I GIARDINI DI NINFA NEL TERRITORIO DI CISTERNA LATINA NELLA PROVINCIA DI LATINA NEL LAZIO –VIDEO CON VISITA VIRTUALE, 7.07 +++ immagini e scritta

 

 

«Ecco Ninfa, ecco le favolose rovine di una città che con le sue mura, torri, chiese, conventi e abitati giace mezzo sommersa nella palude, sepolta sotto l’edera foltissima. In verità questa località è più graziosa della stessa Pompei, le cui case s’innalzano rigide come mummie tratte fuori dalle ceneri vulcaniche.»

Ferdinand Gregorovius ( 1821- 1891), storico e medievista, famoso per i suoi studi sulla Roma medioevale, da: Passeggiate romane.

 

VIDEO : 7.07 — VISITA VIRTUALE AI GIARDINI DI NINFA

 

 

 

Giardino di Ninfa 85.jpg

Il fiume Ninfa nei pressi del ponte di legno

Mentnafunangann – Opera propria

 

Il giardino di Ninfa è un monumento naturale della Repubblica Italiana situato nel territorio del comune di Cisterna di Latina, al confine con Norma e Sermoneta. Si tratta di un tipico giardino all’inglese, iniziato da Gelasio Caetani nel 1921, nell’area della scomparsa cittadina medioevale di Ninfa, di cui oggi rimangono soltanto diversi ruderi, alcuni dei quali restaurati durante la creazione del giardino.

 

TUTTA LA STORIA DELLA CITTA’ DI NINFA E LA NASCITA DEL GIARDINO IN :

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Giardino_di_Ninfa

Mappa giardino di ninfa.png

mappa Monumento naturale Giardino di Ninfa, Lazio, Italia

of Latium_Provinces.png: Rarelibra; derivative work Patafisik – Latium_Provinces.png

 

A partire dal 1976, su un’area di circa 1.800 ettari intorno al giardino, è nata un’oasi del WWF che mira alla protezione della fauna nel comprensorio di Ninfa: è stato realizzato un impianto boschivo ed un sistema di aree umide per agevolare la sosta e la nidificazione dell’avifauna ed allo stesso tempo si è cercato di ricreare, su un’area di quindici ettari, la vegetazione tipica della zona, ossia quella prettamente paludosa, già esistente fino agli anni trenta, prima che la zona pontina venisse del tutto bonificata[7]. L’area si trova sulla traiettoria di una delle principali rotte migratorie percorse da uccelli che, provenienti dai paesi africani, si trasferiscono in varie aree dell’Europa. Dopo la creazione dell’oasi, nella zona si sono registrati arrivi di alzavole, germani reali, canapiglie, aironi, pavoncelle e alcune specie di rapaci.

 

Castello con la torre

Livioandronico2013 – Opera propria

 

 

 

Il municipio

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

Rovine sul fiume Ninfa

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

I ruscelli d’irrigazione costruiti a inizio Novecento

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

Abside con affreschi della chiesa di Santa Maria Maggiore

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

Rudere di una casa

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

 

Il ponte del macello

etfruscoloni – Opera propria

 

 

 

Acero americano (Acer negundo)

Mentnafunangann – Opera propria

 

 

 

Gunnera manicata presso il ponte di legno. La pianta è originaria del Brasile.

Natalia Casagrande – Opera propria

 

 

Giardino di Ninfa, Cisterna di Latina, Lazio | SiViaggia

 

 

Latina. Il Giardino di Ninfa: oltre 1000 piante differenti ...

 

 

Giardino di Ninfa e Castello Caetani, per il 2019 nuovi loghi e ...

 

 

 

5 luoghi in cui scoprire la vera natura del Lazio

 

 

 

La primavera ai Giardini di Ninfa – E se domani a Roma

 

 

 

Il Giardino di Ninfa

 

 

PRIMAVERA AL GIARDINO DI NINFA Apertura straordinaria per la ...

 

 

 

 

Il Giardino di Ninfa - Gucci Stories

 

 

FOTO DA : NEL LINK CI SONO MOLTE FOTO BELLISSIME !

https://www.visitlazio.com/web/luoghi/il-giardino-di-ninfa/

 

 

LA PARTE VECCHIA DI CISTERNA DI LATINA

 

29 gennaio 1944: Ha inizio la battaglia di Cisterna nel Lazio ...

UNA FOTO DEL BOMBARDAMENTO DI CISTERNA DEL 24 GENNAIO 1944

 

museo-dello-sbarco-di-Anzio-momenti-dello-sbarco - Report Difesa

LO SBARCO DI ANZIO

 

 

Cisterna di Latina. Dopo il servizio veterinario e l'Ucpci, anche ...

CISTERNA DI LATINA

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *