L’IMMENSO ALBERGO DEI POVERI DI GENOVA — prime ricerche… vari links–

 

 

 

Albergo dei Poveri di Genova, domani inizia la ristrutturazione

REDAZIONE — 19 MAGGIO 2020

 

 

 

I lavori di ristrutturazione dell’Albergo dei Poveri di Genova iniziano domani, 20 maggio.

Lo annuncia Sviluppo Genova. Il progetto globale è stato sviluppato con Compagnia di San Paolo, Regione Liguria, Comune di Genova, Università degli studi di Genova, Asp Emanuele Brignole.

Il primo lotto di lavori nella “Galleria uomini“, la cui esecuzione sarà possibile grazie al contributo erogato da Regione Liguria nell’ambito del programma attuativo regionale Fsc (2007-2013), verrà avviato domani.

L’evento apre la stagione di restauri per l’edificio che rappresenta uno dei manufatti architettonici più importanti della città, per storia, dimensioni e localizzazione.

Si tratta della prima fase di una serie di interventi che, a seguire, vedrà interessate anche altre porzioni dell’edificio per il recupero e il restauro dell’Oratorio uomini e di spazi a esso collegati, oltre che al consolidamento del tetto ligneo originale tardo sei-settecentesco.

Il secondo lotto sarà realizzato grazie al Comune di Genova e di Compagnia San Paolo, erogatore del contributo necessario alle opere.

 

 

 

L'evoluzione dell'Albergo dei Poveri nei secoli: da ricovero a ...

 

 

L'Albergo dei Poveri, ora sede universitaria, è uno spazio ...

FOTO DAL BLOG DI LAURA GUGLIELMI, 17 APRILE 2018

L’Albergo dei Poveri, un’eccellenza genovese. Visitatelo!

 

 

Genova, Albergo dei poveri di Carbonara, 1836 - La Stampe Antiche

Genova, Albergo dei poveri di Carbonara, 1836

Litografia, tratta da “Magazzino Pittorico Universale” 1836, Genova; misura cm.15×21 su foglio cm.21×28, su carta leggera con retro bianco::

https://www.lapuntaseccastampeantiche.com/Genova-Albergo-dei-poveri-di-Carbonara-1836

 

 

GENOVA: Albergo dei Poveri.Liguria.Regno di Sardegna. ACCIAIO.Stampa Antica.1838 | Arte e antiquariato, Tecniche incisorie, Acquaforte | eBay!

E-BAY — PINTEREST

Genova: Albergo dei Poveri.Regno di Sardegna.Steel engraving + Passepartout.1838

 

 

 

Albergo dei Poveri Genova – That's Liguria!

 

FOTO DEL 2017 — https://thatsliguria.com/en/castelletto-the-quarter-with-a-sea-view/albergo-dei-poveri-genova-2/

 

 

 

Albergo dei Poveri (Genova) 10.jpg

L’Albergo dei Poveri è un edificio situato in piazza Emanuele Brignole, nel quartiere di Castelletto, a Genova.

 

FOTO:

Albergo dei Poveri (Genova), scalone

Carlo Dell’Orto – Opera propria, 2016

 

 

Interno dell’Albergo dei Poveri

Michele ferraris – Opera propria, 1993

 

Nell’ultimo decennio del XX secolo all’edificio è stata data una destinazione più moderna, grazie alla nascita di un nuovo tipo di assistenza agli anziani bisognosi, e da qualche anno è presente nell’ala orientale dell’edificio la facoltà di Scienze politiche dell’Università degli studi di Genova.

 

VEDI LA STORIA NEL LINK:

https://it.wikipedia.org/wiki/Albergo_dei_Poveri_(Genova)

 

 

 

 

ALTRO LINK — VEDI SOTTO

 

Restauro del complesso

L’interesse dell’Università verso l’Albergo dei Poveri risale all’inizio degli anni ottanta, con l’edificio ancora interamente destinato ad attività di cura ma con la consapevolezza dell’Istituto Emanuele Brignole dell’inadeguatezza delle sue strutture ai nuovi standard assistenziali.

 

Albergo dei poveri – Homepage

 

 

restauro_01 - Albergo dei Poveri Genova

 

 

La collocazione a ridosso del già esistente Polo Umanistico richiamò immediatamente l’interesse dell’Ateneo, vista anche la propensione a voler confermare e rafforzare la presenza dell’Università all’interno della città storica.

 

Una prima ipotesi progettuale di riuso globale per sede universitaria venne presentata, all’interno del convegno Riabitat: Nucleo antico e destino della città svoltosi a Genova nel Maggio del 1987, dall’architetto Enrico Davide Bona, autore poi delle successive fasi d’intervento. L’intesa programmatica di cessione d’uso all’Università venne siglata nel 1991 e su questa base poterono tra il 1994 e 1995 essere avviati i primi interventi di rifunzionalizzazione che si concentrarono inizialmente al primo piano con il recupero dell’ex Oratorio delle Donne, oggi Aula Magna, e la creazione di quattro nuove aule per le Facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche.

 

Successivamente tra il 1998 e il 2001 vennero avviati una serie di interventi che portarono alla realizzazione di altre aule al piano terra e della zona di ristoro esterna. La presenza universitaria nell’Albergo conviveva con il mantenimento delle attività assistenziali, seppur in dismissione e progressivo trasferimento, fino al 2001 circa quando, finalmente, si poté siglare tra Università e Istituto Brignole il definitivo atto di cessione di diritto di superfice.Si poté allora progettare ed avviare l’intervento denominato “Fase 3 Fronte Mare”, ancora in corso, ma in via di completamento, che è quello, ad oggi, di maggior respiro ed ampiezza con la propensione a voler non solo utilizzare nuovi spazi per la didattica universitaria, ma ad enucleare i prodromi di quella che dovrà essere una globale e definitiva rifunzionalizzazione dell’intero complesso.

 

Il restauro in corso interessa una superficie complessiva di circa 11.000 mq, ed ha previsto, oltre al rifacimento di quasi un terzo dei tetti di tutto l’Albergo dei Poveri, la costruzione di una nuova centrale termica, di una cabina elettrica, la realizzazione di una nuova biblioteca di 2500 mq con 250 posti a sedere e capienza per 100.000 volumi, cinque nuove aule per circa 360 posti, spazi per la sosta all’aperto e circa 6000 mq di spazi per la ricerca, con studi e sale studio polifunzionali per studenti e ricercatori.Si vedranno quindi completati circa 15.000 mq dei 60.000 globalmente disponibili.

 

Oggi però, grazie alla collaborazione tra gli Uffici Tecnici dell’Ateneo e la Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, è disponibile un masterplan generale che individua con chiarezza quella che potrà essere la futura definitiva configurazione dell’Albergo con cui si potrà procedere per lotti successivi inseriti comunque in quadro organico degli interventi, limitando la dispersione di risorse economiche ed umane, per quello che potrà essere il più grande intervento di restauro edilizio della storia della nostra città.

 

 

NEL LINK QUATTRO BELLE FOTOGRAFIE DELLE SALE RESTRAURATE

https://it.wikipedia.org/wiki/Albergo_dei_Poveri_(Genova)

 

Condividi

One Response to L’IMMENSO ALBERGO DEI POVERI DI GENOVA — prime ricerche… vari links–

  1. Donatella scrive:

    Ricordo di avere frequentato l’Università di Genova, facoltà di lettere, in via Balbi: francamente un incubo. Bisognava fare tre piani a piedi di corsa per riuscire a prendere in tempo la firma ( il treno a Principe arrivava alle 8 e qualcosa, poi c’era da fare via Balbi correndo, salire tre o quattro rampe di scale, entrare in una piccola aula che sapeva di muffa e apprendere che il registro con le firme era già stato ritirato. Solo alla fine dell’anno ho scoperto che bastava pagare il bidello per avere tutte le firme di frequenza necessarie. Quando finalmente sono passata alla Statale di Milano mi è parso di entrare nell’età moderna. Grazie a chi ha reso possibile il mio passaggio alla modernità. L’unica cosa che ho salvato di quel periodo lugubre genovese è stata via Pré, piena di vita e del profumo del caffè appena tostato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *