REPUBBLICA DEL 16 SETTEMBRE 2020 ::: Scoperto nell’ambra lo spermatozoo più vecchio del mondo

 

 

REPUBBLICA DEL 16 SETTEMBRE 2020

https://www.repubblica.it/scienze/2020/09/16/news/scoperto_nell_ambra_lo_spermatozoo_piu_vecchio_del_mondo-267536830/?ref=twht

 

Scoperto nell’ambra lo spermatozoo più vecchio del mondo

Scoperto nell'ambra lo spermatozoo più vecchio del mondo

Era in una gemma di ambra incastonata in un albero rinvenuta in Myanmar. Si tratta della più antica testimonianza di un atto sessuale nella storia del mondo databile circa 100 milioni di anni, oltre 80 milioni in più rispetto a quella precedente

16 settembre 2020

ROMA – Scoperto lo spermatozoo più vecchio del mondo. Si tratta di un campione ‘nascosto’ in un pezzo di ambra vecchio di 100 milioni di anni, appartenuto ad un crostaceo simile a un gambero. Ogni singola cellula è enormemente lunga, spiegano i ricercatori su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences. Questo sperma ‘gigante’ – molte volte più grande di quello umano – proviene, oltretutto, da un crostaceo più piccolo di un seme di papavero. Un team di paleontologi lo ha scoperto in una gemma di ambra incastonata in un albero rinvenuta in Myanmar. Si tratta in pratica della più antica testimonianza di un atto sessuale nella storia del mondo databile circa 100 milioni di anni, oltre 80 milioni in più rispetto a quella ritenuta la più antica. La squadra di esperti, guidata dallo scienziato Wang He, della Chinese academy of science di Nanchino, ha ritrovato le tracce dentro al fossile di un esemplare femmina di ostracode, un mini-crostaceo che abita gli oceani da più di 500 milioni di anni.

Secondo i paleontologi, il fatto che sia stato rinvenuto in una femmina indica che l’esemplare è stato fecondato poco prima di rimanere intrappolato nell’ambra. A colpire i ricercatori, però, anche la quantità di liquido seminale rinvenuta. Gli ostracodi, della dimensione di un seme di papavero, sono noti per possedere cellule di sperma fino a sette volte più grandi delle loro stesse dimensioni. Secondo il portale di settore Science Alert, queste cellule creano poi piccole sfere in grado di viaggiare nel tratto riproduttivo femminile e di fecondare.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *