P. ROD. ::: INTERVISTA A MONS. DOMENICO MOGAVERO, VESCOVO DI MAZARA DEL VALLO SUL LIBRO DI BENEDETTO XVI E DEL CARD. SARAH : “La tempistica non è delle migliori. Invece il momento è maturo per una riforma”–REPUBBLICA DEL 13 GENNAIO 2020 –pag. 16

 

REPUBBLICA DEL 13 GENNAIO 2020 –pag. 16

https://quotidiano.repubblica.it/edizionerepubblica/pw/flipperweb/flipperweb.html?testata=REP&issue=20200113&edizione=nazionale&startpage=1&displaypages=2

 

 

L’intervista:: 

Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo:: 

“La tempistica non è delle migliori. Invece il momento è maturo per una riforma”

 Immagine correlata

Mons. Domenico Mogavero, 72 anni, vescovo di Mazara del Vallo, ex sottosegretario della Cei

CITTA’ DEL VATICANO —

«A Benedetto XVI riconosciamo grande passione ecclesiale. Anche se, in mancanza ancora di un pronunciamento di Francesco dopo i lavori del Sinodo, l’uscita di questo libro mi sembra un mettere le mani avanti eccessivo, come a dire che si vuole mettere in guardia dall’andare oltre ciò che si ritiene non modificabile».

Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, parla con Repubblica del libro in cui Joseph Ratzinger e il cardinale Robert Sarah difendono il celibato ecclesiastico dicendo di «non poter tacere».

Perché a suo avviso questa uscita?

«Essendo un libro credo sia maturato nel corso di qualche mese, credo proprio durante i lavori sinodali. Mi sembra, ripeto, un intervento dagli intenti terapeutici, che vuole bloccare possibili sviluppi sul celibato».

Ma i suggerimenti consegnati al Papa dai padri sinodali parlano di diaconi sposati, non di preti…

«In effetti, i padri sinodali hanno ribadito l’importanza dei diaconi sposati, un ministero antico e da tempo accettato dalla Chiesa latina. Quindi il libro mi pare soltanto, in una forma solenne e ragionata, il tentativo di mettere comunque al riparo da sviluppi futuri che ovviamente ci potranno comunque essere».

Cosa pensa dei preti sposati?

«Ritengo che i tempi siano maturi per un’apertura che a mio avviso non è scandalosa. L’eventuale introduzione dei preti sposati non metterebbe in dubbio il valore del celibato, solo risponderebbe a esigenze oggi nuove. Nel Sud Italia, fra l’altro, abbiamo le diocesi di rito greco albanese, in Calabria, Basilicata e Sicilia, nelle quali ci sono sacerdoti sposati. Difatti la Chiesa latina contempla questa possibilità, quindi non vedo quali problemi dovrebbero sorgere».

Il cardinale Sarah sul celibato si è espresso più volte chiudendo.

«Il cardinale ha posizioni non aperte su diverse questioni, e le ha da tempo. È legittimo che sia così anche se, ripeto, forse la tempistica dell’uscita del libro non è delle migliori».

— p. rod.

Una risposta a P. ROD. ::: INTERVISTA A MONS. DOMENICO MOGAVERO, VESCOVO DI MAZARA DEL VALLO SUL LIBRO DI BENEDETTO XVI E DEL CARD. SARAH : “La tempistica non è delle migliori. Invece il momento è maturo per una riforma”–REPUBBLICA DEL 13 GENNAIO 2020 –pag. 16

  1. Donatella scrive:

    Diceva Lucio Dalla,ne “L’anno che verrà”: “Anche i preti potranno sposarsi ma soltanto a una certa età”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *