DONATELLA D’IMPORZANO CI RACCONTA LA VITA DI UNA DONNA DEL TARDO MEDIOEVO, UNA SCRITTRICE CHE PUBBLICA – SI GUADAGNA DA VIVERE – E DIVENTA UNA FAMOSA LETTERATA IN FRANCIA ALLA CORTE DEL RE CARLO V IL SAGGIO

 

 

Risultati immagini per ALESSANDRO BARBERO DONNE MERCANTI CAVALIERI LATERZA

Donne, madonne, mercanti e cavalieri. Sei storie medievali

 

Immagine correlata    Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

 

 

Alessandro Barbero

Editore: Laterza
Edizione: 11
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 marzo 2015
Pagine: VII-129 p., Brossura
9,50 EURO  PREZZO PIENO
Fra’ Salimbene da Parma, il francescano che ha conosciuto papi e imperatori, vescovi e predicatori, e su ognuno ha da raccontare aneddoti, maldicenze e pettegolezzi; Dino Compagni, il mercante di Firenze che ha vissuto in prima persona i sussulti politici d’un comune lacerato dai conflitti al tempo di Dante; Jean de Joinville, il nobile cavaliere che ha accompagnato Luigi il Santo alla crociata, testimone imperturbabile di sacrifici, eroismi e vigliaccherie; Caterina da Siena, che parlava con Dio e le cui lettere infuocate facevano tremare papi e cardinali; Christine de Pizan (si chiamava in realtà Cristina da Pizzano), la prima donna che ha concepito se stessa come scrittrice di professione, si è guadagnata da vivere ed è diventata famosa scrivendo libri; Giovanna d’Arco, che comandò un esercito vestita da uomo e pagò con la vita quella sfida alle regole del suo tempo. È possibile incontrare uomini e donne del Medioevo, sentirli parlare a lungo e imparare a conoscerli? È possibile se hanno lasciato testimonianze scritte, in cui hanno messo molto di se stessi. È il caso di cinque su sei dei nostri personaggi; della sesta, Giovanna d’Arco, che era analfabeta o quasi, possediamo lo stesso le parole, grazie al processo di cui fu vittima e protagonista.

 

 Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

TRAILER DEL FILM ” CRHISTINE CHRISTINA ” DI STEFANIA  SANDRELLI

 https://www.youtube.com/watch?v=Z4io2TqC-NQ

 

Christine Cristina è un film italiano diretto da Stefania Sandrelli, alla sua opera prima da regista, e uscito nel maggio 2010.

Il film narra la storia di Christine de Pizan.

 

LA TRAMA …NON HANNO CHIAMATO BARBERO...ma il film ha vinto molti premi…

https://it.wikipedia.org/wiki/Christine_Cristina

 

 Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

 

 

Assomigliano un po’ alle sardine e sono difficili da far sloggiare.
Non c’entra niente…

 

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

CHRISTINE DA PIZZAN

 

 

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

 

 

 

Christine de Pizan offre una copia dei suoi
lavori alla regina Isabella di Baviera,
moglie del re Carlo VI


 

DONATELLA 

 

 

Nel libro di Alessandro Barbero,”Donne, madonne, mercanti e cavalieri”, Laterza, 2013, vengono narrate molto minuziosamente sei storie medioevali, grazie anche a numerose testimonianze scritte e, in alcuni casi, vere e proprie autobiografie. Prendiamo la più eccezionale, quella di Christine de Pizan, molto conosciuta in Francia oggi e nel suo tempo con questo nome. Potremmo chiamarla Cristina da Pizzano, il suo nome originario, un posto sull’Appennino bolognese. Il padre è un intellettuale, maestro Tommaso da Pizzano, che è professore di Medicina e di Astrologia all’Università di Bologna e che in seguito viene chiamato ad insegnare a Venezia. Nello stesso anno in cui nasce sua figlia Cristina, nel 1365, Tommaso viene invitato alla corte del re di Francia, come medico e astrologo personale del re Carlo V il Saggio.

 

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

 

Quindi Cristina nasce e cresce in un ambiente colto e autorevole. Si sposa molto giovane con un segretario del re che appartiene allo stesso ambiente del padre, la corte di Francia. Dopo dieci anni di matrimonio felice nonostante la differenza di età ( nove anni tra lei e il marito), il marito molto amato muore all’improvviso e Cristina deve fare fronte a tutte le difficoltà del caso ( creditori veri e falsi, stipendi arretrati del marito per cui la vedova deve fare causa). Tra tante avversità Cristina scopre però una cosa buona: ha più tempo per se’ e ricomincia a leggere. Leggendo le viene voglia di scrivere. Scrive poesie, ballate di rimpianto per il suo uomo morto, ballate sulla solitudine e l’imprevedibilità della sorte. Qualcuno legge le sue ballate e le viene suggerito di scrivere quello che le è capitato. Lei scrive, la sua scrittura piace negli ambienti altolocati in cui è sempre vissuta.

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

Christine de Pizan tiene una lezione

 

Il Duca di Borgogna, uno dei più grandi principi del regno, le commissiona un libro sul re Carlo il Saggio, che lei ha conosciuto da bambina. Cristina comincia ad intervistare chi ha conosciuto il grande re e scrive il libro dei fatti e dei detti memorabili del re Carlo il Saggio. E’ la prima donna a scrivere un libro di storia. Continua a scrivere su commissione e le committenze arrivano.

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

L’AMBIENTE DOVE E’ VISSUTA CHRISTINE DE PIZZAN e che racconta ne ” LA CITTA’ DELLE DAME ”

 

 

Viene invitata a trasferirsi in Italia dal duca di Milano Gian Galeazzo Visconti, ma Cristina decide di restare in Francia, dove ormai è famosa e ben pagata…

 

Risultati immagini per CHRISTINE DA PIZZANO

 

 

LA SUA LIRICA, FORSE LA PIU’ FAMOSA… ( fonte Wikipedia )

 

(FR)

«Seulete sui et seulete vueil estre
Seulete m’a mon douz ami laissiee;
Seulete sui, sanz compaignon ne maistre
Seulete sui, dolente et courrouciee,
Seulete sui, en langueur mesaisiee,
Seulete sui, plus que nulle esgaree,
Seulete sui, sanz ami demouree.
Seulete sui a uis ou a fenestre,
Seulete sui en un anglet muciee,
Seulete sui pour moi de pleurs repaistre,
Seulete sui, dolente ou apisiee;
Seulete sui, rien n’est qui tant messiee;
Seulete suis, en ma chambre enserree,
Seulete sui, sanz ami demouree.
Seulete sui partout et en tout estre;
Seulete sui, ou je voise ou je siee;
Seulete sui plus qu’aultre riens terrestre,
Seulete sui, de chascun delaissiee,
Seulete sui durement abaissiee,
Seulete sui, souvent toute esplouree,
Seulete sui, sanz ami demouree.
Prince, or est ma douleur commenciee:
Seulete sui, de tout deuil manaciee,
Seulete sui, plus teinte que moree:
Seulete sui, sanz ami demouree.»

(IT)

«Sono sola, e sola voglio rimanere.
Sono sola, mi ha lasciata il mio dolce amico;
sono sola, senza compagno né maestro,
sono sola, dolente e triste,
sono sola, a languire sofferente,
sono sola, smarrita come nessuna,
sono sola, rimasta senz’amico.
Sono sola, alla porta o alla finestra,
sono sola, nascosta in un angolo,
sono sola, mi nutro di lacrime,
sono sola, dolente o quieta,
sono sola, non c’è nulla di più triste,
sono sola, chiusa nella mia stanza,
sono sola, rimasta senz’amico
Sono sola, dovunque e ovunque io sia;
sono sola, che io vada o che rimanga,
sono sola, più d’ogni altra creatura della terra
sono sola, abbandonata da tutti,
sono sola, duramente umiliata,
sono sola, sovente tutta in lacrime,
sono sola, senza più amico.
Principi, iniziata è ora la mia pena:
sono sola, minacciata dal dolore,
sono sola, più nera del nero,
sono sola, senza più amico, abbandonata.»

(Seulete sui)

 

 
Ho voluto mettere in rilievo questa storia, magistralmente scritta da Alessandro Barbero, perché è un unicum tra le donne del medioevo, un’autrice di best seller. Consiglio a tutti di andare a leggere la sua storia sul libro che ho prima citato.

 

 

se mai qualcuno volesse :  

 

UN ARTICOLO SU CAFFE’ BOOK CHE RIGUARDA LA VITA DI CHRISTINE DE PIAZZAN

 

Christine de Pizan, una scrittrice professionista nel Medioevo

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.