AMY LEVY ( LONDRA 1861- 1889 ):: LA STORIA DI UNA BOTTEGA –EDITORE JO MARCH

 

 

Risultato immagini per amy levy

AMY LEVY, nasce a Londra nel 1861 e muore lì nel 1889. Saggista, poetessa e scrittrice britannica ricordata per i suoi doni letterari; la sua esperienza come prima donna ebrea alla Cambridge University e come studentessa  al  Newnham College, Cambridge; è nota per essere stata ” un nuovo tipo di donna ” intorno al 1880 a Londra.

Risultato immagini per amy levy

Amy Levy (1861-1889), poetessa, saggista e narratrice femminista dell’età vittoriana, apparteneva a una famiglia della borghesia ebraica di Londra. Lasciata l’università, viaggiò a lungo in Europa, in Germania, Svizzera e Italia. Nella sua breve esistenza scrisse tre libri di poesie (Xantippe and Other Verse, A Minor Poet, A London Plane-Tree), saggi e novelle, tra le quali Cohen di Trinity e Wise in her Generation, e tre romanzi, The Romance of a Shop; Reuben Sachs: A Sketch e Miss Meredith. Morì suicida, all’età di ventisette anni, nella casa londinese dei suoi genitori. Con “Miss Meredith”, pubblicato appena un anno dopo “Il carteggio Aspern” di Henry James, Amy Levy affronta in modo assai personale e con uno scioglimento inaspettatamente felice il ‘tema internazionale’ così caro al grande scrittore americano. “Miss Meredith” è tradotto in italiano da Elisabetta Parri.

 

Miss Meredith - Librerie.coop

 

 

editore ROBIN

 

 

Reuben Sachs - Librerie.coop

 

Amy Levy ama i romanzi di George Eliot come tutte noi, ma non le va giù la versione sentimentale della comunità ebraica che l’autrice propone in Daniel Deronda. Amy sa bene che non esiste niente di peggio che essere una donna ebrea e lesbica in piena epoca vittoriana. Così scrive Reuben Sachs. Attraverso la satira su luoghi comuni, chiodi fissi e cattivo gusto degli ebrei londinesi, Amy Levy contesta un ordine simbolico che per le donne non prevede dignitose alternative al matrimonio: o sei una moglie devota o una zitella cinica.Ma le figure femminili forti, inquiete e memorabili di questo romanzo sanno bene che «non c’è nulla di più atroce di una donna che non conosce le sue possibilità»: ecco perché le loro vicende finiscono per offuscare la storia dell’amore impossibile tra il promettente avvocato di buona famiglia Reuben Sachs e la cugina povera Judith Quixano, troppo spesso ritenuto a torto il cuore di questo libro.

 

 

Risultato immagini per amy levy

 

 

Risultato immagini per amy levy

 

 

Risultato immagini per amy levy    Risultato immagini per amy levy

 

La storia di una bottega

Amy Levy

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Traduttore: L. Ricci, V. Mastroianni

Editore: Jo March

Collana: Atlantide

Anno edizione: 2013

In commercio dal: 30 aprile 2013

Pagine: 224 p., Brossura

12 euro, prezzo pieno

 

La recensione di IBS

Nella Londra di fine Ottocento, le giovani sorelle Lorimer perdono improvvisamente il padre e finiscono sul lastrico. Rifiutandosi di accettare un destino che le vedrebbe divise tra i vari familiari che si sono offerti di dar loro ospitalità e protezione, scelgono di restare insieme e di sopravvivere con le proprie forze: fra lo sgomento generale, si trasferiscono nell’affollata e viva Baker Street, nel centro di Londra, e aprono una bottega di fotografia. Lacerate dai dubbi, sballottate dai colpi della fortuna, eppure appassionate e tenaci, Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny cercano di resistere alle privazioni e di conquistarsi uno spazio nella società, difendendo un’indipendenza per nulla scontata nella tarda età vittoriana. Nel 1888, Amy Levy realizza un originale e raffinato ritratto di donne emancipate e moderne, utilizzando una metafora assolutamente calzante, quella della tecnica fotografica. Come la fotografia imprime, con leggi e codici del tutto nuovi, la realtà, stravolgendo per sempre l’arte e il concetto di immagine; nella stessa misura, le quattro protagoniste rivolgono uno sguardo più genuino alla vita, incarnando una donna, al contempo idealista e concreta, che annuncia il mutamento rapido e inarrestabile della condizione femminile alle porte del ventesimo secolo.

 

 

QUI TROVATE UN’AMPIA E DOCUMENTATA RECENSIONE CHE SITUA IL LIBRO NELLA STORIA LETTERARIA INGLESE

https://www.criticaletteraria.org/2013/10/amy-levy-storia-di-una-bottega-jo-march-recensione.html

 

 

UN’ALTRA RECENSIONE

https://www.sololibri.net/La-storia-di-una-bottega.html

 

La storia di una bottega di Amy Levy

La storia di una bottega, che Oscar Wilde definì “una storia intelligente e brillante”, redatto nel 1888 da Amy Levy, scrittrice, poetessa, traduttrice dal tedesco, autrice di articoli e racconti dalla penna innovatrice e intuitiva, viene pubblicato ora per la prima volta in Italia nella collana Atlantide dalla Jo March Agenzia Letterari

Alessandra Stoppini

Alessandra Stoppini

Pubblicato il 13-05-2013

” Perché non dare una svolta in base all’unica cosa che sappiamo fare e cominciare a lavorare come fotografe professioniste? Così resteremo unite. Può essere un rischio, ma se falliamo avremo ben poco da perdere”.

Nella tentacolare e innovativa Londra della fine del XIX Secolo quattro donne ardimentose cercavano la loro strada consapevoli delle loro capacità. Quella delle sorelle Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny Lorimer è una sfida alla rigida morale vittoriana e alle convenzioni sociali del tempo contrarie all’indipendenza femminile che favorivano piuttosto matrimoni di convenienza, con i quali le donne affidavano il loro futuro agli uomini. Ma i nuovi tempi avanzano e il progresso non si può fermare. Le donne devono e hanno il diritto di lavorare, anche quello di aprire una bottega, uno studio fotografico nel cuore della capitale dell’Impero Britannico.

Una repentina perdita di fortuna seguita nell’immediato dalla morte del padre debonnair (affabile) e brillante tanto quanto era stato manchevole, così poco capace di far fronte alle dure prove dell’esistenza quanto sconsiderato nell’attaccarle, aveva posto le figlie di fronte a una scelta. Le ragazze sapevano fotografare e avevano ereditato uno studio con attrezzature per la luce e tutto il resto. Nonostante il parere contrario di Mrs Septimus Pratt, alias zia Caroline che apparteneva a quella “dannata classe della comunità che faceva prevalere volontà e potere su intelletto e sensibilità”, le sorelle avevano dapprima venduto la vecchia casa di famiglia per trasferirsi nel cuore di Londra al 20 B di Upper Baker Street dove avevano affittato un negozio con relativo appartamento sopra allo studio.

“Sopra la porta che dava sulla strada fu sistemata una grande insegna nera, sulla quale era scritto a lettere d’oro: G. & L. Lorimer: Studio fotografico”.

Qui nelle adiacenze della stessa fittizia via nella quale Arthur Conan Doyle aveva fatto risiedere la coppia Holmes & Watson (Upper Baker Street) le Lorimer si erano accorte di non essere né “bambine disubbidienti, folli sognatrici” né “una banda di ragazze capricciose e sciocche”.

The Romance of a Shop: per la prima volta in italiano

La storia di una bottega (titolo originale del volume: The Romance of a Shop), che Oscar Wilde definì “una storia intelligente e brillante”, redatto nel 1888 da Amy Levy (1861 – 1889) scrittrice, poetessa, traduttrice dal tedesco, autrice di articoli e racconti dalla penna innovatrice e intuitiva, viene pubblicato ora per la prima volta in Italia nella collana Atlantide dalla Jo March Agenzia Letteraria, casa editrice fondata nel 2009. Le editrici Valeria Mastroianni e Lorenza Ricci, fedeli alla loro idea originaria (“andare in cerca di narrativa originale, in grado di dare espressione linguistica e poetica alla nostra contemporaneità, e riportare alla luce narrativa lontana, nel tempo o nello spazio, a torto dimenticata o mai tradotta in lingua italiana”), hanno tradotto questo romance con maestria e ricercatezza riuscendo a cogliere attraverso il lessico le trasformazioni sociali di una Londra in pieno fermento.

È singolare il fatto che Amy Levy, prima donna ebrea a essere ammessa all’Università di Cambridge nel 1879, morta suicida un anno dopo la pubblicazione di questo libro, abbia scritto i suoi tre romanzi The romance of a ShopReuben Sachs (entrambi del 1888) e Miss Meredith (1889) alcuni anni prima delle rivendicazioni femministe combattute dalle suffragette per ottenere il diritto di voto. Venti anni prima del grande corteo della Women’s Social and Political Union che nel giugno del 1908 avrebbe sfilato a Hyde Park quattro (non più) Piccole Donne anzi New Woman (New Woman Novel, romanzi di protesta sulla condizione femminile in voga negli ultimi anni dell’Ottocento) scommettevano contro un destino che le avrebbe volute insegnanti, governanti o istitutrici. Nell’introduzione Nel breve spazio di un momento, Silvana Colella riporta alcune frasi di un articolo di Amy Levy del 1888 dedicato alla vita culturale dei club femminili londinesi:

“non senza rimpianto osserviamo il vecchio ordine cambiare e lasciare spazio al nuovo”.

Mai reprimere le legittime aspirazioni femminili soprattutto nella Londra di fine Ottocento dove “grandi forze anonime” facevano girare la ruota della fortuna citata in un verso di una poesia di Tennyson che si trova nell’epigrafe del primo capitolo del volume.

“Fai girare, o Fortuna, fai girare la ruota e umilia l’orgoglioso; Fai girare la tua ruota selvaggia con il sole, la tempesta e la nebbia; Non abbiamo né odio né amore per te e la tua ruota”. Alfred Tennyson Idylls of the King: Song from the Marriage of Geraint

Condividi

One Response to AMY LEVY ( LONDRA 1861- 1889 ):: LA STORIA DI UNA BOTTEGA –EDITORE JO MARCH

  1. Donatella scrive:

    Avvincente la storia di questa scrittrice e la sua opera. Grazie per avercela segnalata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *