ansa.it — 27 novembre 2019 — Maltempo, la piena del Po in Emilia ; Sardegna: Porto Torres chiede lo stato di calamità ; Piemonte : ancora 330 isolati 581 evacuati

 

ansa.it — 27 novembre 2019–14,42

http://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2019/11/27/maltempo-la-piena-del-po-in-emilia_075983f5-496a-486f-9980-2a1a14277287.html

 

 

Maltempo, la piena del Po è in Emilia

Chiusi ponti nel Reggiano, evacuata frazione e scuole chiuse

 

I carabinieri sul Po in piena a Boretto

 

 

Prosegue il monitoraggio nella pianura emiliana dove sta passando in queste ore la piena del fiume Po ed è attiva l’allerta rossa per criticità idraulica.
Alle 8.45, informa il Comune di Guastalla, nel Reggiano, le acque hanno raggiunto 7,75 metri sormontando la Cinta Boschetto e poi defluendo verso il parcheggio Ragazzi del Po. Confermata, come previsto dall’amministrazione, la chiusura precauzionale dei ponti. Al lavoro per tutta la notte la Protezione Civile che anche a Brescello, sempre in provincia di Reggio Emilia, ha controllato il fiume. In questo territorio già ieri è stata evacuata la frazione di Ghiarole, oltre 200 persone e oggi le scuole sono chiuse. Anche nel Ferrarese sono state evacuate le aree golenali si tengono d’occhio gli argini. Alle 11 è in programma un vertice, a cui parteciperanno Regione Emilia-Romagna, Protezione Civile e Aipo, per fare il punto della situazione

 

 

ansa.it / Sardegna — 27 novembre 2019 –13,47

http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/11/27/maltempo-p.torres-chiede-stato-calamita_0bb4a150-27ec-4057-877e-cafee3069913.html

 

 

Immagine correlata

 

 

Maltempo: P.Torres chiede stato calamità

Continua a piovere, disagi al traffico e danni ad agricoltori

 

 

 

l sindaco di Porto Torres, Sean Wheeler, ha chiesto il riconoscimento dello stato di calamità naturale dopo l’esondazione del Rio Mannu che ieri ha devastato il territorio comunale, creando disagi alla viabilità e danni alle aziende agricole che hanno perso bestiame e raccolto. “Ieri è stata una giornata vissuta con preoccupazione, ma sia il nostro Centro operativo comunale sia tutte le forze dell’ordine hanno lavorato intensamente per prevenire ogni possibile situazione di emergenza. L’esondazione ha creato qualche problema per la viabilità, ma soprattutto molti danni alle aziende del nostro territorio. Per questo motivo chiederemo che venga riconosciuto lo stato di calamità naturale, così come richiederemo delle risorse per il Comune da usare per i danni ambientali, il recupero dei rifiuti e le bonifiche”, ha detto il sindaco che stamattina ha svolto un sopralluogo alla foce del Rio Mannu, nei pressi del ponte romano.

Gli oggetti gettati nel fiume dai soliti maleducati durante gli anni, dalle lavatrici ai divani sino a delle grosse bobine – ha aggiunto Wheeler – sono stati trascinati a mare e vanno infatti recuperati”. Intanto sul nord ovest della Sardegna oggi ha ripreso a piovere e il Rio Mannu resta uno dei sorvegliati speciali. Questa mattina un sopralluogo lungo le sponde del fiume è stato effettuato anche dalla Polizia locale di Sassari che, con la Protezione civile, tiene sotto controllo anche il Rio Calamasciu e il Rio Mascari, esondati lunedì.

 

 

ansa.it / Piemonte / 27 novembre 2019

http://www.ansa.it/piemonte/notizie/2019/11/27/maltempoancora-330-isolati-581-evacuati_8c805d22-690b-4445-9de5-df16a814b316.html

 

 

Maltempo, ancora 330 isolati 581 evacuati

Meteo migliora, fino a sabato nessuna pioggia prevista

 

 

(ANSA) – TORINO, 27 NOV – L’ultima perturbazione è passata oggi sul Piemonte senza creare nuove criticità: le piogge più abbondanti sono state misurate nell’Alessandrino, 77.8 millimetri a Fraconalto, 50.8 a Piano Carrega. Le condizioni meteorologiche sono in netto miglioramento ed è atteso un periodo di bel tempo fino alla serata di sabato, con il vento foenh che venerdì si spingerà fino in pianura, riportando le massime oltre i 15 gradi.
Restano ancora isolate 330 persone, contro le 557 dello scorso weekend, mentre gli abitanti non rientrati nelle loro case sono 581, a fronte delle 624 nei momenti più critici. Nei giorni del maltempo la protezione civile regionale ha ricevuto da 108 Comuni segnalazioni di frane, da 35 di allagamenti e 9 di valanghe.
La Sala Operativa regionale chiuderà la fase di “attenzione emergenziale” alle 24 di questa sera. Verrà ripristinata “la normale sorveglianza del territorio, che comunque – spiega una nota della Regione – è sempre attiva, in maniera attenuata, 24 ore al giorno”.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.