PASQUALE PORCIELLO:: Nuovo governo da incubo in Libano, il premier designato Adib getta la spugna — IL MANIFESTO 27 SETTEMBRE 2020 ++ FOTO DI BEIRUT OGGI DAL FACEBOOK DI PASQUALE PORCIELLO

 

 

 

 

LE FOTO DI ” BEIRUT OGGI ” SONO PRESE DAL FACEBOOK DELL’AUTORE DELL’ ARTICOLO SOTTO  CHE E’ ” PASQUALE PORCIELLO “:

https://www.facebook.com/pporciello

 

Pasquale Porciello (1985) è giornalista, educatore e musicista. Studia il Mondo Arabo -Cultura, Lingua, Religioni- all’Orientale di Napoli e poi Politiche del Medio Oriente alla S.O.A.S. di Londra. Vive prima in Siria e ora in Libano da 7 anni, dove si occupa di progetti educativi per bambini, è lettore di italiano all’Università Antonina di Baabda e collabora come analista politico di Libano e Medio Oriente con Il Manifesto.

 

BEIRUT

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL MANIFESTO 27 SETTEMBRE 2020

https://ilmanifesto.it/nuovo-governo-da-incubo-in-libano-il-premier-designato-adib-getta-la-spugna/?utm_medium=Social&utm_source=Twitter#Echobox=1601289026

 

 

Nuovo governo da incubo in Libano, il premier designato Adib getta la spugna

Crisi profonda. Impasse sul ministero delle Finanze e il ruolo di Hazbollah. Macron parla di «tradimento collettivo dei partiti libanesi». Economia al collasso

Il premier designato AdibIl premier designato Adib

© Ap

 

Pasquale Porciello

EDIZIONE DEL  27.09.2020

PUBBLICATO26.9.2020, 23:58

 

 

Libano. Aoun:“Hezbollah rappresenta la Resistenza ad Israele” MICHEL AUN – PRESIDENTE DEL LIBANO DAL 31 OTTOBRE 2016

 

 

 

Libano, si è dimesso il premier designato Mustapha Adib

PREMIER ADIB, CHE SI E’ DIMESSO, ERA AMBASCIATORE DEL LIBANO IN GERMANIA

 

 

Il premier designato Adib si dimette. Un breve colloquio ieri con il presidente Aoun, poi la rinuncia dell’ex-ambasciatore a Berlino all’incarico di formare il nuovo governo, accettato il 31 agosto dopo le dimissioni venti giorni prima del premier ad interim Diab.

 

 

Libano Cartina Geografica

TRIPOLI — SAIDA E’ SIDONE — BEIRUT ( PROTESTE )

 

Colpo di scena annunciato. Un governo che dia vita a una stagione di riforme permetterebbe l’arrivo dei 253 milioni di euro stanziati dalla comunità internazionale per il Libano dopo l’esplosione che il 4 agosto ha causato circa 200 morti, 7mila feriti e devastato Beirut. Macron, a capo della commissione internazionale, già due volte in visita, di ritorno a dicembre e che oggi terrà una conferenza sul Libano, ne fissa la scadenza non rispettata per metà settembre.

L’impasse è sul ministero della Finanza, ad appannaggio sciita dal 2014. Lunedì Aoun, che aveva dichiarato che «il paese sarebbe andato all’inferno» se non si fosse fatto in fretta, propone la fine della distribuzione settaria delle cariche ministeriali di Finanza, Affari Esteri, Difesa e Interno.

Libano, il premier Hariri annuncia le sue dimissioni in diretta tv

EX- PREMIER HARIRI

Il giorno dopo l’ex-premier Hariri suggerisce di dare la Finanza a un ministro sì sciita, ma che non appartenga a Amal e Hezbollah, gesto comunque da intendersi come una mossa per accelerare la formazione del governo e non come un diritto settario. Amal e Hezbollah sono ovviamente contrari a quella che sarebbe di fatto una loro estromissione dalla stanza dei bottoni, specie in vista della valanga di denaro in arrivo, anche se la posizione di Berri, leader di Amal e portavoce del parlamento, sembra più conciliante.

 

Nabih Berri.jpg

NAHIB BERRI NEL 2019–  dal 1980 è capo politico del movimento libanese a predominanza sciita Amal. Dal 1990 è Presidente del Parlamento libanese

 

Hassan Nasrallah meets Khamenei in visit to Iran (3 8405110291 L600).jpg

Hassan Nasrallah ( 1960 ) è SEGRETARIO DEL PARTITO SCIITA DI HEZBOLLAH

 

Nessun dubbio sul tentativo nazionale e internazionale di isolare Hezbollah, scomodo sia da alleato che da nemico.

Così Adib, che ribadisce il sostegno al progetto francese, rinuncia all’incarico dopo neanche un mese per quello che l’entourage di Macron ha bollato come un «tradimento collettivo dei partiti libanesi», ma «la Francia non lascerà il Libano al collasso». E che la Francia non avesse mai lasciato il Libano già si sapeva.

La lira libanese è subito schizzata a 8100 per 1 dollaro – moneta ufficiale e di scambio con l’estero in Libano – al mercato nero, mentre in questi giorni si era assestata intorno a 7500. Il cambio ufficiale – ormai surreale – è di 1500 lire circa, ma da novembre non ci sono più dollari sul mercato, i conti sono congelati e i trasferimenti bloccati. A chi ha depositi in dollari le banche rilasciano piccole somme al cambio di circa 3900 lire, per gli altri c’è solo il mercato nero.

L’inflazione è all’80% e i margini per ogni tipo di speculazione sono larghissimi.Contro l’ennesimo rincaro ci sono state proteste a Tripoli, Saida e Beirut.

Ulteriori segnali inquietanti arrivano dall’incendio di ieri di un campo profughi siriano a Saida e da quello mercoledì di una palazzina-deposito di armi di proprietà di Hezbollah a Ain al Qana, entrambi dovuti ufficialmente a guasti tecnici, che si sommano a quelli dei giorni passati. Troppi incidenti e troppe coincidenze in meno di un mese e mezzo che danno quantomeno la misura di un disagio e di una tensione immensi.

Per non parlare del covid. Anche qui, con 1280 casi e 4 morti ieri, a detta del ministero della salute la è «situazione fuori controllo». E ogni scenario diventa possibile.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *