WA.MA. :: Il manifesto di Bettini, mezzo divorzio da Zinga —IL FATTO QUOTIDIANO  21 OTTOBRE 2020

 

 

IL FATTO QUOTIDIANO  21 OTTOBRE 2020

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/10/21/il-manifesto-di-bettini-mezzo-divorzio-da-zinga/5973829/?utm_medium=Social&utm_source=Twitter#Echobox=1603295143

Il manifesto di Bettini, mezzo divorzio da Zinga

Il manifesto di Bettini, mezzo divorzio da Zinga

di wa. ma. | 21 OTTOBRE 2020

 

Il Kingmaker, il consigliere occulto, il tessitore di trame visibili e invisibili, esce allo scoperto. Goffredo Bettini, classe 1952, creatore del “Modello Roma” di Francesco Rutelli e Walter Veltroni, deus ex machina della segreteria di Nicola Zingaretti, ha deciso che è giunto il momento di “parlare maggiormente in prima persona” (come ha detto al Corriere della Sera).

E dunque sta lavorando a fondare la sua “area politico-culturale” (che si rifiuta rigorosamente di chiamare corrente, visto che si è battuto contro il correntismo nel Pd).

Con tanto di manifesto in via di stesura a opera di personalità politiche e culturali che verrà presentato a breve.

In realtà, per gli equilibri del Nazareno si tratta di una mezza rivoluzione. Da quando è tornato dalla Thailandia, dove era rimasto bloccato durante il lockdown, quest’estate non ha fatto altro che partecipare a talk show e rilasciare interviste, con un ritmo quasi quotidiano, facendo e disfacendo la linea. Intelligente, acuto, a tratti però pure incomprensibile per eccesso di doppi e tripli ragionamenti, ha aggiustato via via i gradi di vicinanza al governo.

Una presenza quantomeno ingombrante: Zingaretti subisce il suo influsso e le sue letture, ma si è trovato spesso e volentieri schiacciato o magari spinto verso una direzione della quale non era convinto. Anche perché l’attitudine nel mondo mediatico-giornalistico è ascoltare Bettini e sovrapporre Zingaretti.

Varie le uscite che il segretario non ha condiviso. Una era quella con cui di fatto lo spingeva a entrare all’esecutivo, mentre lui intanto ci rifletteva, ma in pubblico negava. Un’altra era quella in cui consegnava idealmente a Matteo Renzi l’ala moderata, la terza gamba di una futuribile coalizione.

E poi, oltre al merito, c’è il metodo: “Non è bello per un segretario essere di fatto commissariato in questo modo”, i commenti tra i dem. Di rottura tra i due non si può parlare. Troppi i legami atavici e presenti. Ma la distanza si starebbe approfondendo perché Bettini – come raccontano più fonti ai vertici del Pd – avrebbe elaborato l’idea che Zingaretti deve candidarsi sindaco di Roma. L’interessato non ne ha alcuna intenzione. E dunque, Bettini cerca di diventare Bettini, Zingaretti di essere Zingaretti.

Ma chi ci sarà in quest’area? Tutti e nessuno, si commenta. Perché il sistema di potere e di relazioni di Bettini è ben più ampio di chi sceglierà di impegnarsi con lui. Per esempio, ha un rapporto strettissimo con Roberto Gualtieri e con il suo uomo macchina al Mef, Claudio Mancini: lì si giocano le partite che contano.

Intrattiene solide relazioni con Giuseppe Conte e Beppe Grillo, ma pure con Dario Franceschini, che in questo momento tanto amico del premier non è. Nel congresso che vide Andrea Orlando contrapporsi a Matteo Renzi insieme a Michele Emiliano, sostenne il primo. Chissà che non stia meditando di fare lo stesso per il post-Zingaretti.

Intanto, i “bettiniani” identificabili che lavorano con lui al progetto sarebbero Antonio Bassolino, il ministro dell’Università Manfredi, l’europarlamentare Pierfrancesco Majorino, Michele Meta, capo della segreteria politica di Zingaretti. Almeno così pare. Per ora.

Condividi

One Response to WA.MA. :: Il manifesto di Bettini, mezzo divorzio da Zinga —IL FATTO QUOTIDIANO  21 OTTOBRE 2020

  1. Donatella scrive:

    Difficile capirci davvero qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *