ansa.it — 7 novembre 2019 :: Lavoro: 2,5 mln stranieri producono 9% Pil — RISULTATI DELLA FONDAZIONE MORESSA- VENEZIA- DAL RAPPORTO 2019 SULL’IMMIGRAZIONE–link al fondo con il testo intero

 

 

 

LA FONDAZIONE. La Fondazione Leone Moressa è un istituto di studi e ricerche nato nel 2002 da un’iniziativa della Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre CGIA, specializzato nello studio delle fenomenologie e delle problematiche relative alla presenza straniera sul territorio.

 

Chi Siamo

 

ANSA.IT — 7 NOVEMBRE 2019

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/11/07/lavoro25mln-stranieri-producono-9-pil_d939b46e-423d-4ed7-a4cf-178dd1fb911c.html

 

Lavoro:2,5 mln stranieri producono 9% Pil

Crollano permessi lavoro

 

 

 

(ANSA)- VENEZIA, 7 NOV – A partire dal 2008, parallelamente alla crisi economica, si è fatta largo l’idea che l’arrivo di nuovi lavoratori leva opportunità a quelli già presenti sul mercato.In particolare gli immigrati vengono percepiti come una minaccia, essendo il numero di occupati stranieri (2,5mln) simile a quello dei disoccupati italiani (2,4 mln).In realtà, i due gruppi hanno caratteristiche diverse.Lo rileva la Fondazione Leone Moressa.
    La ricchezza prodotta dagli stranieri è pari a 139 mld (9% della ricchezza nazionale.Per l’Istat 2018,i lavoratori stranieri sono 2.455.000 (10,6% occupati).L’incidenza dei lavoratori stranieri da 7,9% del 2009 a 10,3% del 2014, per poi stabilizzarsi negli ultimi 5 anni. Nell’ultimo anno: +1,3% occupati stranieri, +0,8% quelli italiani,+0,6% tasso di occupazione in entrambi i casi.
    Negli ultimi 10 anni l’ immigrazione in Italia è scesa: nel 2010 i nuovi Permessi di Soggiorno erano 600mila, nel 2018 si sono più che dimezzati.I Permessi per Lavoro da 360mila del 2010 a meno di 14 mila del 2018.

 

 

A CHI INTERESSASSE NEL LINK TROVA IL RAPPORTO 2019 SULL’IMMIGRAZIONE DELLA FONDAZIONE LEONE MORESSA —-sembra fatto molto chiaro…

http://www.fondazioneleonemoressa.org/new/wp-content/uploads/2019/10/Slide-08.10.2019.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *