DONATELLA, a cui diciamo grazie e mille, anche per la rivista ::: II – I MILLENNIO A. C. :: CAVALLO BIANCO DI UFFINGTON — archeologia viva n. 199- gennaio/ febbraio 2020 ++ blog angolo dell’amicizia, link

 

 

Risultati immagini per cavallo bianco di uffington

FOSSI DIFENSIVI DEL CASTELLO DI UFFINGTON

 

fosos-defensivos-castillo-uffington

 

 

Risultati immagini per cavallo bianco di uffington

 

 

IL DISEGNO::

 

 

caballo-blanco-uffington-portada

 

 

 

 

 

Risultati immagini per cavallo bianco di uffington

 

 

Un sinuoso cavallo bianco lanciato al galoppo sulle colline inglesi continua a far parlare di se’. Siamo di fronte ad uno dei geoglifi più ammirati e studiati della storia. Il cavallo bianco nella contea dell’Oxfordshire in Gran Bretagna. Lunga 114 metri e alta 34, la raffigurazione non ha mai trovato una versione univoca sul perché sia stata realizzata.

Di sicuro agli uomini dell’Eta’ del Bronzo britannica, vissuti in questa zona tra 1400 e 600 a. C., ci volle molto tempo e altrettanta pazienza per scavare il terreno argilloso spesso più di un metro arrivando così allo strato di gesso bianco in cui è ricavata la figura. A nulla sarebbe valso inoltre lo sforzo senza la continua manutenzione nel tempo che ha permesso al cavallo di rimanere ” in vita ” fino a noi.  Sappiamo  con certezza che almeno fino all’Ottocento, ogni sette anni, il geoglifo era scavato di nuovo in occasione di una fiera locale che si teneva sulla collina. Un appuntamento immancabile per le comunità locali, che si sfidavano in simulazioni di battaglie, corse di cavalli e altri tipi di gare.

E sempre a scadenza più o meno rigorosa il cavallo è stato riscavato fino ai nostri giorni. Tra leggende che narrano come il cavallo di Uffington sia in realtà il famoso Drago ucciso da San Giorgio o che si tratti di una figura ispirata a credenze celtiche, innovativi metodi di indagine applicati sul sito nel 1994 datano la sua realizzazione a circa tremila anni fa.

Se il dato cronologico è accertato, è invece in cerca di ulteriori conferme la recente interpretazione dell’archeologo Ioshua Pollard dell’Università di Southampton, per il quale questo geoglifo rappresenterebbe un cavallo mitico che traina il sole nel cielo.

” Se si seguono la posizione del cavallo e il suo movimento — spiega Pollard — vediamo che corrispondono all’arco del sole durante il solstizio d’inverno. Non sarebbe un caso, dato che nella mitologia indoeuropea il sole viene trainato nel cielo da un cavallo o da un carro con più cavalli di giorno e trasportato durante la notte da una barca. Comunque sia il cavallo godeva in questo periodo di un’altissima considerazione “.

Insomma farebbe parte di una sorta di passaggio coreografico all’interno di una pièce teatrale preistorica. Uno spettacolo di cui si parla ancora oggi.

 

Da ” Brithish Archeology ” N.6 / 2019

ARCHEOLOGIA VIVA N. 199- GENNAIO/ FEBBRAIO 2020

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

Immagine correlata

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Risultati immagini per cavallo bianco di uffington

 

 

 

in questo link sotto, trovate magnifiche foto e una serie di leggende che lo interpretano ::

ANGOLO DELL’AMICIZIA. FORUM FREE.IT

https://angolodellamicizia.forumfree.it/?t=69679496

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *