UN’ARTISTA STRAORDINARIA, UNA DONNA D’AVANGUARDIA CUI GUARDARE ::: ANNA HOCH ( 1989 – 1978 ) — IN GERMANIA

 

 

 

 

IL MOVIMENTO SURREALISTA

ps://somaticsurrealist.files.wordpress.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TUTTI GLI INIZI SONO DADA-

Hannah Höch, Strauss, 1929-1965 Collage on paper Germanisches Nationalmuseum, Nürnberg. On loan from a private collection © 2008 ProLitteris, Zürich. © Photo: Germanisches Nationalmuseum, Nürnberg

 

 

 

 

 

 

Hannah Höch (a destra) insieme a Theo van Doesburg e a sua moglie, 1924

Theo van Doesburg – ( WIKIPEDIA )

 

 

 

 

 

A Look at Hannah Höch's Life - CR Muse: The Politics and Humor of Hannah Höch

 

 

Hannah Hoch (November 1, 1889 — May, 1978), German artist | World Biographical Encyclopedia

 

 

 

Hannah Höch - Monoskop

 

 

 

 

Hannah Höch: The forgotten sociopolitical commentator? | by Susan Day | Medium

 

 

http://t0.gstatic.com/

 

 

 

Anna Therese Johanne Höch, detta Hannah (Gotha, 1º novembre 1889 – Berlino Ovest, 31 maggio 1978), è stata un’artista tedesca del movimento Dada berlinese.

 

 

SEGUE DA ” IL MUSEO IMMAGINARIO.BLOGSPOT.COM / SETTEMBRE 2017

http://ilmuseoimmaginario.blogspot.com/2017/09/hanna-hoch-la-donna-artista-odiata.html

 

 

Trascurata e sottovalutata dai suoi contemporanei e dai suoi colleghi maschi. Tanto che Hans Richter la definì solo “una buona ragazza” soprattutto perché, secondo lui – il suo contributo era soprattutto  quello “…di rimediare panini e bibite per le feste del movimento”. Dimenticata da critica e mercato, è stata solo recentemente rivalutata,  una delle menti più stimolanti del movimento DADA, tra le grandi interpreti del fotomontaggio, pioniera assoluta.

 

 

 

 

 

 

Nata nel 1889 è mancata nel 1978, proprio quando l’estetica del punk sembrava riproporre i suoi linguaggi.Anche George Grosz e John Heartfield, apparentemente suoi amici, non avevano approvato la sua inclusione nella fiera Dada nel 1920. Eppure i suoi collages, realizzati con l’allora partner Raoul Hausmann, appaiono oggi indiscutibili, ponendo in discussione invece la politica del tempo, ma anche il ruolo della donna, che già la Repubblica di Weimar aveva comunque fortemente rivalutato.

 

 

 

video — molto bello, immagini piccole, dura 5 minuti ca

 

 

 

 

Hannah Höch, Die Ewigen Schuplattler (The Eternal Folk Dancers) 1933, photomontage with watercolor

 

 

La storica dell’arte Maria Makela ha identificato la relazione di Höch con Raoul Hausmann come “tempestosa” e spesso violenta a causa del rifiuto di Hausmann di lasciare la moglie. Hausmann continuava a disprezzarla non solo per il suo desiderio di sposarlo, che egli descrisse come una “inclinazione borghese”, ma anche per le sue opinioni sull’arte. La posizione ipocrita di Hausmann sull’emancipazione femminile ha spinto Höch a scrivere una “breve storia caustica” intitolata “The Painter” nel 1920, il cui tema centrale è “…un artista che viene lanciato in una forte crisi spirituale quando la moglie gli chiede di fare i piatti… “

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hannah Hoch (Johanne Hoch) è nata a Gotha nel 1889, da una famiglia borghese che le concede la possibilità di studiare in una scuola d’arte applicata di Berlino. Nel 1916 inizia a lavorare per la casa editrice Ullstein disegnando vignette, illustrazioni e già nel 1919 la sua immagine compare in una rivista. Del movimento DADA.  Nel 1920 prese parte alla prima fiera internazionale Dada e da quell’anno collaborò presso le mostre annuali del Novembergruppe.

 

 

 

 

 

 

Nella primavera del 1921 si separa da Hausmann che in seguito, sminuirà la sua collaborazione. Hanna, che viaggia in Francia e in Russia, nel 1926 conosce la scrittrice olandese Til Brugman, della quale si innamorò e con la quale nel 1929 nel Haag e in seguito dal 1936 visse e lavorò assieme a Berlino, attirandosi critiche negative anche da profeti dell’Avanguardia come Theo Van Doesburg e Kurt Schwitters, non lontani in effetti dalla critica di perversione che le piomba addosso, impedendole di esporre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1938 sposa il giovane ventunenne rappresentante commerciale Kurt Heinz Matthies dal quale divorziò nel 1944

Continuerà a operare, creando soprattutto negli anni ’50 preziosi lavori grafici.

 

 

 

 

 

 

Hannah Hoch and Raoul Hausmann in front of her photomontage at the 1920 International Dada Art Fair in Berlin 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In molte opere l’identità sessuale si mescola, ricreando ibridi (uomini con parti femminili e viceversa) da cui sembrano derivare alcune figure androgine di Cindy Sherman.

 

 

ù

 

 

 

FIN QUI, TESTO E IMMAGINI DA : ” IL MUSEO IMMAGINARIO ” — BELLISSIMO BLOGSPOT ! LINK SOTTO

https://ilmuseoimmaginario.blogspot.com/2017/09/hanna-hoch-la-donna-artista-odiata.html?showComment=1611305462219#c7209631849357324863

Condividi

One Response to UN’ARTISTA STRAORDINARIA, UNA DONNA D’AVANGUARDIA CUI GUARDARE ::: ANNA HOCH ( 1989 – 1978 ) — IN GERMANIA

  1. Donatella scrive:

    I suoi quadri sembrano un’esplosione di fantasia. Anche la sua vita non scherza.

Rispondi a Donatella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *