Una leonessa con i piccoli nati di pochi giorni –4.15 — per chi fosse curioso come noi…qualche notizia

 

La mappa dei parchi della Tanzania

 

 

 

La pianura di Serengeti è una regione di circa trentamila chilometri quadrati, costituita da prateria, savana e boschi situata in Africa orientale. La parte settentrionale appartiene al Kenya, quella meridionale (l’80% circa della superficie totale) alla Tanzania. La zona costituisce l’habitat naturale per una grande varietà di animali; si stima che sia abitata da circa un milione e mezzo di erbivori e migliaia di predatori. Gli animali più comuni sono gli gnu, le antilopi, le gazzelle, le zebre e i bufali.

La pianura è celebre per gli impressionanti movimenti migratori che si verificano ogni anno. Intorno a ottobre, circa un milione e mezzo di erbivori si spostano a sud, attraversando il fiume Mara, per ritornare a nord (attraversando ancora il Mara più a ovest) intorno ad aprile. Questo fenomeno viene talvolta chiamato “la migrazione circolare”.

Appartiene a quest’area anche il sito archeologico di Olduvai, dove sono avvenuti ritrovamenti di alcuni dei più antichi fossili di ominidi.

La pianura del Serengeti è suddivisa in numerosi parchi nazionali: il Parco Nazionale del Serengeti, la riserva naturale di Ngorongoro, la riserva keniota di Masai Mara, il Maswa Game Reserve, e le aree controllate di Loliondo, Grumeti e Ikorongo.

Il Serengeti è stata fonte d’ispirazione per il lungometraggio della Disney Il Re Leone e la successiva produzione teatrale.

Condividi

2 Responses to Una leonessa con i piccoli nati di pochi giorni –4.15 — per chi fosse curioso come noi…qualche notizia

  1. Donatella scrive:

    E’ commovente come si muove delicatamente la mamma leonessa per permettere a tutti i piccoli di succhiare il suo latte.

    • Chiara Salvini scrive:

      E loro …come se la prendono bella comoda…scivolano a cavallo su di lei come su uno su uno scivolo dei bambini ! Anche chi ha girato il film ha lasciato che scorresse il tempo quanto aveva da scorrere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *