” e VA’ …E VA…? — UNA CANZONE DI FRANCO MIGLIACCI ( TESTO ) E CLAUDIO MATTONE ( MUSICA )–RECITATA / CANTATA DA ALBERTO SORDI — DEL 1981

 

Una canzone del compositore e paroliere Claudio Mattone (Santa Maria a Vico, 28 febbraio 1943) e del paroliere Franco Migliacci (Mantova, 28 ottobre 1930), autore tra le altre di ” Nel blu dipinto di blu “ del 1981 che spesso cantava Alberto Sordi nelle varie trasmissioni televisive a cui era invitato, riuscendo a dare alle parole un’aria scanzonata e piacevole da ascoltare.

 

E Va’ …E Va?

Alberto Sordi

Hahahahahaha Hahaha

Me sarò chiesto cento, mille volte

Io che non so’ né re, né imperatore

Che ho ffatto per trovamme sta reggina

Nel letto, fra le bbraccia, in fonno al core

E dato sì che sei così preziosa

Stasera io te vojo di’ ‘na cosa

Te c’hanno mai mannato a quel paese

Sapessi quanta gente che ce sta

Er primo cittadino è amico mio

Tu dije che te c’ho mannato io

E va’ e va’

Va’ avanti tu che adesso c’ho da fa’

Sarai la mia metà ma si nun parti

Diventi un altro po’ la mia trequarti

E va’ e va

‘Nun puoi sape’ er piacere che me fa

‘Magari qualche amico te consola

Così tu fai la scarpa e lui te sola

Io te ce manno sola

Io te ce manno sola

Sola senza de me

Già che ce so’ me levo st’altro peso
Co’ tte che fai er capoccia e stai piu’ su
Te sei allargato troppo, senti a coso
Mica t’offendi se te do del tu

Te c’hanno mai mannato a quel paese
Sapessi quanta gente che ce sta
A tte te danno la medaglja d’oro
E noi te ce mannammo tutti in coro

E va e va
Chi va con la corente è baccalà
Io so’ salmone e nun me ‘mporta niente
A me me piace anna’ contro corente
E va e va
Che piu’ sei grosso e piu’ ce devi anna’
E t’a ritroverai nel posto giusto
E prima o poi vedrai ce provi gusto
Solo scherzando
Gusto sto solo cantando
Uh sto solo a scherza’
pardon, pardon pardon hahaha

Ma quanno la mattina sto allo specchio, eh
C’e’ un fatto che me bbutta giu’ er morale
Io me ritrovo sempre ar gabbinetto
E me ricanto addosso sto finale

Te c’hanno mai mannato a quel paese

Sapessi quanta gente che ce sta
Così che m’encoraggio e me consolo
Cor fatto de mannammece da solo

E va e va
Che si ce devi anna’ ce devi anna’
Tanto se te anniscondi dietro a un vetro
Na mano c’hai davanti e l’altra dietro
E va e va
E’ inutile che stamo a litiga’

Tenemoce abbracciati stretti stretti
Che tanto prima o poi c’annamo tutti
A quel paese tutti, a quel paese
Tutti a quel paese
Tutti (aò ma tu che fai, non venghi?)
Chi è oh?
E come, non vengo? Per forza
A quel paese tutti, a quel paese
Tutti a quel paese là

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *