DANIEL BUREN (1938, Boulogne-Billancourt ) HA RIDATO LA LUCE A BERGAMO ++ INGRESSO GRATUITO ++ INTERVISTA ALL’ARTISTA DI SILVIA CONTA, EXIBART

 

NE AVEVANO GIA’ PARLATO QUI::

GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, giovedì 9 luglio fino al 1° novembre 2020, presso la sede estiva- il Palazzo della Ragione–orari al fondo- ingresso gratuito — Artslife, 23 giugno 2020 – link sotto

 

 

 

GAMeC, the Gallery of Modern and Contemporary Art in #Bergamo ...

GAMEC – BERGAMO

 

GAMeC di Bergamo Mostra Raffaello e l'eco del Mito | Flickr

GAMEC, BERGAMO

 

GAMeC - Gallery for Modern and Contemporary Art | C+S Architects

GAMEC, BERGAMO

 

 

Strutture | Kid Pass

GAMEC, BERGAMO

 

SITO UFFICIALE: http://gamec.it

 

 

Apre a Bergamo la mostra di Daniel Buren

 

 

I tessuti di luce di Daniel Buren illuminano Bergamo, per la prima ...

 

Dopo i mesi di sospensione delle attività dovuti al lockdown, la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo annuncia l’apertura della mostra Daniel Buren. Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati, che si terrà giovedì 9 luglio 2020 presso lo storico Palazzo della Ragione, sede estiva della Galleria per il terzo anno consecutivo. La presentazione di un nuovo, importante progetto espositivo di respiro internazionale all’interno di un luogo simbolo della città italiana maggiormente colpita dalla recente pandemia assume oggi una forte valenza simbolica, come segno di rinascita, oltre a portare con sé un connaturato valore artistico e di ricerca.

 

Esponente di spicco dell’Institutional Critique – la tendenza all’interrogazione critica delle istituzioni artistiche emersa intorno alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso – Daniel Buren ha utilizzato per la prima volta nel 1965, come supporto per la propria pittura ridotta al grado 0, una tenda da sole, il cui motivo a bande verticali bianche e colorate di 8.7 cm è divenuto, da quel momento in avanti, un dispositivo visivo utilizzato dall’artista in tutti i propri lavori, dalle mostre alle commissioni pubbliche.

 

Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati nasce dall’incontro tra questi fondamentali orientamenti della ricerca dell’artista e l’interesse più recente per la luce, e in particolare per le qualità e il potenziale estetico e costruttivo della fibra ottica.

 

Nel suggestivo contesto della Sala delle Capriate, gioiello medievale riedificato nel XVI secolo, i tessuti luminosi di Buren – presentati per la prima volta in un museo italiano – ridefiniscono gli ambienti storicamente destinati all’amministrazione e all’esercizio della giustizia cittadina, gettando “nuova luce” sulle antiche forme del Palazzo e sugli affreschi in esso conservati, staccati dalle facciate delle case e dalle chiese dell’antico borgo urbano e qui collocati negli anni Ottanta del Novecento.

 

Dall’incontro tra un gruppo di interventi “in situ”, immaginati appositamente per lo spazio della sala, e una serie di lavori “situati”, adattati cioè agli spazi del grande salone ma idealmente trasferibili in altri contesti, nasce il progetto di Buren per la città Bergamo, che per la prima volta apre le porte al pensiero e alla creatività del celebre artista francese affidandogli la rilettura di uno dei suoi luoghi storici più rappresentativi. Quello di Buren è un lavoro “per” e “nello” spazio, un unicum scultoreo con un forte connotato plastico, indipendente e anti-decorativo, e, allo stesso tempo, con una predisposizione all’interpretazione e alla valorizzazione degli elementi artistici e architettonici preesistenti. I teli in fibra luminosa sono l’esito ultimo della ricerca di Buren, la parte recente e aggiornata di un percorso creativo originale e celebrato. Essi non rappresentano soltanto l’evoluzione tecnologica di concetti e principi compositivi consolidati, ma costituiscono, a tutti gli effetti, una nuova condizione costruttiva, un nuovo modo di esistere nello spazio, in ragione delle loro peculiari qualità intrinseche, del loro essere portatori interni di sostanza raggiante e, allo stesso tempo, fonte di luce per gli ambienti.

 

Dopo essere state presentate all’interno di alcune importanti gallerie e musei, le fibre ottiche di Buren si trovano in questa occasione a vivere per la prima volta una nuova dimensione spaziale e un inedito dialogo con un contesto storico di grande valore.

 

L’apertura della mostra di Daniel Buren a Palazzo della Ragione è il segno più visibile della volontà della GAMeC di essere vicina alla comunità di Bergamo anche in questa delicata fase di ripartenza” – dichiara il Direttore Lorenzo Giusti. L’appuntamento si affianca infatti alle attività promosse dalla Galleria nelle ultime settimane e pensate per le diverse fasce di pubblico, tra le quali il Campus per ragazzi (The Museum is Present) negli ambienti del museo e gli spettacoli di Radio GAMeC Real Live ospitati nel cortile.

 

In un momento così difficile per l’economia e per la cultura – aggiunge Alberto Barcella, Presidente della GAMeC – il museo ha potuto contare sul continuo supporto dei propri Soci Fondatori – il Comune di Bergamo e TenarisDalmine – oltre che su nuovi importanti sostenitori, come Barcella Elettroforniture e Italgen, il cui contributo è andato ad aggiungersi a quello consolidato di Fondazione UBI, Bonaldi Motori e Carvico”.

 

Dalle prime affissioni degli anni Sessanta, sui muri di Parigi, New York o Kyoto, alle grandi commissioni pubbliche – tra le quali la celebre Les Deux Pateaux nella Corte d’Onore del Palais Royal di Parigi –, dalle mostre personali in musei e gallerie fino alle grandi manifestazioni come Prospekt, Documenta e la Biennale di Venezia – dove nel 1986 ha vinto il Leone d’Oro per il migliore padiglione internazionale –, tutte le opere di Daniel Buren sono concepite in funzione del luogo in cui sono ospitate e realizzate in situ. Nel 2007 ha ricevuto il Praemium Imperiale per la pittura a Tokyo.

 

 

 

Daniel Buren, Chemnitz rouge, 2018

Daniel Buren, Chemnitz rouge, 2018

 

 

 

TESTO E FOTO SOPRA — DA ::  ARTE.IT 

http://www.arte.it/calendario-arte/bergamo/mostra-daniel-buren-illuminare-lo-spazio-lavori-in-situ-e-situati-65421

 

Daniel Buren alla GAMeC di Bergamo, con le opere in fibra ottica

 

 

 

Scintille di speranza su teli illuminati: la mostra di Daniel ...

 

 

 

Buren Bergamo

 

 

 

INTERVISTA DA ::

 

Exibart logoexibart.com

9 LUGLIO 2020 

SILVIA CONTA

Daniel Buren alla GAMeC, con le opere in fibra ottica

 

Daniel Buren

DANIEL BUREN  (* 1938, Boulogne-Billancourt, banlieue parigina )– FOTO 2012

 

 

 

L’intervista a Daniel Buren

Quando e come ha iniziato a inserire la fibra ottica nella Sua ricerca?

«Una quarantina di anni fa l’azienda che produce fibre ottiche materiale un giorno mi ha chiamato e mi ha detto che avevano iniziato a sviluppare un nuovo materiale, che non sapevano ancora bene come impiegare e che sarebbe stati interessanti a sapere che cosa avrebbe potuto farne un artista. Si trattava dei primi prototipi di fibra ottica e il diametro si andava via via riducendo in fretta, fino a quello molto sottile di un capello. Con le fibre ottiche più sottili era possibile lavorare quasi come se fossero fibre tessili, cotone o lino, ed era possibile creare una superficie piatta. Io ho adattato questo strumento per poterlo usare nei miei lavori e quando è stato scoperto che ponendo un led all’inizio della fibra poteva “trasportare” la luce le possibilità sono aumentate incredibilmente. Ho pensato che si sarebbero potute creare delle tende per una stanza, che durante il giorno avrebbero potuto proteggere dalla luce del sole, mentre di notte avrebbero potuto illuminare quella stessa stanza. Anche se all’inizio era completamente al di fuori del mio lavoro, da quel momento ho continuato a sviluppare il potenziale della fibra ottica nel mio lavoro, con quelle stesse persone con cui tutto è iniziato quarant’anni fa. Inoltre c’è stata un’evoluzione tecnica e stiamo studiando nuove soluzioni. Siamo stati i primi a intravedere la possibilità di realizzare opere d’arte con la fibra ottica».

 

Buren BergamoDaniel Buren, Fibres optiques tissées. Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati, GAMeC, Palazzo della Ragione, Bergamo, 2013 – 2020, Copyright Daniel Buren by SIAE 2020. Foto di Marco De Scalzi

 

 

Qual è la relazione tra il Suo lavoro e la luce, in particolare quella artificiale?

 

«Fin da quanto ho iniziato a lavorare con la luce per me è stato importante che non fosse qualcosa di banale come un’illuminazione che rende visibile un lavoro anche al buio, come ad esempio una fascio di luce proiettato su una statua che permette di vederla di notte come di giorno. Così ho realizzato una serie di lavori in cui la luce mostra qualcosa di completamente unico e diverso da come lo si può vedere con la luce del giorno.

Come esempio posso portare il lavoro di arte pubblica che mi è stato commissionato che ho realizzato per il Palais-Royal di Parigi, nel cui cortile, invece di rafforzare, illuminandola, la griglia formata dalle colonne, è stato creato un lavoro che di notte apparisse in modo completamente diverso da quello visibile di giorno: è stata posta la luce nei punti d’intersezione delle grate che coprono l’acqua che scorre al di sotto, in modo da creare un “tappeto” di luce che appare rosso o verde, a seconda del punto di osservazione. Nei lavori con la luce non si tratta di illuminare le opere, ma sono le opere stesse a dare luce allo spazio: bisogna realizzare qualcosa di differente, non solo dare la possibilità di vedere qualcosa nell’oscurità».

 

Daniel Buren, Fibres optiques tissées. Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati, GAMeC, Palazzo della Ragione, Bergamo, 2013 – 2020, Copyright Daniel Buren by SIAE 2020. Foto di Marco De Scalzi

 

 

Come avete proceduto per realizzare i lavori in situ e situati al Palazzo della Ragione a Bergamo?

«Prima dell’inizio della pandemia era previsto che io andassi a Bergamo, ma è diventato oggettivamente impossibile, così, con il direttore della GAMeC, Lorenzo Giusti, abbiamo deciso di posticipare la mostra. Ho proposto una soluzione per poter comunque proseguire nella realizzazione della mostra, anche se non era quella che preferivo: conoscevo lo spazio e le opere e avrei potuto, quindi, seguire i lavori attraverso video, foto, internet, direttamente dalla mia abitazione in Francia. Ho così potuto monitorare in modo molto diretto, ogni mezz’ora, l’evoluzione dell’allestimento e abbiamo costruito la mostra come se fossi stato lì. È stata una modalità di lavoro che non avevo mai provato».

 

La situazione attuale ha segnato un aumento molto forte della fruizione dell’arte attraverso internet. Pensa che possa essere un nuovo modo di fruire l’arte o è meglio che prevalga la fruizione nei musei?

 

«Dall’invenzione della fotografia molte persone, dagli appassionati agli studiosi agli storici dell’arte, hanno conosciuto l’arte e le opere molto più frequentemente attraverso le fotografie che dal vivo, questo è un dato di fatto. Penso che sia terribile: un’opera d’arte, che sia stata realizzata durante il Rinascimento o ieri, deve essere sperimentata per come è e dove è. Filmare, fotografare, etc. un’opera d’arte non è un’operazione completamente priva di senso, ma l’artista non ne ha il controllo e nell’osservarla è sempre necessario considerare che si è di fronte a una riproduzione e non al lavoro. Vedere un dipinto o qualsiasi oggetto reale solo attraverso lo schermo è ridicolo e crea un risultato estremamente debole rispetto a ciò che il lavoro in questione potrebbe essere: se si guarda qualcosa che può essere visto solo attraverso la realtà della fotografia va bene, ma se la fotografia è una riproduzione, anche ben fatta, non ha senso. Prendiamo, ad esempio, un dipinto di Picasso: è stato pensato dall’artista come dipinto, non come sua riproduzione fotografica. È diverso, e può essere molto interessante, invece, se un artista realizza un lavoro che può essere visibile solo attraverso uno schermo o in fotografia, etc., e molti artisti lo stanno già facendo».

 

Daniel Buren, Fibres optiques tissées. Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati, GAMeC, Palazzo della Ragione, Bergamo, 2013 – 2020, Copyright Daniel Buren by SIAE 2020. Foto di Marco De Scalzi

 

 

Cosa pensa che l’arte in questo momento debba salvare?

 

«La produzione dell’arte. Io sono, in generale, molto scettico e critico verso la produzione artistica. Se dovessi scegliere quali lavori tenere, ne terrei davvero pochi. Per quanto riguarda il fatto di fare o mostrare le opere, penso che la situazione di oggi sia molto simile a quella di cento anni fa: abbiamo “l’obbligo” e l’interesse di vedere ciò che viene fatto, ci sono opere che vengono realizzate per i nuovi strumenti, come internet, così come internet dà anche la possibilità a chiunque nel mondo di vedere i lavori ovunque siano, ma se si vuole guardare il vero lavoro, con questo intendo uno specifico medium, che può essere un dipinto, un oggetto o qualsiasi cosa, è necessario vedere la sua “fisicità” nel suo contesto e per questa ragione possiamo inventare nuovi tipi di musei, ma sono sempre luoghi dove bisogna andare per vedere le opere. Anche se abbiamo musei completamente differenti rispetto ai secoli scorsi e sono molto più numerosi, la loro funzione rimane la stessa, che è sempre quella di mostrare specifiche opere, che sono espressioni visuali: allo stesso modo in cui si deve andare a vedere i lavori di Botticelli si deve andare a vedere quelli di Pollock. Si ha “l’obbligo” di andare al museo per giudicare realmente l’interesse e la qualità del lavoro: non credo che un lavoro realizzato con un medium specifico possa essere rimpiazzato dalla sua riproduzione attraverso un nuovo medium, credo, invece, che con un nuovo medium si possa creare una specifica opera d’arte, su questo sono completamente d’accordo. A me piace la specificità dei lavori, in generale e a livello teorico: la specificità di ogni lavoro è interessante se rimane ben visibile, se la si trasforma in qualcosa di più semplice, come ad esempio un dipinto nella sua fotografia, non stiamo più parlando della stessa cose e certamente la foto di un dipinto non sarà mai interessante quanto il dipinto».

 

Daniel Buren, Fibres optiques tissées. Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati, GAMeC, Palazzo della Ragione, Bergamo, 2013 – 2020, Copyright Daniel Buren by SIAE 2020. Foto di Marco De Scalzi

 

Condividi

One Response to DANIEL BUREN (1938, Boulogne-Billancourt ) HA RIDATO LA LUCE A BERGAMO ++ INGRESSO GRATUITO ++ INTERVISTA ALL’ARTISTA DI SILVIA CONTA, EXIBART

  1. Donatella scrive:

    Suggestive queste “illuminazioni” che giocano con i colori e con la luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *