ANSA.IT  28 OTTOBRE 2020–21.29 ::: Dal ministero della Salute ‘focus’ su Milano e Napoli. De Luca scrive a Conte, disattese le nostre richieste

 

ANSA.IT  28 OTTOBRE 2020–21.29

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2020/10/28/-sala-e-de-magistris-a-speranza-il-lockdown-idea-ricciardi_42d3904d-dac9-430d-b732-f623acea74e5.html

 

Dal ministero della Salute ‘focus’ su Milano e Napoli

De Luca scrive a Conte, disattese le nostre richieste

 

 

SALA  SINDACO DI MILANO A SINISTRA E DE MAGISTRIS, SINDACO DI NAPOLI

 

 

MANIFESTAZIONI A MILANO

 

 

 

“L’Istituto Superiore di Sanità e attraverso esso la cabina di regia, sono in grado di predisporre un focus specifico sulle città di Milano e Napoli che sarà messo a disposizione delle regioni e dei comuni interessati”. Dunque un focus specifico sulle due citta’.

E’ questo – secondo quanto apprende l’ANSA – il cuore della lettera che e’ stata inviata dal Ministero della salute ai sindaci di Milano e Napoli che avevano sollevato il dubbio che, dopo le parole del consulente del ministero Ricciardi, il dicastero avesse dati non noti ai sindaci stessi.

 

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e quello di Napoli, Luigi de Magistris, hanno scritto una lettera al ministro della Salute, Roberto Speranza, per chiedere chiarimenti sulle affermazioni fatte dal consulente del ministero, Walter Ricciardi, che ha parlato di un lockdown “necessario” nelle due città.

 

“Stamattina ci siamo sentiti con il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, perché ieri il consulente del ministero della Salute, il professor Ricciardi, ha evocato un lockdown a Napoli e Milano – ha spiegato Sala in un video suoi social -. Abbiamo scritto al ministro per chiedergli se quella è un’opinione del suo consulente o è un’opinione del ministero e, nel caso fosse un’opinione del ministero, se è basata su dati e informazioni che il ministero ha e noi non abbiamo”.

 

Il lockdown a Milano in questo momento “per quello che osservo è una scelta sbagliata”.

Lo ha ribadito il sindaco, Giuseppe Sala, in un video sulle sue pagine social. “E’ nelle mie responsabilità e io ragiono con la testa e con il cuore, guardo i dati, abbiamo meno di 300 terapie intensive, ne abbiamo avute 1700, sono in crescita ma stiamo facendo dei sacrifici e vedremo cosa succederà – ha aggiunto -. Oggi c’è il tema di tenere a casa gli anziani, è brutale ma il 90% dei decessi è sugli over 70, c’è un problema di creare spazi di ricovero per gli asintomatici, per le quarantene e stiamo lavorando con Ats e la Regione”.

“C’è tempo per la polemica e per la collaborazione ma io non credo che a questo punto sia giusto fare un lockdown e lo dico sapendo che ci sono due partiti, anche tra i cittadini, c’è chi dice ‘chiudi tutto’ e chi ‘non si può'”, ha concluso.

 

De Luca scrive a Conte, disattese le nostre richieste –

“Signor Presidente, le segnalo con preoccupazione e sconcerto il fatto che a 15 giorni dagli incontri da me avuti con esponenti di governo, le principali richieste avanzate dalla Regione Campania per affrontare l’epidemia Covid rimangono tutt’oggi senza risposta”.

E’ quanto scrive il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in una lettera indirizzata al premier Giuseppe Conte.

“Le ricordo – sottolinea De Luca – che avevamo chiesto l’invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri. E’ una situazione sconcertante e intollerabile se si tiene conto del fatto che la Regione Campania ha una sottodotazione drammatica di personale”.

 

 

SICILIA:

 

“Sto adottando un disegno di legge che prevede, assieme alle misure restrittive già concepite e praticate, la possibilità di adottare misure estensive là dove il governo consente di farlo, come nella normativa di dettaglio. Noi rivendichiamo il diritto di poter dire, signor presidente del Consiglio, noi riteniamo di spostare l’orario di chiusura di bar e ristoranti dalle 18 alle 22 o alle 23. Quando il governo centrale dirà che bisognerà chiudere per 24 ore, noi allora non fiateremo”.

Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, a Tgcom24. “Stiamo adottando il ddl in giunta nelle prossime ore – spiega – poi sarà il Parlamento siciliano a dovere approvare o respingere. E mi auguro che il governo centrale terrà conto della nostra prerogativa”.

 

Faro del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, sugli incidenti e le tensioni legate alle ultime misure anti-contagio. Nella seduta di oggi è stato infatti deciso, tra l’altro, di “indire specifiche audizioni relative alle tensioni sociali manifestate in questi giorni”.

Lo rende noto il presidente del Copasir, Raffaele Volpi

 

 

 

Condividi

One Response to ANSA.IT  28 OTTOBRE 2020–21.29 ::: Dal ministero della Salute ‘focus’ su Milano e Napoli. De Luca scrive a Conte, disattese le nostre richieste

  1. Donatella scrive:

    Non so come funzioni la comunicazione tra Roma e le Regioni. Però mi sembra che queste opinioni diversificate se le potrebbero comunicare tra di loro, Ministero, Presidenza del Consiglio, Presidenti di Regione. Non vedo come questa ridda di comunicazioni contrastanti possa essere utile ai cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *