ALBERTO NEGRI, IL TURBANTE E LA CORONA, MARCO TROPEA EDITORE, 2009 :: DUE RECENSIONI : 1- DAL BLOG ” IO NON STO CON ORIANA ; 2. ARTICOLO DI CARLO SACCONE DALLA RIVISTA STUDIA PATAVINA

DAL BLOG : IO NON STO CON  ORIANA.COM / LIBRI

http://www.iononstoconoriana.com/libri/365-alberto-negri-il-turbante-e-la-corona.html

 

Alberto Negri – Il turbante e la corona PDF Stampa E-mail
Alberto Negri è nato nel 1956; il suo primo viaggio in Iran risale al 1980.
Il turbante e la corona ripercorre i trent’anni di storia della Repubblica Islamica senza trascurare approfonditi rimandi al passato recente del paese ed alle radici stesse degli eventi rivoluzionari del 1979. Il volume ha un taglio prettamente giornalistico; buona parte del materiale presentato è stato raccolto durante interviste con i protagonisti degli eventi trattati.
La prima parte del volume è intitolata Persia antica e moderna ed è preceduta da una breve introduzione sulla figura di Khomeini e della sua famiglia, Il ritorno dell’imam.
In Persia antica e moderna Negri intreccia la biografia dell’imam Khomeini con le vicende storiche che la contrassegnarono, e con frequenti citazioni degli ultimi cinquecento anni di storia persiana; dall’ascesa del clero sciita resa possibile dopo l’adozione dello sciismo duodecimano avvenuta nel XVI secolo per volontà della dinastia safavide al golpe che rovesciò Mossadeq, dall’ascesa dei Pahlavi alla loro caduta, dalla fondazione di un embrione di parlamentarismo nel 1906 ai maldestri e malriusciti tentativi di Reza Shah di imitare la “modernizzazione dall’alto” con cui Atatürk stava rivoluzionando la confinante Turchia, il lungo capitolo fornisce al lettore una buona base per la comprensione dei processi che portarono alla rivoluzione del 1979 ed alla nascita della Repubblica Islamica. Secondo Alberto Negri il rapporto più o meno stretto, più o meno conflittuale a seconda del momento storico, tra la corona del potere politico ed il turbante dell’autorità religiosa rappresenta una delle chiavi interpretative fondamentali per la storia persiana prima ed iraniana poi.

Nel febbraio 1979 l’ayatollah Khomeini rientrò dall’esilio francese, accolto da milioni di iraniani. I trent’anni seguenti sono trattati nella seconda parte del libro, intitolata Rivolta e rivoluzione. La documentazione raccolta in prima persona, già cospicua per la ricostruzione degli eventi narrati nella prima parte, costituisce qui l’ossatura stessa della trattazione. L’aneddotica, i dati micro e macroeconomici, l’evoluzione geopolitica mediorientale dall’aggressione irachena del 1980 alla visita trionfale di Ahmadinejad a Baghdad avvenuta nel 2008 vengono esposti utilizzando il materiale raccolto in decine di interviste, rilasciate da personaggi la cui biografia viene seguita nei dettagli ogni volta che è possibile, ripercorrendo le fila di destini diversi e spesso inconciliabili tra loro, pur prodotti da uno stesso contesto sociale. La repressione rivoluzionaria -l’enorme carcere di Tehran, detto “Hotel Evin”, non ha mai smesso di funzionare a pieno regime-, l’opposizione interna e combattente dei mujahid’in e-kalq, la guerra con l’Iraq, la “bazar economy”, le storture della filiera produttiva del petrolio mantenute di proposito per i vantaggi immediati che procurano, il ruolo delle fondazioni come la bonyad e’mostad’afin, la formazione e l’operato di bassij e pasdaran, l’evoluzione politica da Rafsanjani a Kathami ad Ahmadinejad, espressione della generazione decimata dalla guerra di cui viene presentata una biografia ricca di dettagli rappresentano solo alcuni tra gli argomenti toccati da una narrazione continua, in cui l’autore ricostruisce anche gli ambienti sociali, umani, urbani e religiosi in cui le vicende storiche ed i loro protagonisti si sono mossi. Il rapporto conflittuale con gli USA e l’espansione dell’influenza iraniana in Libano ed in Iraq, con la descrizione dell’operato di Hezbollah e delle vicende legate allo sviluppo del nucleare iraniano (i progressi recenti partono da lontanissimo, almeno dagli anni Settanta in cui gli statunitensi non si facevano alcun problema a procurare armamenti e tecnologie di ogni genere ad un alleato che pareva saldissimo) sono trattati in modo da consentire al lettore di considerare in modo estremamente critico quanto presentato dall'”informazione” quotidiana.

Alberto Negri, Il turbante e la corona, pp. 288, Marco Tropea Editore, Milano 2009.

 

 

AGGIUNGIAMO UNA RECENSIONE DELLO STESSO LIBRO TROVATA SU :: 

https://www.libreriadelsanto.it/libri/9788855800723/il-turbante-e-la-corona-iran-trentanni-dopo.html

 

 Carlo Saccone della rivista Studia Patavina

 

 

Come già altre volte in questa stessa rivista, ho di nuovo il piacere di presentare un’opera il cui autore non è un accademico ma un giornalista. Il suo è un lungo e ben documentato reportage sull’Iran degli ultimissimi anni, che scava a fondo nella società politica e in quella economica, negli ambienti delle gerarchie religiose e nelle «camorre» del bazar, tra le élites al potere e quelle della dissidenza, portando alla luce un Iran di solito largamente sconosciuto sia al turista che allo stesso studioso della «grande storia». Il volume si divide in due parti, la prima intitolata «Persia antica e moderna» si muove con agilità tra brevi flash sui fasti della Persia antica e certe miserie di quella moderna, con una attenzione particolare al passato prossimo. Molti sono gli argomenti illustrati, ci soffermeremo qui su uno soltanto, la ricostruzione dell’ambiente familiare del famoso ayatollah Khomeyni, artefice indiscusso della rivoluzione islamica del 1979, che ci fornisce un’idea del modo di procedere dell’Autore. Il quale in sostanza attraverso microstorie ci aiuta a far luce su «storie più grandi», in particolare sulla struttura sociale dell’Iran della prima metà del ’900, utile a comprendere molti dei meccanismi che ancora sorreggono la società attuale.

Il nonno, Ahmad detto «l’indiano» perché giunto in Persia dall’India nel ’800, si forma nelle università religiose sciite di Najaf nell’odierno Iraq – dove sorge il mausoleo di ‘Ali genero e cugino di Maometto nonché il primo imam sciita – prima di stabilirsi definitivamente in Persia nel villaggio di Khomeyni. Il personaggio è non solo un religioso stimato ma anche un latifondista che, attraverso vari matrimoni, si imparenta con le più ricche famiglie della zona. Dalla terza moglie avrà tre figlie e Mustafà, destinato a divenire il padre del famoso ayatollah; alla morte, Ahmad l’Indiano verrà riportato in Iraq per essere sepolto a Kerbela, la città santa degli sciiti che ospita il mausoleo del suo più celebre martire, Husayn perito a Kerbela nel 680 nella lotta contro il califfo «usurpatore» omayyade. Già questa prima sommaria ricostruzione dell’ambiente familiare del fondatore e protagonista della Rivoluzione del 1979 ci fornisce un’idea di quel clima cosmopolita e multietnico in cui tipicamente si muovono le gerarchie sciite dell’Iran odierno. I cui maggiori e più prestigiosi centri religiosi, se si eccettua la cittadina di Qom a sud di Teheran, si trovano in Iraq a Najaf e Kerbela, ossia in terre arabe, e i cui adepti hanno grosse comunità anche in Pakistan e India. Non può stupire più di tanto che l’attuale più autorevole ayatollah sciita in Iraq, al-Sistani, sia di origini iraniane. Di fatto ci troviamo di fronte a una gerarchia religiosa transnazionale, che parla arabo e persiano indifferentemente, per la quale i confini internazionali attuali tra Iran e Iraq non hanno mai costituito una barriera alla comune attività e alla unità d’intenti. Neppure i recenti sviluppi, che dopo la seconda guerra del Golfo hanno portato all’attuale regime di occupazione militare americana dell’Iraq, hanno mai impedito alle gerarchie sciite irakene e iraniane di operare in sintonia. Con conseguenze che normalmente sfuggono all’occhio spesso superficiale di tanti osservatori: l’attuale regime irakeno si appoggia su una tacita e mai interrotta collaborazione de facto tra autorità militari d’occupazione e clero sciita filo-iraniano… e tutto questo mentre in questi stessi anni la propaganda iraniana non ha mai cessato di descrive l’America come il «Grande Satana» e, di converso, quella americana si è scagliata contro l’Iran «stato canaglia» , pericoloso aspirante al «club nucleare» ecc. ecc.

Continuando con l’album di famiglia, Mustafà, il padre dell’ayatollah Khomeyni, studia nelle madrase di Isfahan e va a completare gli studi in Iraq a Najaf e a Samarra (altra città santa che ospita tre famosi mausolei di altrettanti imam sciiti); ritornato in patria conclude un matrimonio vantaggioso con la figlia di Husayn Khonsari, un religioso tra i più noti di Isfahan a sua volta imparentato con Shaykh Fadlallah Nuri altro religioso conservatore che verrà giustiziato durante i moti connessi con la rivoluzione costituzionale del 1909. Le due famiglie, i Khomeyni e i Khonsari, costituiscono nei rispettivi territori delle vere e proprie aristocrazie, basate sulla ricchezza prodotta dai latifondi e dal commercio del bazar, sicché riproducono quella tipica «alleanza tra mercanti, proprietari terrieri e ulema» su cui si fondava il potere nelle province ma che, particolare non trascurabile, si rinnova in sostanza un secolo più tardi nel «patto tra ayatollah, bazari e intellettuali» che porterà al rovesciamento dell’ultimo scià nel 1979 e alla instaurazione della Repubblica Islamica d’Iran.

La seconda parte del volume tratta dei nostri giorni, ovvero dalla Rivoluzione del 1979 sino agli sviluppi più recenti. Vi si parla di molte cose, anche delle pagine buie della prigione di Evin, presso Teheran, attraverso la quale passano le ultime generazioni di intellettuali d’opposizione, molti dei quali non ne usciranno vivi. Importanti capitoli sono pure dedicati ad analizzare la dissidenza interna alla stessa gerarchia religiosa e la galassia delle sue varie correnti, dalle più reazionarie a quelle più progressiste e illuminate.

La parte più interessante del libro di Alberto Negri riguarda però l’analisi della sostituzione della vecchia élite nobiliare legata alla Corona, ossia alla dinastia dell’ultimo scià, con la nuova élite rivoluzionaria che è espressione del «patto» di cui s’è detto sopra.

All’indomani della Rivoluzione del 1979 si assiste in effetti a espropri massicci di terreni e beni della vecchia classe dominante legata alla monarchia, che verranno incamerati da «fondazioni» gestite dal clero sciita, o meglio dalle poche grandi famiglie – l’«aristocrazia sciita» – che da sempre lo controllano. Con conseguenze facilmente immaginabili. Dopo la presa del potere la parola d’ordine vagamente «marxisteggiante» era stata quella di togliere ai nobili e dare ai mosta’zafin (lett.: «i diseredati», gli emarginati), insomma redistribuire su vasta scala la ricchezza; ma il programma si scontra presto con la struttura sociale su descritta che, come s’è visto, ha il suo perno nella alleanza tra bazari, grandi proprietari e ayatollah. Emerge insomma fin dall’indomani della presa del potere un latente «conflitto di classe» tra due blocchi sociali. L’ala «dura e pura» della Rivoluzione è riemersa nel 2005 – dopo l’interregno relativamente liberale dell’illuminato presidente Khatami – con l’elezione dell’attuale presidente Ahmadinejad, ingegnere ex-sindaco di Teheran, che vinse le prime elezioni ergendosi a paladino dei «diseredati» e scagliandosi proprio contro il rivale Rafsanjani, un religioso di grande prestigio e alto prelato sciita la cui famiglia è tuttora detentrice di un vero impero economico-finanziario. In quell’occasione l’anima «rivoluzionaria», egualitarista e pauperista (si pensi al sobrio look, al limite della trasandatezza, dell’attuale presidente) ebbe successo nel denunciare l’elegante e raffinato «ayatollah arricchito e corrotto», quasi additandolo pubblicamente a traditore degli ideali rivoluzionari. L’Autore descrive molto bene questo intreccio tra interessi politico-religiosi e commercial-finanziari che si esprime soprattutto nel primato delle suddette grandi Fondazioni. Ve ne sono di ogni tipo, in origine legate a opere pie come la gestione di santuari o la somministrazione di sussidi e provvidenze alle fasce disagiate della popolazione; compito, quest’ultimo, ancora oggi svolto con una certa efficacia in un’ottica di consolidamento del consenso tra le popolazioni suburbane e rurali. Ma col tempo tali Fondazioni hanno accumulato risorse finanziarie e patrimoniali ingenti, che sono in sostanza poste sotto il controllo diretto o indiretto delle varie fazioni religiose che si contendono il potere. Oggi le Fondazioni, trasformatesi esse stesse in centri di potere, hanno il pieno controllo delle più importanti leve economiche e finanziarie del paese: per dare un’idea del loro peso, diremo solo che con i vertici di queste Fondazioni deve direttamente trattare ogni grande società straniera che desideri concludere affari in Iran nei più vari settori, da quello energetico a quello dell’industria o delle costruzioni. Questo bel volume di Alberto Negri, che getta uno sguardo curioso ma criticamente avvertito su tanti aspetti poco noti della teocrazia iraniana, è completato da cartine geografiche, schemi che riproducono la struttura costituzionale dell’Iran odierno, tabelle storiche (elenco degli imam sciiti, cronologie), un glossario e una buona bibliografia.

 

Tratto dalla Rivista Studia Patavina 2011 n. 1
(http://www.fttr.it/web/studiapatavina)

Condividi

One Response to ALBERTO NEGRI, IL TURBANTE E LA CORONA, MARCO TROPEA EDITORE, 2009 :: DUE RECENSIONI : 1- DAL BLOG ” IO NON STO CON ORIANA ; 2. ARTICOLO DI CARLO SACCONE DALLA RIVISTA STUDIA PATAVINA

  1. Donatella scrive:

    Interessantissimo questo sguardo su una realtà che ci sembra distante da noi, ma non lo è affatto.

Rispondi a Donatella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *