REDAZIONE IL FATTO QUOTIDIANO DEL 28 NOVEMBRE 2019 :: Caruana Galizia, uccidere la giornalista costò 150mila euro. Parlamento Ue in missione per esaminare lo stato di diritto a Malta

 

IL FATTO QUOTIDIANO DEL 28 NOVEMBRE 2019

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/11/28/caruana-galizia-uccidere-la-giornalista-costo-150mila-euro-parlamento-ue-in-missione-per-esaminare-lo-stato-di-diritto-a-malta/5584684/

 

 

MONDO

Caruana Galizia, uccidere la giornalista costò 150mila euro. Parlamento Ue in missione per esaminare lo stato di diritto a Malta

 

Caruana Galizia, uccidere la giornalista costò 150mila euro. Parlamento Ue in missione per esaminare lo stato di diritto a Malta

 

La cifra, secondo “molteplici fonti giudiziarie” citate dal Times of Malta, è emersa tanto nelle registrazioni presentate da Theuma, l’intermediario che ha collaborato dando una svolta alle indagini. Le fonti riportano anche che, secondo la versione di Theuma, fu l’imprenditore Fenech commissionò l’omicidio e consegnò fisicamente 150mila euro a Theuma per i tre sicari che uccisero la giornalista

di F. Q. | 28 NOVEMBRE 2019

 

 

Uccidere Daphne Caruana Galizia è costato centocinquantamila euro. Avrebbe pagato tanto Yorgen Fenech, il re dei casinò e amministratore delegato della holding Tumas Group, accusato di essere il mandato dell’omicidio della giornalista. Bloccato mentre cercava di fuggire da Malta con il suo yacht, Fenech è accusato di aver pagato all’intermediario Melvin Theuma, il tassista-usuraio il cui arresto ha dato la svolta decisiva alle indagini sull’omicidio della giornalista. Fenech era direttore generale della centrale termoelettrica dell’isola, la cui costruzione e gestione, compreso il contratto di fornitura di gas azero, è stato al centro di un’inchiesta di Caruana Galizia.

 

Le indagini – Caruana Galizia fu assassinata il 16 ottobre 2017 con una autobomba confezionata, piazzata sulla sua automobili e fatta esplodere dai tre killer: Vince Muscat ed i fratelli Vince e George Degiorgio arrestati già a dicembre, meno di due mesi dopo.

La cifra, secondo “molteplici fonti giudiziarie” citate dal Times of Malta, è emersa tanto nelle registrazioni presentate da Theuma, ma anche in separati interrogatori dello stesso Theuma e di Fenech. Le fonti riportano anche che, secondo la versione di Theuma, fu l’imprenditore a commissionare l’omicidio e a consegnare fisicamente 150mila euro a Theuma per i tre sicari. Il mediatore dell’omicidio ha ottenuto la grazia ed il condono tombale per la sua collaborazione: domani testimonierà per la prima volta in tribunale)

Parlamento Ue a Malta – Dopo i recenti sviluppi sull’assassinio di Caruana Galizia la Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo ha deciso di inviare una missione urgente per esaminare lo stato di diritto a Malta. Il Parlamento discuterà della situazione a Malta nella plenaria di dicembre, dice l’eurodeputato dei Verdi Sven Giegold, che aveva partecipato alla precedente missione del Parlamento europeo a Malta subito dopo l’omicidio della giornalista.

 

“Muscat conosceva i sospetti degli inquirenti”- L’assassinio della giornalista, infatti, è arrivato a lambire i più alti livelli di governo dell’isola. Il primo ministro maltese, Joseph Muscat, era a conoscenza da tempo dei sospetti degli inquirenti sul caso Caruana nei confronti di Fenech. Lo era perché firmò un ordine speciale che autorizzava le intercettazioni dei telefoni dell’allora ad della holding Tumas Group nonché direttore generale della centrale termoelettrica dell’isola, a riferirlo sono Malta Today e il Times of Malta, quest’ultimo – citando “molteplici fonti” – specifica che Muscat firmò l’ordine a favore dei servizi di sicurezza maltesi (Mss) ben 15 mesi fa e che nel frattempo è stato costantemente aggiornato sullo stato dell’inchiesta. Malta Today aggiunge che l’ormai ex capo di gabinetto, Keith Schembri, era presente alla riunione tra i responsabili del Mss ed il premier. Il parlamentare olandese Pieter Omtzigt, relatore sul caso Caruana per il Consiglio d’Europa, ha scritto una serie di Twitter osservando che la notizia sul ruolo di Muscat nelle indagini “solleva ancora più gravi preoccupazioni“.

Le dimissioni al vertice del governo – L’ormai ex capo di gabinetto del primo ministro maltese Schembri ha lasciato l’incarico due giorni fa. Secondo alcune fonti giudiziarie è stato Fenech a tirarlo in ballo. L’imprenditore ha chiesto il condono tombale in cambio di informazioni che incriminerebbero Schembri non solo per l’omicidio Caruana ma anche per altri casi di corruzione. Stando ai tabulati telefonici, i due erano in frequente contatto ed il re dei casinò avrebbe confessato che il suo medico personale era anche il suo anello di congiunzione con lo stesso Schembri. Nelle scorse ore è emerso che Fenech parlò al telefono direttamente con Schembri poche ore prima di tentare la fuga all’alba con lo yacht di famiglia.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *