IL FATTO QUOTIDIANO DEL 22 SETTEMBRE 2021 :: Coronavirus, i dati: 3.970 nuovi casi e 67 morti, positività all’1,4%. Calano ancora i ricoverati (141 in meno), stabili le terapie intensive

 

IL FATTO QUOTIDIANO DEL 22 SETTEMBRE 2021 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/09/22/coronavirus-i-dati-3-970-nuovi-casi-e-67-morti-positivita-all13/6329344/

 

Coronavirus, i dati: 3.970 nuovi casi e 67 morti, positività all’1,4%. Calano ancora i ricoverati (141 in meno), stabili le terapie intensive

Coronavirus, i dati: 3.970 nuovi casi e 67 morti, positività all’1,4%. Calano ancora i ricoverati (141 in meno), stabili le terapie intensive

di F. Q. | 22 SETTEMBRE 2021

 

Sono 3.970 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 3.377.

 

Sono invece 67 i decessi in un giorno,

lo stesso numero di ieri.

Sono 292.872 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 330.275.

 

Il tasso di positività è dell’1,4%,

in lieve crescita rispetto all’1% di ieri.

In calo i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia: sono 516,

con un calo di 3 rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite.

Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 40.

ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.796

141 meno di ieri.

 

 

DOPO I DATI RIPORTATI SOPRA- NE LINK TROVATE ::

 

I dati del giorno. Riepilogo nazionale

per vederli, apri qui

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/09/22/coronavirus-i-dati-3-970-nuovi-casi-e-67-morti-positivita-all13/6329344/

 

Condividi

One Response to IL FATTO QUOTIDIANO DEL 22 SETTEMBRE 2021 :: Coronavirus, i dati: 3.970 nuovi casi e 67 morti, positività all’1,4%. Calano ancora i ricoverati (141 in meno), stabili le terapie intensive

  1. ueue scrive:

    Speriamo bene per l’Italia. Se però non si prende coscienza che la vaccinazione andrebbe estesa a tutti i Paesi del mondo, anche quelli che non possono permettersela, il pericolo dell’epidemia rimarrà costante e tremendamente reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *