Alberto Guglielmi Manzoni, grazie a ! –A BERLINO, NELLA PETRIPLATZ, CENTRO DELLA CITTA’, KUEHN MALVEZZI HA VINTO NEL 2012 IL CONCORSO PER LA CHIESA ” HOUSE OF ONE ” ( CHIESA DELL’UNITA’/ CHIESA DELL’UNO ) IN CUI CONVIVONO LE TRE FEDI MONOTEISTICHE CRISTIANESIMO, EBRAISMO, ISLAMISMO

 

 

 

EURONEWS  26 FEBBRAIO 2021 

https://it.euronews.com/2021/02/26/una-e-trina-una-chiesa-per-tre-fedi-che-guarda-al-futuro?utm_term=Autofeed&utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR3HL7Dnx6wK-0G0Yh_9lGqCYYizUSFZvXsxDB-UfNjiYxLv-ZkINoGjXDI#Echobox=1614380770

 

 

 

DIVISARE. COM

 

29 FEBBRAIO 2016

 

KUEHN MALVEZZI

HOUSE OF ONE BERLINO

ANNI DEL PROGETTO : 2012

 

DA : 

https://divisare.com/projects/210505-kuehn-malvezzi-house-of-one-berlin

 

 

Vincitore del concorso internazionale nel 2012, Kuehn Malvezzi è stato incaricato di progettare e realizzare la House of One. Il concetto centrale della proposta è l’idea di diversità nell’unità: ogni fede avrà il proprio luogo specifico per il rituale mentre la forma calma e geometrica dell’involucro edilizio unisce i diversi spazi e crea un aspetto coerente nel contesto della città . In tutto l’edificio una sequenza di spazi pubblici si intreccia con i luoghi di culto, creando una cornice per il dialogo e lo scambio: tra le tre religioni stesse e tra le religioni e il loro ambiente urbano in gran parte secolare.

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CONTINUA NEL LINK DELL’ARCHITETTO MALVEZZI

 

https://divisare.com/projects/210505-kuehn-malvezzi-house-of-one-berlin

 

 

House of One (in costruzione) | visitBerlin.de

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin · Divisare

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin · Divisare

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI · House of One Berlin

 

 

 

 

 

 

KUEHN MALVEZZI . House-of-One-Pavilion on the Petriplatz . Berlin (4) | Pavilion, House, Architecture

 

PAVIGLIONE – FOTO PINTEREST

 

 

 

 

House of One | Transsolar | KlimaEngineering

PINTEREST

 

 

 

Berlin House of One will accommodate Muslims, Jews, and Christians | Building Design + Construction

 

 

 

HOUSE OF ONE | KUEHN MALVEZZI | Interior design, Interior design bedroom, Interior

PINTEREST

 

 

 

House of Prayer Petriplatz — ZAA

FOTO ZAMBINI ASSOCIATI ARCHITETTURA

 

 

 

KUEHN MALVEZZI . House-of-One-Pavilion on the Petriplatz . Berlin (21)

 

IL PADIGLIONE —PINTEREST

 

 

 

 

 

GERMANIA

Una e trina, una chiesa per tre fedi che guarda al futuro

Di Cecilia Cacciotto  & redazione italiana  •  ultimo aggiornamento: 26/02/2021

Una e trina, una chiesa per tre fedi che guarda al futuro
messenger-dsk

Un gioiello architettonico almeno per quello che idealmente rappresenta: è un luogo di culto che a Berlino vedrà insieme una chiesa, una sinagoga e una moschea.

Una rivoluzione concettuali e di fatto che guarda oltre il nostro tempo.

Roland Stolte teologo della Fondazione “House of One” spiega che “L’idea è venuta a tre congregazioni locali, è un nuovo tipo di architettura non destinata a una religione unificata ma è una casa dove le tre fedi convivono in modo pacifico”.

La particolarità dell’edificio, ribattezzato churmosquagogue ( dalle parole church, moschea e sinagoga) è una sala centrale comune, anche se i credenti potranno praticare il proprio culto separatamente. Nascerà nel sito dove c’era la chiesa di St. Peter a Petriplatz, che fu abbattuta nel 1964 per decisione del governo della Repubblica democratica tedesca.

La costruzione sarà terminata nel giro di 4 anni, il costo è stimato in circa 47 milioni di euro, al momento ce ne sono già 39 di milioni, 30 provengono dal governo federale del land di Berlino. Una campagna di donazioni è stata lanciata a dicembre per raggiungere la somma di 47 milioni.

Il progetto è stato dato all’architetto berlinese Kuehn Malvezzi.

WIRED.IT — 26 GIUGNO 2014

Andrea D'Addio

Andrea D’Addio

Giornalista, vive a Berlino dal 2009 scrivendo per diverse riveste italiane e tedesche di economia, società e cultura. È fondatore e direttore del magazine di lifestyle tedesco in lingua italiana Berlino Magazine

 

 

 

 

 

 

A Berlino si progetta la The House of One, un’unica chiesa per cristiani, ebrei e musulmani

Si chiamerà The House of One ed accoglierà i fedeli di tutte e tre le maggiori religioni monoteiste: cristiani, ebrei e musulmani.

Sorgerà a Berlino, sempre che tutto vada bene. Lo scorso 3 giugno è infatti partita la campagna per raccogliere i 43 milioni di euro necessari per la sua…

Si chiamerà The House of One ed accoglierà i fedeli di tutte e tre le maggiori religioni monoteiste: cristiani, ebrei e musulmani. Sorgerà a Berlino, sempre che tutto vada bene. Lo scorso 3 giugno è infatti partita la campagna per raccogliere i 43 milioni di euro necessari per la sua costruzione. Chi vorrà potrà versare una donazione al costo simbolico di 10 euro a “mattone”.

L’idea in realtà è partita in realtà già nel 2006, quando, durante alcuni scavi sull’isola dei Musei (una sorta di isola Tiberina di Roma dove il Kaiser Federico Guglielmo IV di Prussia ha concentrato i maggiori musei cittadini) furono ritrovati i resti di ben cinque chiese cristiane, la più antica risalente al 1200. Si pensò che su quelle macerie sarebbe dovuto nascere qualcosa di speciale e così, dopo aver ricevuto autorizzazioni e aver messo definito ciò di cui si era in cerca, è stato indetto un concorso  con il placet dell’amministrazione cittadina.

A vincere, nel 2012, è stato il progetto dello studio d’architettura italo-tedesco Kuehn Malvezzi. A quel punto il problema è stato trovare tre rappresentanti dei vari credi che sostenessero il tutto. Se per la comunità ebraica e quella cristiana non ci sono stati grossi problemi, diverso è stato il discorso con i musulmani. La ricerca è finita solo qualche mese fa quando l’imam Kadir Sanci ha assicurato che farebbe confluire i propri fedeli nel nuovo luogo di culto. “Per noi musulmani è un’opportunità eccezionale”.

Dal punto di vista progettuale non è stato facile riuscire a pensare ad un luogo multi-religioso che tenga conto di tutte le esigenze dei fedeli. Se infatti, almeno per i cristiano protestanti, la direzione in cui è posto l’altare non è un problema, per musulmani ed ebrei la preghiera deve essere rivolta ad est. Non solo. Sempre per rispettare la religione islamica serve uno spazio quadrato dove potere stare fianco a fianco mentre per gli ebrei è importante avere una zona riparata per la celebrazione del Sukkot, la Festa delle capanne. Il Kuehn Malvezzi costruirà una sorta di cubo alto 44 metri rivestito di mattoni color senape. All’interno ci saranno tre settori separati (che per ebrei e musulmani saranno a loro volta divisi tra uomini e donne) senza simboli religiosi. Una quarta aerea sarà invece destinata per gli incontri tra tutti e tre i tipi di credenti.

Il nome The House of One richiama un Dio che si presume unico. Lo slogan, “Drei Religionen. Ein Haus” significa semplicemente “Tre religioni, una casa”. La speranza a questo punto è che dalle belle parole si passi ai fatti. Per partecipare al Crowfunding potete visitare il sito di The House of One.

 

@daddioandrea

Condividi

One Response to Alberto Guglielmi Manzoni, grazie a ! –A BERLINO, NELLA PETRIPLATZ, CENTRO DELLA CITTA’, KUEHN MALVEZZI HA VINTO NEL 2012 IL CONCORSO PER LA CHIESA ” HOUSE OF ONE ” ( CHIESA DELL’UNITA’/ CHIESA DELL’UNO ) IN CUI CONVIVONO LE TRE FEDI MONOTEISTICHE CRISTIANESIMO, EBRAISMO, ISLAMISMO

  1. i. scrive:

    Si tratta di un’iniziativa magnifica ( molto bello mi sembra anche il progetto architettonico). Speriamo che il Dio unico sia d’accordo e non pianti grane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *