IL FATTO QUOTIDIANO DEL 12 GENNAIO 2021  ::: Sondaggi, la crisi di governo mette il turbo a Fratelli d’Italia: è a 2 punti dal Pd che perde un punto in 20 giorni. Renzi scende, Leu sale. Azione di Calenda va oltre il 4. I renziani inchiodati al 2,9

 

 

IL FATTO QUOTIDIANO DEL 12 GENNAIO 2021 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/01/12/sondaggi-la-crisi-di-governo-mette-il-turbo-a-fratelli-ditalia-e-a-2-punti-dal-pd-che-perde-un-punto-in-20-giorni-renzi-scende-leu-sale/6062702/#

 

 

Sondaggi, la crisi di governo mette il turbo a Fratelli d’Italia: è a 2 punti dal Pd che perde un punto in 20 giorni. Renzi scende, Leu saleSondaggi, la crisi di governo mette il turbo a Fratelli d’Italia: è a 2 punti dal Pd che perde un punto in 20 giorni. Renzi scende, Leu sale

I dati di Swg per il TgLa7 di lunedì 11 gennaio. La Lega resta primo partito, le vacanze di Natale fanno male ai dem. Azione di Calenda va oltre il 4. I renziani inchiodati al 2,9

 

 

La crisi di governo fa benissimo a Fratelli d’Italia. Il partito di Giorgia Meloni avanza in progressione, si conferma la terza forza politica e ora mette nel mirino il Pd, distante solo 2 punti. Lo dice il sondaggio settimanale di Swg per il TgLa7 per il quale la Lega – anche se con una lieve tendenza in calo – mantiene il primato anche se tallonata dai dem e da Fdi. I guai maggiori di questa crisi sono proprio per i democratici che durante le vacanze di Natale, lo spazio di venti giorni, hanno perso un punto secco, tornando sotto la soglia del 20 per cento.

Di Fratelli d’Italia s’è detto, in tre settimane hanno messo insieme un altro mezzo punto di consenso.

Riprende ossigeno il M5s che comunque continua a galleggiare intorno al 15 per cento.

Ha una lieve flessione Forza Italia (-0,4) ma anche in questo caso si tratta di una oscillazione intorno a una quota (del 6%) stabile da tempo.

 

L’altro partito di opposizione che si sente ringalluzzito dallo stallo provocato dalla specie di pre-crisi voluta da Italia Viva è Azione di Carlo Calenda che durante le vacanze mette da parte un ulteriore 0,4 per cento che porta il partitino di centro sopra al 4 e soprattutto stacca di un punto il “concorrente” partito renziano, inchiodato sotto al 3 per cento anche se con un promettente +0,1.

In mezzo c’è l’area riconducibile a Liberi e Uguali che secondo Swg ora sfiora il 4.

Accelerano anche i Verdi, al 2,4, mentre +Europa (forse “derubata” da Azione) scende dello 0,3 e si attesta al 2,1. Non dà segni di vita Cambiamo! di Giovanni Toti, che non scende né sale dall’1 per cento di cui è accreditato da tempo.

Vale la pena sottolineare che non si è voluto esprimere il 39 per cento di coloro che hanno dato il consenso alle interviste di Swg e in questa fascia quindi stanno sia chi vuole astenersi sia gli indecisi.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *