HIERONYMUS BOSCH, I SETTE PECCATI CAPITALI E LE QUATTRO ULTIME COSE, 1500-1525, OLIO SU TELA, 120 X 150, PRADO, MADRID

Hieronymus Bosch–(‘s-Hertogenbosch, 2 ottobre 1453 – ‘s-Hertogenbosch, 9 agosto 1516) è stato un pittore olandese.

Cornelis Cort – ib.rkd.nl : Home : Info

Ritratto di Hieronymus Bosch, (1550 circa)

Attribuito a Jacques Le Boucq

FOTO DA WIKIPEDIA

Hieronymus Bosch- The Seven Deadly Sins and the Four Last Things.JPG

Sette peccati capitali è un dipinto a olio su tavola (120×150 cm) attribuito a Hieronymus Bosch o a un suo imitatore, databile al 1500-1525 circa e conservato nel Museo del Prado di Madrid. L’opera è firmata sotto il cartiglio inferiore “Jheronimus Bosch”.

Di datazione molto incerta, tradizionalmente riferita alla prima maturità (1485 circa), studi recenti l’hanno invece collocata alla fase ultima, dopo il 1500, forse completata dopo la morte dell’artista, nel 1516, da un collaboratore, entro il 1525 circa (Guevara), capace di una fattura anche “più precisa e paziente” del maestro.

DETTAGLIO CENTRALE

Quattro piccoli medaglioni, rappresentanti la Morte di un peccatore (da un’incisione dell’Ars moriendi), il Giudizio Universale, l’Inferno e il Paradiso (i “Novissimi”), sono disposti agli angoli della tavola, circondando un cerchio più grosso dove sono raffigurati i vizi capitali e, nella “pupilla”, Cristo che si erge dal proprio sepolcro, entro un fascia di raggi dorati che simboleggiano l’occhio di Dio. Sotto questa figura, si nota una scritta in latino:

(LA)

«CAVE CAVE D[omi]N[u]S VIDET»

(IT)

«Attenzione, attenzione, Dio vede»

 

 

 

GOLA–DETTAGLIO

GOLA

IRA

AVARIZIA

INVIDIA

SUPERBIA

ACCIDIA

LUSSURIA

MORTE DI UN PECCATORE CON UN ANGELO E UN DIAVOLO CHE NE GIUDICANO L’ANIMA

PARADISO

INFERNO O PUNIZIONE DEL SETTE PECCATI CAPITALI

GIUDIZIO UNIVERSALE

Una risposta a HIERONYMUS BOSCH, I SETTE PECCATI CAPITALI E LE QUATTRO ULTIME COSE, 1500-1525, OLIO SU TELA, 120 X 150, PRADO, MADRID

  1. Donatella scrive:

    E’ un mondo a fumetti, ma con l’inferno non si scherzava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *