati immagini per basilica di san bernardino

La scalinata monumentale e la facciata della basilica in una fotografia d’autore di Paolo Monti (1969)

L’interno, in stile barocco, è dovuto alla ricostruzione dell’edificio in seguito al terremoto del 1703 a opera di più progettisti — tra i quali sicuramente Filippo BarigioniSebastiano Cipriani e Giovan Battista Contini[3] — e conserva importanti opere d’arte di Andrea della RobbiaFrancesco BedeschiniPompeo CesuraRinaldo Fiammingo e Donato Teodoro, oltre al già citato Silvestro dell’Aquila, autore anche del mausoleo di Maria Pereyra Camponeschi. Il soffitto in legno intagliato e ornato di oro zecchino è opera di Ferdinando Mosca.

Lasacrasillaba – Opera propria

La facciata della basilica di San Bernardino in una fotografia di Marco Equizi.

Lasacrasillaba – Opera propria

 A causa del sisma del 2009 che ne ha gravemente danneggiato l’abside e il campanile,[7] la basilica è stata sottoposta a lavori di riparazione e consolidamento ed è stata riaperta nel 2015.

La visuale di cupola e campanile dal chiostro del convento

Funerali di Bernardino da SienaPinturicchio (1478-1479)

Planimetria della basilica con indicazione delle principali opere ed elementi architettonici[N 2]

Vista della navata centrale con il soffitto dorato di Ferdinando Mosca

L’organo maggiore [n. 2]

La Cappella maggiore con al centro l’altare [n. 8], dietro il quale si intravede la vetrata istoriata [n. 12]

Il portale laterale [n. 14]

ansa.it — 30 aprile 2015 : riapre la chiesa di San Bernardino all’Aquila

http://www.ansa.it/abruzzo/notizie/2015/04/30/terremoto-laquila-riapre-san-bernardino-basilica-simbolo-della-cittanon-pubblicare_b0e4bef9-09cb-4994-a36f-6d2a02b07d67.html

 

 

IL RESTAURO – Il restauro della Chiesa è cominciato subito nel 2009, appaltato dal Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per Abruzzo, Lazio e Sardegna. I lavori, seguiti e diretti dall’architetto Maurizio D’Antonio, hanno riguardato in un primo momento la cupola, che aveva subito gravissime lesioni e che attraverso un grande ponteggio è stata interamente circondata e consolidata; poi si è proceduto alla riparazione di tutto il corpo della Basilica. In particolare la torre campanaria, anch’essa in parte crollata, è stata ristrutturata con una serie di consolidamenti conservativi sia da un punto di vista strutturale sia da un punto di vista dell’apparato murario. È stato eseguito un lavoro di monitoraggio e catalogazione a terra per il recupero di tutte le pietre cadute dopo il crollo che sono state poi riutilizzate per la ricostruzione della torre e della cella campanaria. Come spiega l’Ing. Vito Ciano, direttore tecnico del cantiere, “il ripristino delle pareti demolite è stato realizzato con pietra locale ed i rinforzi sono stati eseguiti con una serie di inghisaggi e con tiranti in acciaio inox che garantiscono una maggiore sicurezza per il futuro”.

IL RESTAURO VISTO DAL CAMPANILE (VIDEO)

 

 

 

 

 

Il finanziamento per il restauro è arrivato dal CIPE e poi vi è stato il contributo della Cassa di risparmio aquilana, ex Carispaq, per il soffitto ligneo, rinforzato e restaurato, tornato al suo celeste originale che mette in risalto le decorazioni in oro e le tele raffiguranti scene di vita di San Bernardino e altri santi francescani. Ad esaltare le architetture e i colori è stata studiata una illuminazione ad hoc, studiata dall’architetto Francesca Storaro, sia per l’interno sia per l’esterno, con la facciata illuminata anche di notte.

Restano da completare solo i restauri delle cappelle laterali e radiali, ma la chiesa rimane comunque agibile e utilizzabile.

LE CELEBRAZIONI LITURGICHE – Da domenica 3 maggio ci saranno regolarmente tre messe, due nella mattinata e una vespertina. La Basilica sarà aperta dalle 7.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.30. Ma non solo: sono già prenotati matrimoni fino al 2016, un segnale, da parte della cittadinanza, della voglia di tornare alla ‘vecchia’ normalità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *