ANSA.IT — 21 AGOSTO 2019 — Ricreato il profumo di Cleopatra, era a base di mirra e si chiamava Mendesian. Le tracce nell’antica città egizia industria delle fragranze

 

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

 

Immagine correlata

Immagine correlata

 

UNIVERSITA’ DI MANOA, CONTEA DI HONOLULU, ISOLA DI OAHU–HAWAII

 

 

 

 

ANSA.IT — 21 AGOSTO 2019

http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/ragazzi/news/2019/08/21/ricreato-il-profumo-di-cleopatra-era-a-base-di-mirra-_6737da1d-5529-4c1f-ae9c-1d62b6e9ca64.html

 

 

Ricreato il profumo di Cleopatra, era a base di mirra

Le tracce nell’antica città egizia industria delle fragranze

 

 

Elizabeth Taylor sul set di Cleopatra (1963) (fonte: Classic Film, Flickr)

 

 

Speziato e muschiato, con una base di mirra, unita ad altri ingredienti e aromi, come olio d’oliva e cannella: questa la fragranza che potrebbe aver usato Cleopatra per rendersi ancora più seducente, secondo la ricostruzione fatta dai ricercatori dell’università delle Hawaii di Manoa, e che fino al 15 settembre potrà essere annusato dai visitatori della mostra ‘Queen of Egypt’ del National Geographic Museum a Washington.

 

Immagine correlata

Immagine correlata

 

Risultati immagini per National Geographic Museum a Washington.

 

NATIONAL GEOGRAPHIC MUSEUM A WASHINGTON

 

 

Risultati immagini per TELL TIMAI EGITTO FABBRICA DI PROFUMI?

SITO DI TELL TIMAI

 

Tutto è cominciato durante gli scavi fatti nel sito di Tell Timai, l’antica città egizia di Thmuis che si trova vicino al Cairo e risale a 300 a.C.

 

Risultati immagini per THMUIS

Risultati immagini per THMUIS

L’ANTICA CITTA’ DI THMUIS, TELL TIMAI

 

Risultati immagini per THMUIS

TELL EL-TIMAI / THMUIS

 

Risultati immagini per THMUIS

SAN SERAPION, VESCOVO DI THMUIS, DIFENSORE DELLA FEDE DI NICEA ACCANTO AD ATANASIO ( IV SECOLO)

 

 

Risultati immagini per THMUIS

DA THMUIS

 

 

Nel passato era la patria dei più famosi profumi dell’antichità, Mendesian e Metopian.

Il gruppo guidato da Robert Littman e Jay Silverstein ha portato alla luce le tracce di questa industria dei profumi. Nel 2012 hanno scoperto una casa che conteneva una riserva di monete d’argento, oltre a gioielli, vicino alle fornaci usate una volta per realizzare le bottiglie di profumo. Ciò ha indotto gli archeologi a pensare che quell’abitazione appartenesse ad un mercante di profumi.

I ricercatori hanno così fatto un’analisi chimica dei contenitori trovati lì vicino per vedere se erano ancora identificabili le tracce dei liquidi una volta contenuti, scoprendo che i forni usavano argilla importata per produrre delle raffinate bottiglie di profumi. La ‘ricetta’ di queste antiche fragranze è stata elaborata, con l’aiuto degli esperti tedeschi Dora Goldsmith and Sean Coughlin, sulla base di antichi testi greci che parlano proprio dei due profumi, il Mendesian e Metopian.

Con un pizzico di altri oli e ingredienti naturali, usando come base la mirra, sono riusciti a ricostruirli. “Il Mendesian ha una base di mirra e un odore molto piacevole, simile a quello di un incenso leggero. Il Metopian invece sa molto più di muschio ed è più penetrante”, spiega Jay Silverstein. “Cleopatra – conclude – che era un’appassionata di profumi, potrebbe aver apprezzato il Mendesian, secondo quanto suggeriscono i testi”.

Una risposta a ANSA.IT — 21 AGOSTO 2019 — Ricreato il profumo di Cleopatra, era a base di mirra e si chiamava Mendesian. Le tracce nell’antica città egizia industria delle fragranze

  1. Donatella scrive:

    Cose affascinanti! L’archeologia fa sognare più di un romanzo storico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *