ARCANGELO CORELLI ( 1653-1713 ) –LA FOLLIA, OPERA V, 1700– JORDI SAVALL – HESPERION XXI — qualcosa sulla ” Follia “, link sotto

 

Hespèrion XXI è un gruppo musicale spagnolo di musica antica.

Nel 1974 Jordi Savall fondò, assieme alla moglie Montserrat Figueras, a Lorenzo Alpert e a Hopkinson Smith l’Ensemble Hespèrion XX, poi Hespèrion XXI dall’anno 2000, che aveva per scopo la riscoperta, la valorizzazione e la diffusione del patrimonio musicale dell’Europa del Mediterraneo dall’antichità al XVIII secolo.

Hesperia era infatti il nome latino di una regione europea comprendente l’Italia, la penisola iberica e la Francia Meridionale.

interessante continuare a leggere :

https://it.wikipedia.org/wiki/Hesp%C3%A8rion_XXI

 

LA FOLLIA

Un antico tema musicale portoghese che ha conquistato l’Europa

Dal XVI al XVIII secolo, oltre 150 compositori hanno utilizzato il tema della Folia come base percomporre serie di variazioni altamente virtuosistiche.

Memorabili quelle di musicisti italiani come Frescobaldi, Corelli, Alessandro Scarlatti, Vivaldi e Bononcini.

La Follia, in portoghese Folia, è un tema musicale portoghese, fra i più antichi della musica europea. Le sue origini risalgono probabilmente al tardo Medioevo come forma di danza popolare e di canto. Letteralmente il termine folia significa “folle divertimento, baldoria, sollazzo”, o anche“ follia”, e viene utilizzato per designare una festa popolare parecchio movimentata, caratterizzata da danze, musica e grande allegria. Il termine richiama molto bene il carattere originario del tema musicale, prima che la Folia venisse assorbita dal repertorio di corte tra il XV e il XVI secolo, acquisendo un carattere severo e maestoso. È in quest’ultima forma che si diffuse in tutt’Europa nei secoli XVI-XVIII, attraverso numerose elaborazioni, fino a diventare una delle basi predilette per variazioni strumentali di grande virtuosismo

 

 

Arcangelo Corelli - RadioEmiliaRomagna

 

Una speciale menzione merita la Follia per antonomasia, quella di Arcangelo Corelli, inclusa nella celebre raccolta di Sonate a Violino e Violone o Cimbalo, Opera Quinta del 1700, e servita come base per simili composizioni di Marais, Vivaldi, Reali e altri. Un serie di variazioni su uno stesso basso, dove Corelli sviluppa un’ampia gamma di idee, metri e andamenti che illustrano al meglio ed esaltano l’antico e fiero tema iberico.

Fra i compositori dell’età classica, si ricordano Antonio Salieri, che sul celebre tema compose le spettacolari 26 Variazioni per orchestra; e Georg Friederich Händel con la bellissima sarabanda dalla Suite per clavicembalo in Re minore n. 11 (arrangiata per archi, timpani e basso continuo daLeonard Rosenman), utilizzata nella colonna sonora del film Barry Lyndon di Stanley Kubrick.

Luigi Cherubini, di origine portoghese, utilizzò la Follia come tema principale dell’ouverture dell’opera L’hôtellerie portugaise (L’osteria portoghese) del 1798.

Nel 1867 persino Liszt utilizzò il tema nella sua Rapsodia Spagnola,

e Sergej Rachmaninov compose le Variazioni su un tema di Corelli per pianoforte nel 1931. Più recentemente s’ispirò al tema Vangelis (pseudonimo, nasce ad Agria, 29 marzo 1943, è un compositore e polistrumentista greco, che tra le altre ha fatto la colonna sonora di Blade Runner ) nella colonna sonora del film 1492: la conquista del Paradiso.

 

testo dal link:

http://pinoscuola.edu.it/index.php/scuola-secondaria-di-primo-grado-nino-costa/materiale/ii-a-1/musica-49/451-la-follia-ascolti-e-informazioni/file

 

BBC Radio 3 - Composer of the Week, Arcangelo Corelli (1653-1713), Corelli and his Followers

 

Arcangelo Corelli (Fusignano, 17 febbraio 1653 – Roma, 8 gennaio 1713) è stato un compositore e violinista italiano del periodo barocco.

Nacque a Fusignano (oggi in provincia di Ravenna ma al suo tempo appartenente alla Legazione di Ferrara).

Considerato tra i più grandi compositori del periodo barocco, fondamentale fu il suo contributo allo sviluppo della musica strumentale, e in particolare alla sonata a tre e a quella solistica, come pure del concerto grosso, che portò ad alti livelli di equilibrio e perfezione formale. Lo stile introdotto da Corelli, disseminato in Europa grazie a musicisti che erano stati in contatto con lui, come Georg Muffat e Pietro Castrucci, e ad altri suoi seguaci come Francesco Geminiani, Pietro Locatelli e Francesco Antonio Bonporti, fu d’importanza fondamentale per lo sviluppo del linguaggio orchestrale e violinistico del primo Settecento in tutta l’Europa.

Considerato tra i più grandi compositori del periodo barocco, fondamentale fu il suo contributo allo sviluppo della musica strumentale, e in particolare alla sonata a tre e a quella solistica, come pure del concerto grosso, che portò ad alti livelli di equilibrio e perfezione formale. Lo stile introdotto da Corelli, disseminato in Europa grazie a musicisti che erano stati in contatto con lui, come Georg Muffat e Pietro Castrucci, e ad altri suoi seguaci come Francesco Geminiani, Pietro Locatelli e Francesco Antonio Bonporti, fu d’importanza fondamentale per lo sviluppo del linguaggio orchestrale e violinistico del primo Settecento in tutta l’Europa.

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.