+++ LO STUDIO DI PAUL CEZANNE A LAUVES AD AIX-EN- PROVENCE — GETTY IMAGES ++ altre fonti + altre curiosità

 

 

 

 

In The Footsteps Of Paul Cezanne : Foto di attualità

 

 

 

 

 

Cezanne's Studio at Les Lauves - Travel and Tourism in Provence

LO STUDIO DI CEZANNE A LES LAUVES – DAL ’54  E’ DIVENTATO MUSEO

 

 

 

Paul Cezanne Studio, Aix-en-Provence, France Stock Image - Image of mansion, objects: 76554733

 

 

 

 

Paul Cézanne Ultimo studio a Les Lauves, Aix-en-Provence, dove l'artista dipinse molti dei suoi più conosciuti dipinti Foto stock - Alamy

 

 

 

 

 

photo0.jpg - Picture of Les Lauves, Aix-en-Provence - Tripadvisor

 

 

 

 

L'atelier di Cézanne nella campagna francese a Aix-en-Provence

MONTE SAINTE-VICTOIRE

 

 

 

Montagne Sainte-Victoire from Les Lauves, Terrain des Pein… | Flickr

 

MONTAIGNE SAINTE-VICTOIRE VISTO DA LES LAUVES

 

 

 

 

 

File: La Montagne Sainte-Victoire vue des Lauves, par Paul Cézanne, RW595 MoMA.jpg

La Montagne Sainte-Victoire vue des Lauves, par Paul Cézanne, MOMA

DA : WIKIMEDIA COMMONS

 

 

 

 

Atelier de Cézanne: lo studio del grande ... | Foto Aix-en-Provence

FOTO IL TURISTA

 

 

 

 

Cezanne's Studio at Les Lauves - Travel and Tourism in Provence

 

 

 

 

 

Aix en Provence: un tuffo tra arte, cinema e città fiabesche - Viaggi - quotidiano.net

 

 

 

 

interior Cezannes studio called Lauves remains much Editorial Stock Photo - Stock Image | Shutterstock

 

 

 

 

20th Century New York | Lot 13 Expert view Paul Cezanne | Christie's

da christie’s

 

 

 

 

 

Lauves Immagini e Fotos Stock - Alamy

 

 

 

 

 

 

 

 

TERRAZZA DEL GIARDINO A LES LAUVES

1902-1906

 

ACQUARELLO SU GRAFFITE

COLLEZIONE THAW

443X 546 mm

 

 

 

 

 

 

 

La Montagne Sainte-Victoire, c. 1890

acquerello su carta buff 28 x 44,5 cm

 

foto da : https://www.simondickinson.com/artwork/la-montagne-sainte-victoire-c-1890/

 

 

 

‘Cerco di rendere la prospettiva solo attraverso il colore … Procedo molto lentamente, perché la natura mi si rivela in una forma complessa e bisogna fare progressi costanti. Bisogna vedere correttamente il proprio modello e viverlo nel modo giusto e, inoltre, esprimersi con distinzione e forza ”. (citato in J. Rewald, Cézanne , New York, 1986, pag. 159).

A est di Aix-en-Provence, nella catena montuosa del Massiccio di Sainte-Victoire, che sovrasta il fiume Arc, si erge il caratteristico profilo calcareo grigio del Mont Sainte-Victoire. Il punto di riferimento rimase un motivo fondamentale per Paul Cézanne tra il 1877 e la sua morte quasi tre decenni dopo, apparendo sia in oli che in acquerelli, dominando la pagina o librandosi sul lontano orizzonte, e chiaramente identificabile dalla sua sommità appiattita. Nell’acquerello di Cézanne La Montagne Sainte-Victoire del 1890 circa , la montagna è grande, la sua sommità tocca quasi il margine superiore della pagina.  La Montagne Sainte-Victoire raffigura la montagna come allo stesso tempo senza tempo ed effimera, “una forma senza peso, sospesa, soffusa di luce come il cielo” (T. Reff, in ézanne: The Late Work , catalogo mostra, Museum of Modern Art, New York , 1977, p. 29).

All’epoca in cui dipinse La Montagne Sainte-Victoire , che Venturi datò leggermente più tardi di Rewald (1890-1900, poi riveduto al 1895-1900), Cézanne aveva circa 50 anni. Recentement aveva ricevuto un’eredità considerevole in seguito alla morte di suo padre, Louis-Auguste, nel 1886. Sebbene ora avesse i mezzi per viaggiare all’estero, Cézanne preferì rimanere nelle vicinanze di Aix-en-Provence, dove fino al 1899 aveva sede presso la casa di famiglia, Jas de Bouffan, acquistata da Cézanne père nel 1859. Cézanne aveva stabilito uno studio lì nel 1880, dipingendo vicino alla casa e   a Bellevue, a sud-ovest, dove sua sorella possedeva una fattoria.

Sebbene possa essere difficile determinare il punto preciso da cui vengono prese alcune delle vedute del Mont Sainte-Victoire, molte di quelle del 1890 furono dipinte nell’area intorno alla cava di Bibémus e allo Château Noir, all’incirca a metà strada tra Aix e la montagna. Dopo il 1899, quando Jas de Bouffan fu venduto, Cézanne dipinse principalmente da Les Lauves, un punto che era sia a nord (in modo che la sagoma della montagna appaia leggermente diversa) sia più remota.

Gli acquerelli di Cézanne sono raramente associati direttamente ai suoi dipinti ad olio e sono stati generalmente concepiti come pensieri indipendenti piuttosto che come studi preparatori.

Mentre i suoi primi sforzi dipendono maggiormente da uno scheletro di matita o da una struttura abbozzata, i suoi ultimi acquerelli sono costruiti quasi interamente in lavaggio traslucido, con il bianco della carta che assume una nuova prominenza.

A partire dalla fine degli anni ’70 dell’Ottocento, Cézanne adottò il suo caratteristico “tratto costruttivo, un segno di pennello quadrato e diagonale che dichiarava la supremazia del motivo superficiale sulla trama percepita dal soggetto stesso. L’amico e corrispondente di Cézanne, il collega post-impressionista Émile Bernard, visitò Cézanne ad Aix nel 1904 e descrisse il suo metodo di lavoro come “straordinario, assolutamente diverso dal solito processo ed estremamente complicato (.operazione. cit. , 1983, p. 238).

È significativo che Cézanne abbia anche lasciato asciugare completamente ciascun cerotto prima di applicare quello successivo, in modo che i colori traslucidi appaiano come piani sovrapposti ma distinti piuttosto che sanguinare l’uno nell’altro come nella tecnica bagnato su bagnato. Fu a Bernard che Cézanne scrisse la sua famosa lettera del 1904, in cui raccomandava a Bernard di “occuparsi della natura per mezzo del cilindro, della sfera e del cono, tutti posti in prospettiva …” (15 aprile 1904).

Fu anche in questo periodo, intorno al 1890, che Cézanne si allontanò dalle sue precedenti composizioni repoussoir ( un oggetto in primo piano, es. un albero, che indirizzo lo sguardo verso il centro del quadro) , preferendo invece lasciare che la montagna si reggesse da sola. Inoltre, il bianco della carta assumeva sempre maggiore risalto, il che significa che – come ci ricorda Rewald – le aree sostanziali della carta bianca visibile non indicano necessariamente che l’opera è incompiuta (sebbene alcuni degli acquerelli di Cézanne lo siano). In vedute come La Montagne Sainte-Victoire , in cui la montagna  appare in gran parte non dipinta tra i lavaggi pastello che definiscono il cielo e gli alberi, è molto probabile che l ” ‘armonia’ ‘(per prendere in prestito il termine di Rewald) che esiste tra le aree del bianco e del colore sia deliberato.

L’appello di La Montagne Sainte-Victoire è impreziosito dalla sua impressionante provenienza. Questa veduta ad acquerello fu inizialmente di proprietà del commerciante Ambroise Vollard, che iniziò a rappresentare Cézanne nel 1895, essendo stato sollecitato a farlo da Degas, Pissarro e altri ammiratori la cui reputazione era più sicura. Lo spettacolo allestito presso la sede di Vollard nel novembre dello stesso anno comprendeva una serie di acquerelli e ha contribuito a creare un mercato per loro. Il figlio dell’artista, chiamato anche Paul, assistette il padre nella selezione delle opere per la mostra del 1895 e contribuì nuovamente nel 1905 quando Vollard organizzò una mostra dedicata esclusivamente agli acquerelli di Cézanne. Le opere su carta, a quanto pare, erano più facili da vendere, perché rappresentavano un investimento meno consistente da parte dei collezionisti nell’opera di un pittore ancora considerato controverso; Vollard in genere pagava circa 200 ffr per i dipinti ad olio, e circa un quinto in più per gli acquerelli. Questo acquerello, eseguito intorno al 1890, potrebbe essere stato incluso nella prima mostra di Vollard, per la quale non esiste un elenco .

La Montagne Sainte-Victoire passò successivamente alla collezione di Leo e Gertrude Stein, i grandi collezionisti d’arte moderna fratelli americani, che presumibilmente la acquistarono da Vollard. Quando Leo e Gertrude ebbero un litigio nel 1914, l’acquarello rimase a Gertrude, e in effetti una lettera scritta quell’anno da Leo a Gertrude descrive la divisione della collezione d’arte; osserva in particolare “I Cézannes dovevano essere divisi”, anche se alla fine li lasciò tutti con Gertrude a parte una Natura morta di cinque mele (Collezione Barnes, Filadelfia).

Dalla collezione di Gertrude La Montagne Sainte-Victoire passò a Paul Rosenberg, il grande mercante parigino di arte impressionista e moderna, e da lì a Justin Thannhauser, un mercante di modernismo tedesco con sede a Berlino. Nel 1936 apparve in una mostra a Basilea, dove molto probabilmente era il numero 72 o 73 (Rewald lo registra come il numero 152, ma il catalogo arrivava solo al numero 147). Dopo un periodo in altre due collezioni e concessionarie berlinesi, l’acquerello si è poi diretto verso una galleria di Los Angeles da dove è stato acquistato dal collezionista industriale americano Norton Simon, gran parte della cui collezione è ospitata nell’omonimo museo di PasadenaLa Montagne Sainte-Victoire, tuttavia, è apparso in una delle tre vendite di Norton Simon in cui Norton Simon ha disperso parte della sua collezione negli anni ’70. Lì, è stato acquistato dal grande collezionista di opere su carta Eugene V. Thaw per la sua concessionaria di New York. Thaw, a sua volta, lo vendette a Benjamin Edward Bensinger, rampollo del famiglia di Brunswick e magnate immobiliare con sede a Chicago e Beverly Hills. La sua collezione fu offerta da Christie’s a Londra nel 1975, dopodiché il Cézanne fu acquistato da un collezionista svizzero.

Nell’ottobre 1907, poco dopo la morte di Cézanne, fu allestita una mostra retrospettiva al Salon d’AutomneIl suo stile scultoreo, con la sua attenzione alla dimensionalità e alla rappresentazione del volume e dello spazio, ha ispirato lo sviluppo del cubismo, poiché artisti come Braque e Picasso hanno sperimentato la frattura delle forme e la rappresentazione di più punti di vista simultanei.

Picasso in seguito ha proclamato Cézanne “il padre di tutti noi”.

Un altro ammiratore, il poeta Rainer Maria Rilke, fu particolarmente colpito dagli acquerelli, dichiarandoli “… molto belli. Mostrano la stessa sicurezza dei dipinti e sono tanto leggeri quanto gli altri sono enormi. Paesaggi, lievissimi contorni a matita sui quali cade solo qua e là, quasi a sottolineare o confermare, un accidente di colore, una serie di lavaggi, mirabilmente disposti e con grande sicurezza di tatto: come l’eco di una melodia ». (RM Rilke a P.Modersohn-Becker, 28 giugno 1907, citato in Rewald,operazione. cit. , 1983, p. 39).

 

 

TESTO DA  

La Montagne Sainte-Victoire, c. 1890

 

 

 

 

 

PAUL CEZANNE

 

 

 

 

Paul Cézanne nel suo studio a Les Lauves, di fronte ai Large Bathers ora alla Barnes Foundation. Foto di Émile Bernard, 1904

FOTO DA ARTNET.COM

 

 

VIEW TO THE PAST | Artist with own Artworks – colorized – JadeArt

LA STESSA FOTO A COLORI

DA : https://szeifertjudit.com/2017/03/15/arthivum-artist-with-own-artworks-colorized/

 

 

 

07

FOTO: TRIP ADVISOR

 

 

 

06

FOTO TRIP ADVISOR

 

 

 

 

Paul Cézanne , Autoritratto, 1895. (particolare)

AUTORITRATTO, 1895 ca

 

 

 

 

Aix-en-Provence

aix-en-provence

in città  un “sentiero” delimitato con dei chiodi caratterizzati dall’iniziale del suo cognome vi  offre una visione diversa di Aix, intima e inconsueta, dando valore a facciate che, altrimenti, passerebbero inosservate

I "chiodi" con la C che segnano il percorso di Cézanne a Aix

foto e testo- come i seguenti da :

Con Cézanne a spasso per Aix-en-Provence

La cappelleria del padre di Cézanne al n. 55 di Cours Mirabeau

La fabbrica di cappelli del padre di Cézanne al n. 55 di Cours Mirabeau.

Qui, se alzate un po’ gli occhi, si scorge ancora l’insegna dell’antica cappelleria del padre di Cézanne, Luois-Auguste, a pochi passi dalla casa natale del pittore (Rue de l’Opéra è a poche decine di metri).

Di chiodo in chiodo, i passi ci conducono davanti alle case delle sorelle, della madre, della nonna, alle scuole dove Paul ha studiato fino ad arrivare all’Hôtel de Ville – dove l’artista, il 28 aprile 1886, sposò Hortense Fiquet – e alla Faculté de Droit dove nel 1858 si era iscritto per assecondare i desideri del padre che lo avrebbe voluto avvocato. Per nostra fortuna abbandonerà il corso di studi già nel 1860 per dedicarsi, invece, ai corsi di disegno all’istituto di Place Saint-Jaen de Malte oggi trasformato nel Musée Granet, considerato uno dei più belli di Francia, che nella sua collezione conserva 10 tele di Cézanne oltre ad una raccolta di acquerelli e disegni che, per motivi di conservazione, viene esposta al pubblico ogni tre anni. Ammirare le sue opere nel luogo dove il giovane Paul ha mosso i primi passi nel mondo dell’arte dà una certa emozione. E’ qui, tra il 1857 e il 1862, che si esercita copiando alcune opere della collezione dell’Ordine di Malta, tra le quali Le baiser de la muse di Frillié, Le prisionnier de Chillon di Edouard Dubuffet o Pêches dans un plat, opera di scuola francese del ‘600 la cui eco si può intravedere in molte delle composizioni di nature morte realizzate dall’artista durante la sua carriera.

Musée Granet - Paul Cézanne, Les baigneuses, 1839-1906. Opera preparatoria al dipinto monumentale Grandes Baigneuses (1906).

Musée Granet – Paul Cézanne, Les baigneuses, 1839-1906. Opera preparatoria al dipinto monumentale Grandes Baigneuses (1906).

Cathédrale Saint Sauveur , Aix-en-Provence

Cathédral Saint- Saveur

 

Cathédrale Saint-Sauveur, Aix-en-Provence

interno

 

 

 

 

 

Davanti alla Facoltà di Diritto si trova, invece, un edificio molto importante nella vita di Cézanne: la Cathédrale Saint-Sauveur. Entrateci, non solo perché è un edificio bello ed estremamente curioso, in cui si mescolano più stili e ordini architettonici, dal romanico al gotico, arrivando al barocco. Ma anche perché nella navata di sinistra è conservato ancora il meraviglioso Trittico del roveto ardente di Nicolas Froment sotto il quale, come ricorda Émile Bernard in un suo scritto, Cézanne si sedeva sempre per seguire la messa e, cosa curiosa, dove «il Mosé gli assomiglia così stranamente».

 

 

Nicolas Froment, Trittico del Roveto Ardente, 1476

Nicolas Froment, Trittico del Roveto Ardente, 1476

 

 

Nicolas Froment (Uzès, 1430? – Avignone, 1486) è stato un pittore francese.

Dapprima al lavoro a Firenze e poi nella corte di Renato d’Angiò, lo si ritrova in attività ad Avignone dal 1468. Fu uno dei pittori più rappresentativi della Scuola di Avignone. Fu influenzato dalla scuola fiamminga.

Le sue opere più famose sono il trittico del Roveto Ardente, commissionato da Renato d’Angiò per la cattedrale di Aix-en-Provence, opera con la quale raggiunse una piena maturità manifestando una monumentalità e una esemplare semplificazione di piani con cui descrive il re e la regina stilizzandone i tratti e le caratteristiche psicologiche, e il trittico della Resurrezione di Lazzaro (1461), ora agli Uffizi di Firenze, opera altamente espressionistica, ma con le figure del donatore e degli accoliti ci riporta alla grande ritrattistica provenzale e alcuni particolare dell’anta sinistra ad una prospettiva non più empirica ma impostata scientificamente alla maniera toscana.

 

resurrezione di lazzaro

continua nel link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Nicolas_Froment

 

 

Se le tappe del percorso Cézanne nel centro di Aix sono principalmente luoghi di passaggio, tracce della vita quotidiana dell’artista, è subito fuori dal centro cittadino che si trovano i due luoghi più affascinanti di tutto il tour. Il primo di questi è situato a circa 800 metri dalla Cattedrale, sulla collina dei Lauves. Qui, al n. 9 di avenue Paul Cézanne si trova il suo ultimo atelier dove lavorò dal 1902 al 1906. Progettato su disegno dello stesso artista, il piccolo edificio circondato dal verde conserva ancora tutti gli oggetti cari al pittore, i modelli delle sue ultime nature morte, i suoi mobili e i suoi attrezzi (tavolozze, pennelli, colori, cavalletti). E’ qui che vi si dischiuderà l’essenza più intima del suo lavoro, avvolti dalla luce e dal silenzio che accompagnavano l’artista che qui ha creato alcune delle sue opere più famose, tra le quali le Grandes Baigneuses (1906) ritenuto da molti il suo più grande capolavoro e oggi conservato nel Museum of Art di Filadelfia.

 

 

L'interno dell'Atelier di Cézanne ad Aix-en-Provence
L’interno dell’Atelier di Cézanne ad Aix-en-Provence

 

 

 

Per chi ama camminare, inoltre, è da non perdere il Terrain des Peintres, non troppo lontano dall’Atelier e da cui si può raggiungere anche il cosiddetto Chemin de la Marguerite da dove si può godere di una vista eccezionale della Montagna Sainte-Victoire e dove, non a caso, il pittore andava per realizzare le tante vedute della sua “beniamina”. Durante la sua carriera si contano ben 44 dipinti e 43 acquerelli che hanno come soggetto la grande montagna provenzale.

 

 

Paul Cézanne, La Montagna Sainte-Victoire vista dai Lauves, 1902-1906. Olio su tela, 65 x 81 cm. Collezione Privata.

Paul Cézanne, La Montagna Sainte-Victoire vista dai Lauves, 1902-1906. Olio su tela, 65 x 81 cm. Collezione Privata.

 

L’altro sito imperdibile, legato alla storia personale ed artistica di Cézanne è poi la bastide du Jas de Bouffan, la casa di campagna – oggi a 1.5 km dal centro di Aix – comperata nel 1859 dal padre dell’artista e che, per 40 anni, fino al 1899, sarà una dei principali luoghi di ispirazione di Paul Cézanne che qui dipinse direttamente sulle pareti del grande salone del piano terra – che fu uno dei suoi atelier –  le sue prime grandi opere di gioventù tra le quali Le Quattro Stagioni,

Cézanne. Les ateliers du Midi

1860-1861

Dipinto murale trasferito su tela;

Inverno: 314 x 104 cm,

Autunno: 314 x 105 cm,

Primavera: 315 x 98 cm,

Estate: 314 x 109,5 cm

Parigi, Petit Palais, Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris

da : https://www.corriere.it/gallery/cultura/10-2011/cezanne/1/cezanne-les-ateliers-du-midi_befaf7a4-f996-11e0-bc4b-5084eabf7820.shtml

 

il Ritratto di Louis-Auguste Cézanne ( vedi sotto ) ed il Bagnante sulla roccia.

Cezanne, Il bagnante contro la roccia.jpg

Le baigneur au rocher, d’après Courbet

Pittura murale trasferita su tela

167,6 x 105,4 cm

Chrysler Museum of Art, Norfolk, Virginia, USA

da : 

https://www.deartibus.it/drupal/node/9418

Ma durante gli anni lavorò nel parco, dinanzi alla casa, nella fattoria, presso lo stagno e sul viale di castagni, per un totale di 36 oli e 17 acquarelli che rappresentano le sue condizioni di vita familiare. Sfortunatamente, le 12 composizioni direttamente dipinte sulle pareti del Jas de Bouffan da Cézanne sono state, a partire dal 1912,  staccate, frammentate e trasferite su 22 tele prima di essere disperse tra collezioni private e musei di tutto il mondo. Al di là di questo la visita alla tenuta di famiglia rimane comunque affascinante e ricca di stimoli per una riflessione sull’arte di Cézanne.

 

Paul Cézanne, Ritratto Louis-Auguste Cézanne, c. 1865. pittura murale trasferita su tela, 167,6 x 114,3 cm. Oggi alla National Gallery di Londra.

Paul Cézanne, Ritratto Louis-Auguste Cézanne, c. 1865. pittura murale trasferita su tela, 167,6 x 114,3 cm. Oggi alla National Gallery di Londra.

 

 

Lasciato il Jas de Bouffan, l’itinerario dedicato a Paul Cézanne e alla sua vita ad Aix-en-Provence, non potrebbe che proseguire con la grande Montagne Sainte-Victoire e le Cave di Bibémus, lungo un cammino che dal centro di Aix vi porta nel cuore della magia dell’ispirazione, nei luoghi in cui il cubismo ha mosso i suoi primi passi. E’ su questo altopiano roccioso di 7 ettari, infatti, che il pittore di Aix scopre i luoghi dell’abbandono: la natura ha ormai ricoperto quelle che fino al XVIII secolo erano cave di pietra, ma tra il verde acceso della vegetazione le rocce rosso ocra scolpite dall’uomo con forme geometriche sbucano ancora, dando vita ad un’architettura sorprendente che colpisce l’immaginario artistico di  Cézanne che qui si recherà più volte, tra tra il 1895 e il 1904, per realizzare alcuni dei suoi più grandi capolavori, tra i quali Le rocher rouge. Sul luogo, peraltro, è ancora presente il capanno dove il pittore depositava le opere e dove, talvolta, dormiva.

 

 

File:Paul Cézanne - Le Rocher rouge.jpg

LE ROCHER ROUGE, 1895-

91,0 cm X 66,0 cm

Musée de l’Orangerie. Parigi

 

 

 

 

Paul Cézanne, La Carrière Bibémus, 1895

Paul Cézanne, La Carrière Bibémus, 1895

 

 

 

Infine, questa nostra passeggiata a fianco di Paul Cèzanne non potrebbe che terminare nella corsia 6 del Cimetière Saint-Pierre, dove l’artista riposa, per rendere omaggio ad uno dei più grandi pittori di tutti i tempi che Picasso non esitò a definire «Il padre di tutti noi!»

 

Cimetière Saint-Pierre | Aix en Provence │ Office de Tourisme

Cimetière Saint-Pierre, Aix-en- Provence

 

220 idee su R.I.P.personaggifamosi | cimiteri, lapidi famose, personaggi famosi

LA TOMBA DI CEZANNE — PINTEREST

 

 

 

Émile Bernard  — Ritratto di Toulouse-Lautrec

Émile Bernard (Lilla, 28 aprile 1868 – Parigi, 16 aprile 1941) è stato un pittore post- impressionista francese.

 

Condividi

3 Responses to +++ LO STUDIO DI PAUL CEZANNE A LAUVES AD AIX-EN- PROVENCE — GETTY IMAGES ++ altre fonti + altre curiosità

  1. i. scrive:

    Che bello lo studio di Cèzanne: sembra un suo quadro.

  2. giorgio loreti scrive:

    Magnifico post, cara Chiara. La pittura e i pittori venuti dopo devono moltissimo a Cezanne ( pensiamo al nostro Giorgio Morandi. E Maiolino tanto per citarne due pittori che amiamo). Spesso ritenuto erroneamente impressionista in realtà con lui inizia la pittura moderna. Grazie, e un caro saluto da Nemo

  3. i. scrive:

    La luce che si riverbera dai quadri di Cèzanne fa venire nostalgia di quella meravigliosa parte della Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *