ANSA.IT–3 NOTIZIE SULLA BOLIVIA –10/11 NOVEMBRE 2019 ++ MARIELLA FRANZOSI, Chi è Luis Fernando Camacho, l’uomo che guida il colpo di stato in Bolivia -DAL PORTALE NODAL DI PEDRO BRIEGER

 

ANSA.IT / LAPAZ –10 NOVEMBRE 2019

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2019/11/10/boliviaforze-armate-a-moralesdimettiti_35852f5e-717c-46a8-8b06-a174436604d6.html

 

 

Bolivia: forze armate a Morales,dimettiti

‘Per il bene della nostra Bolivia’

 

 

(ANSA) – LA PAZ, 10 NOV – Il comandante dell’esercito boliviano, generale Williams Carlos Kaliman Romero, ha chiesto oggi al presidente Evo Morales di “rinunciare al suo mandato” per “il bene della nostra Bolivia”.

 

 

ANSA.IT / ROMA /11 NOVEMBRE 2019

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2019/11/11/morales-non-ha-lasciato-la-bolivia_e6bfa8d1-2069-482e-afcf-82935bbf488a.html

Morales non ha lasciato la Bolivia
Come inizialmente ipotizzato da fonti giornalistiche locali

 

 

ANSA) – ROMA, 11 NOV – Il presidente boliviano Evo Morales non ha lasciato la Bolivia, come inizialmente avevano ipotizzato fonti giornalistiche locali. L’aereo presidenziale sul quale Morales è stato visto imbarcarsi da La Paz lo ha condotto nella città di Chimorè, nel dipartimento di Cochabamba, da dove il presidente ha annunciato la decisione di dimettersi.
    Media locali avevano ipotizzato che il presidente Morales fosse diretto in Argentina.

 

ANSA.IT/ LA PAZ/ 11 NOVEMBRE 2019

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2019/11/11/bolivia-camacho-ordine-cattura-morales_13ba251f-bca0-4ad8-a60e-b2bb31008d54.html

 

 

Bolivia, Camacho: ordine cattura Morales

Il presidente dimessosi ieri assicura: resterò a Cochabamba

 

 

(ANSA) – LA PAZ, 11 NOV – Luis Fernando Camacho, leader indiscusso del movimento dei comitati civici che ha portato alle dimissioni del presidente della Bolivia, ha sostenuto: “E’ confermato! Esiste un ordine di cattura per Evo Morales!”.
    Camacho, presidente del ‘Comité pro Santa Cruz’, ha aggiunto che “la polizia ed i militari lo stanno cercando nel Chapare, luogo dove si è nascosto”. “I militari – ha infine detto – gli hanno tolto l’aereo presidenziale e lui è nascosto nel Chapare, e lo cercano! Giustizia!”.
    Morales ha assicurato che “in futuro” risiederà “nella zona tropicale di Cochabamba”, dove iniziò la sua carriera politica, mettendo fine così ad una serie di congetture sulla sua possibile fuga dal Paese.

 

 

 

 

DA QUI TUTTO DA :: 

NODAL=  Portal informativo de noticias de América Latina y el Caribe dirigido por el sociólogo, docente universitario y periodista argentino Pedro Brieger.

 

TRADUZIONE AUTOMATICA DALLO SPAGNOLO

Video insertado

 

Chi è Luis Fernando Camacho, l’uomo che guida il colpo di stato in Bolivia –

Di Mariela Franzosi,

* Studente CCC per la Laurea in Giornalismo (UNdAv) – giornalista femminista

speciale per NODAL–LINK IN FONDO

 

Nonostante la chiara importanza che i movimenti delle donne stanno generando nella regione latinoamericana o come una sorta di derisione del destino per questa espressione sociale, l’opposizione più virulenta al governo di Evo Morales in Bolivia si incarna in un uomo che chiamano ” Il maschio “.

Luis Fernando Camacho Vaca è un avvocato di 40 anni di Santa Cruz, sposato con tre figli. Viene da una famiglia benestante della regione ed è entrato nella scena internazionale nelle ultime settimane perché si è messo alla testa di quello che definisce un “processo per recuperare la democrazia”.

Tuttavia, Camacho costruisce questa idea di democrazia in una corsia parallela all’istituzionalità boliviana: senza essere candidato a nessuna posizione, ha iniziato con questo “processo” dopo l’installazione, prima dello scorso 20 ottobre quando Morales ha ottenuto la maggioranza dei voti , della possibilità di frode elettorale.

Dal Movimento al socialismo (MAS), un partito ufficiale, è accusato di gestire i fili di un tentativo di colpo di stato per rovesciare Evo Morales, che è in attesa di convalidare il suo quarto mandato consecutivo dopo aver perso un referendum rieletto nel 2016, ma successivamente autorizzato dalla Corte costituzionale con una sentenza secondo cui l’attuale presidente può continuare a chiedere la rielezione affermando indefinitamente di far parte dei suoi “diritti politici” .

 

 

È nato e cresciuto a Santa Cruz, una delle zone più ricche e potenti della Bolivia e il dipartimento in cui vive storicamente la maggior parte della popolazione bianca di origine europea del paese. Dopo aver conseguito la professione di avvocato presso l’Università privata di Santa Cruz de la Sierra, ha completato gli studi post-laurea presso l’Università di Barcellona, ​​dove ha conseguito un master in Diritto finanziario e tributario.

Il suo attivismo è iniziato a 23 anni come vice presidente dell’organizzazione civica Unión Juvenil Cruceñista , che sebbene si definisca “civico” è stato descritto dalla Federazione internazionale per i diritti umani come “una specie di gruppo paramilitare” che compie atti di razzismo e discriminazione contro gli abitanti e le istituzioni indigene della zona.

Già nel 2015, è entrato a far parte del Comitato Civico Pro Santa Cruz – dove suo padre è stato presidente tra il 1981 e il 1983 – prima come secondo vice presidente e poi come primo vice presidente. Da febbraio 2019 Luis Fernando Camacho presiede questa organizzazione che riunisce le imprese, i quartieri e le entità del lavoro nella regione in cui si incontra la maggior parte dell’opposizione al processo di trasformazione guidato da Evo Morales da quando è diventato presidente nel 2006. il soprannome di “macho” gli è valso proprio per il “coraggio” con cui conduce la campagna contro Morales, che accusa di “tiranno” e “dittatore”, sebbene in tutta la sua vita pubblica abbia dimostrato in diverse occasioni che il Il soprannome di “dittatore” si adatta anche a lui per il suo comportamento macho e la violenza patriarcale Replicano i loro seguaci.

Accanto alla sua vita pubblica, Camacho è professore universitario e imprenditore, e insieme alla sua famiglia fa parte del Grupo Empresarial de Inversiones Nacional Vida SA Le società appartenenti a questa società operano nel settore assicurativo, del gas e dei servizi. Esistono versioni che indicano che una delle principali cause della sua amara opposizione al governo Morales è dovuta a milioni di debiti e perdite legati al business del gas a Santa Cruz .

D’altra parte, ci sono media locali che lo collegano ai Panama Papers come intermediario, basato sulla creazione di tre società (Medis Overseas Corp., Navi International Holding e Positive Real Estate) per “aiutare le persone e le aziende a nascondere le loro fortune. nelle entità offshore, riciclaggio di denaro e istituzione di piani di evasione fiscale ”.

La sua posizione su questo è di negare i fatti e denunciare una presunta persecuzione contro di lui per revocare lo sciopero che ha promosso in tutto il paese per giorni.

La sua crociata contro Morales

Istrionico e arrogante, con un oratorio esacerbato e un’immagine associata ai ricchi bianchi del paese (che legittima dalla sua origine borghese di Santa Cruz), sostiene la sua popolarità facendo appello al numero di persone che convoca e alla vicinanza che afferma di avere con il suo seguaci. La costruzione della sua figura in contrasto con l’origine umile, contadina e indigena del presidente Morales è molto evidente. E sebbene si impegni a garantire in occasioni ripetute che non esprima un messaggio razzista, alcuni eventi dimostrano il contrario, come è accaduto durante la marcia delle donne giovedì 7 novembre a Cochabamba .

La verità è che l’attuale scontro in Bolivia serve da contesto per rafforzare vecchi stereotipi razzisti che stigmatizzano non solo le donne, ma anche basate su incroci relativi a razza, origine, religione, scelta sessuale ed età.

In linea con altri rappresentanti della nuova destra regionale, come il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, Camacho tiene un discorso con un’ancora religiosa molto forte. In ciascuna delle sue apparizioni pubbliche e attraverso i social network, incoraggia la preghiera e proclama la sua fede in Dio. Richiama le manifestazioni nel Cristo Redentore e si assicura che mantengano al suo fianco l’immagine di una vergine mentre maledice il pubblico.

 

 

Insiste persino su ciascuno dei suoi messaggi con la necessità di riportare “la Bibbia” nella casa del governo boliviano, che secondo lui è stato sfrattato dall’assunzione del MAS. Ciò gli ha permesso di allineare dietro di sé tutte le forze per i diritti clericali e anti-boliviani, che durante la campagna elettorale avevano varie espressioni omofobiche e misogine e che cercano di criminalizzare l’omosessualità e continuano a penalizzare il diritto all’aborto.

Attraverso uno spettacolo sui social media e la spettacolarizzazione delle sue richieste, Camacho ha immediatamente ignorato il risultato delle elezioni passate, convocato un municipio a Santa Cruz e attraverso il voto di acclamazione ha dato a Morales un termine di 48 ore per a presentare le sue dimissioni. Parallelamente, si proclamò a capo dell ‘”unità” dell’opposizione, oscurando persino la figura di Carlos Diego de Mesa Gisbert, il candidato della coalizione Citizen Community che era secondo nelle elezioni del 20 ottobre. Ha anche chiesto la disoccupazione indefinita e la disobbedienza civile fino a quando non ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissato: le dimissioni di Evo Morales.

 Dopo 48 ore e data la mancanza di risposta alla loro richiesta da parte di Morales, Camacho convocò un nuovo consiglio e pubblicò una lettera in cui egli stesso scriveva i termini delle dimissioni del presidente boliviano. Dopo che il consiglio iniziò un viaggio per consegnarlo personalmente a La Paz, dopo di che ci furono dozzine di scontri tra militanti della MAS e forze civili in diverse parti del paese che avevano già tre morti e centinaia di persone ferite.

 A questo punto, “El Macho” non è nemmeno interessato a ciò che la missione OAS che sta verificando i risultati delle elezioni ha da dire . Si è persino espresso sul suo account twitter contro Mesa, accusandolo di essere costretto a sostenere l’audit internazionale, sebbene in seguito abbia eliminato il messaggio . Secondo Camacho, cerca di convocare nuove elezioni in cui Evo Morales non è presente. Con un discorso che, pur cercando di associarlo alla “pace e unità del popolo boliviano”, finisce carico di razzismo, odio di classe e provocazione. Anche, fino a portarlo alla certa possibilità di un colpo di stato.

NODAL–

Quién es Luis Fernando Camacho, el hombre que encabeza el golpe de Estado en Bolivia – Por Mariela Franzosi, especial para NODAL

Condividi

One Response to ANSA.IT–3 NOTIZIE SULLA BOLIVIA –10/11 NOVEMBRE 2019 ++ MARIELLA FRANZOSI, Chi è Luis Fernando Camacho, l’uomo che guida il colpo di stato in Bolivia -DAL PORTALE NODAL DI PEDRO BRIEGER

  1. Donatella scrive:

    Questi dittatori o aspiranti a diventarlo seguono tutti lo stesso copione: danno del dittatore all’avversario, si impadroniscono dei simboli religiosi, non rispettano minimamente nessuna regola democratica, usano un linguaggio violento per coprire il nulla che c’è dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *