883 –come mai –dedicata a Roberto Rododendro ::: ” come mai, ma chi sarai… “, abita da anni e anni a roma, ha studiato a Urbino, ha un’innamorata quasi nella ex jugoslavia, si ricorda delle lotte di Torino…

 

 

 

6 risposte a 883 –come mai –dedicata a Roberto Rododendro ::: ” come mai, ma chi sarai… “, abita da anni e anni a roma, ha studiato a Urbino, ha un’innamorata quasi nella ex jugoslavia, si ricorda delle lotte di Torino…

  1. ROBERTO RODODENDRO scrive:

    …e mi ricordo ti tante altre cose , forse perchè ho vissuto. :-)

    • Chiara Salvini scrive:

      ” Confesso que eu vivi “, come il titolo dell’autobiografia di Neruda…ciao, un abbraccio–Ma certo che hai vissuto, come molti arrivati alla politica intorno al’68 o prima, che hanno capito che ” primo bisognava vivere ” e poi studiare, poi lavorare, poi amare… ma il primo era sempre il comandamento di fondo, ciao ancora…farei come Giulietta, senza balcone, passerei la sera a dirti ciao…

      • ROBERTO RODODENDRO scrive:

        forse più come Rossana ….

        “Solo l’intensità del corpo riesce a far sparire la sensazione di fugacità della vita,l’angoscia della morte. La sola cosa che vince la morte è vivere qualche minuto senza nessuna filosofia, senza nessuna morale, non più animali nobilitati dal soffio divino, ma solo e semplicemente animali.”
        Alicia Gimenez Bartlett

        Disperazione

        Questa notte non ci sei
        ci sono tutte le puttane del mondo

        Sta zitta!
        Con occhi di vetro
        guardami
        trasparenti e lucidi

        Apri le gambe
        e sappimi amare
        come fanno gli animali
        fino a perdersi.

        1986

  2. ROBERTO RODODENDRO scrive:

    p.s. nel ’64 inteso come 1964 ero militare a Cuneo ( dove, dopo Toto. imparai le lingue e, credo, dato inizio al primo sciopero della storia nelle forze armare italiane – fatto storicamente sconosciuto perchè altrimenti, sarei uscito ieri dal carcere di Gaeta :-) )
    Nel 1965 ero a studiare ( per un anno) a Torino e abitavo in via Vittorio Emanuele, se non sbaglio…
    E ti chiederai: ma come, prima a Urbino e poi a Torino?
    Magari prima o poi saprai anche questo !
    Nel ’66 a Roma.
    Ma forse sbaglio un po’ le date, bah?

  3. Donatella scrive:

    Il grande privilegio delle donne, in quel periodo, era di essere escluse dalla leva militare. Non so se sarei sopravvissuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *