CLEMENTE PISTILLI, “Io sono una pecora, loro i leoni”. Stupri e umiliazioni, l’incubo delle nuove schiave nel Basso Lazio costrette a lavorare tra i veleni — ROMA. REPUBBLICA  16 OTTOBRE 2021

 

 

 

ROMA. REPUBBLICA  16 OTTOBRE 2021

https://roma.repubblica.it/cronaca/2021/10/16/news/stupri_
umiliazioni_e_avvelenamenti_l_incubo_delle_schiave_
sikh_nel_basso_lazio-322450350/?__vfz=medium%3Dsharebar

 

“Io sono una pecora, loro i leoni”. Stupri e umiliazioni, l’incubo delle nuove schiave nel Basso Lazio costrette a lavorare tra i veleni

di Clemente Pistilli

Una ricerca shock, getta nuova luce sul girone delle braccianti in provincia di Latina. “Se non cedi alle loro richieste ti lasciano morire di fame”

 

Sotto padrone. Uomini, donne e caporali nell'agromafia italiana - Marco Omizzolo - copertina

Sotto padrone. Uomini, donne e caporali nell’agromafia italiana


di Marco Omizzolo (Autore)

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, 2019

Sottopagate, costrette a mangiare in piedi, a evitare anche di andare in bagno e soprattutto a cedere il loro corpo ai padroni. Al gradino più basso dello schiavismo che tristemente impera in troppe aziende dell’agro pontino ci sono le donne di nazionalità indiana.

Il lavoro nei campi è un inferno per i sikh, come ormai emerso da numerose inchieste e processi a Latina, ma il girone più profondo è riservato alle mogli dei braccianti.

Una realtà nascosta quella portata ora alla luce da Marco Omizzolo, docente di sociopolitologia delle migrazioni presso l’Università La Sapienza di Roma e sociologo Eurispes, e scandagliata in un’indagine condotta nell’ambito della campagna internazionale #OurFoodOurFuture di WeWorld, un’organizzazione impegnata da 50 anni a garantire i diritti di donne, bambine e bambini in 25 Paesi del mondo.

 

 

Gli abusi sessuali, stando all’indagine portata avanti da Omizzolo, sono all’ordine del giorno in troppe aziende agricole dell’agro pontino. “Ho un figlio, la vita non è facile per una donna con un bambino e senza marito in un paese straniero, lavorando come bracciante a tempo determinato. Non è un problema solo di denaro. La gente vede una  donna straniera sola con un bambino e pensa che sei una facilmente disponibile, aperta ad incontro occasionale, propensa a tutto. Invece io cerco di essere seria e di pensare a mio figlio e queste voci cerco di non ascoltarle”, ha riferito al sociologoSunita, una bracciante di 32 anni.

 

 

Latina, dai farmaci ai braccianti indiani contro “la fatica dei turni”, al certificato per scarcerare il detenuto: arrestato medico

di Clemente Pistilli 25 Maggio 2021

 

Ancora: “Si tratta di indiani e italiani che pensano che in quanto sola, io sia una pecora e loro i leoni. Ma fino a quando sono parole, diciamo che non mi curo di loro. Il problema è quando ti chiamano al telefono, ti mandano audio o video coi quali ti invitato esplicitamente, magari perché ubriachi, a stare con loro. Lo trovo davvero brutto”. Il messaggio che viene inviato alle braccianti è chiaro: se vogliono ottenere una proroga del contratto, necessaria pure per il permesso di soggiorno, o un piccolo aumento devono sottostare alle voglie di caporali e padroni.

 

“Ti dicono che se vuoi il rinnovo del contratto allora devi dare qualcosa in cambio, oppure essere carina con loro, seguirli dietro le serre, nei bagni o dietro il capannone”, ha dichiarato Shergill.

Un’altra lavoratrice: “Non importava se eri sposata o meno, se acconsentivi o meno. Se il padrone ti chiedeva direttamente o tramite un caporale di andare a letto con lui dovevi andare a basta. Questo valeva sia per le indiane che per le rumene. Allora avevi solo due possibilità: accettare e continuare a lavorare, oppure rifiutare e scappare. Dovevi lasciare tutto, anche i documenti negli uffici, e andare via, magari tornare a casa”.

 

Covid, troppi casi nella comunità indiana: rossa una frazione di Sabaudia. Il centro pronto al 1° maggio. Arrivi, D’Amato: “Non si scarichi tutto sul Lazio”

di Clemente Pistilli,  Arianna Di Cori 30 Aprile 2021

 

 

Così Sunita: “Se cedi una volta, come io stessa ho visto, poi ti stanno addosso tutti i giorni. Ti passano dietro e ti dicono certe cose all’orecchio, oppure si strusciano, ridono di te davanti ai colleghi che poi ti vedono come una facile e disponibile ed hai finito di vivere. Anche io ho ricevuto queste attenzioni”.

 

La comunità indiana in provincia di Latina è la seconda più numerosa d’Italia.

I sikh sono diventati i nuovi schiavi e per le donne va anche peggio. Lo ha confermato al sociologo anche una bracciante italiana, Paola: “Vedevo come venivano trattate le braccianti immigrate. Erano sempre le ultime della fila, sempre sfruttate, a volte anche maltrattate verbalmente. Il padrone aveva una scala di precedenze, secondo la quale al primo posto venivano i braccianti italiani, anche perché qualcuno era suo amico, poi le braccianti italiane come me, poi i lavoratori immigrati uomini e infine le donne straniere, e nello specifico in primis rumene e poi, per ultime, quelle del Bangladesh”.

 

 

 

Alle lavoratrici di nazionalità indiana vengono riservati gli ultimi posti nei furgoni utilizzati per raggiungere le campagne, i peggiori, e non viene dato loro neppure un posto dove sedere per consumare il pasto. “Avevamo lavorato per circa 6 mesi e il padrone italiano ci diede un solo pagamento in contanti di 300 euro. Solo che noi senza soldi non possiamo vivere. Puoi aspettare il pagamento di un mese, massimo due, non sei mesi continui. Non siamo animali. Siamo donne”, ha raccontato Akhila.

 

La paga media? 3 euro l’ora. “Io in busta paga ho sempre un terzo circa delle giornate effettivamente lavorate. Le lavoratrici italiane sempre qualche giorno in più”, ha specificato Sunita.

Akhila: “In un’azienda, i capi decisero di imporci l’uso dell’italiano durante l’orario di lavoro, ossia anche per dieci o dodici ore al giorno, e se trasgredivamo, ossia se iniziavamo a parlare nella nostra lingua d’origine, ci multavano. La multa era di 10 euro per noi lavoratrici immigrate e 20 euro se invece a trasgredire erano le donne che avevano messo a capo delle squadre di lavoro”.

 

Ma c’è anche di peggio e riguarda i veleni che le braccianti sono costrette a maneggiare prive di qualsiasi protezione. “I veleni per me erano un grosso problema – ha riferito una lavoratrice a Omizzolo – non avevo il patentino per i veleni. Prima della minaccia di sciopero quel lavoro lo faceva un capo italiano esperto. Poi lo hanno fatto fare a me, ma stavo molto male. Respiravo quegli odori fortissimi e ogni volta mi sentivo male. Avevo dolori allo stomaco, agli occhi e a volte mi gocciolava il naso. La notte poi non riuscivo più a dormire perché ero molto stressata”.

 

 

MASSIMINA

Il “tampone sospeso” per la comunità sikh: test gratuiti presso il tempio della Massimina

di Marino Bisso 02 Giugno 2021

 

“Una volta un lavoratore si è tagliato un dito. Il capo gli ha messo un po’ d’acqua, un fazzoletto e lo ha accompagnato a casa chiedendogli di non andare al pronto soccorso”, ha aggiunto Pallavi.Le autorità invitano da tempo i lavoratori sfruttati a denunciare, ma neppure questo è semplice.

Lo ha spiegato bene Pino Cappucci, segretario generale Flai-Cgil Roma e Lazio: “Siamo di fronte a un doppio abuso, quello lavorativo e quello sessuale, e, inoltre, a un doppio ricatto che pongono le donne in una condizione di maggior fragilità con la paura di denunciare sia lo sfruttamento che le violenze subite. La paura e la vergogna impediscono una esposizione e una denuncia concreta”.

 

Drammi che spingono WeWorld a chiedere alla Commissione europea di presentare senza ulteriori ritardi una legge che obblighi le aziende a rispettare i diritti umani e l’ambiente lungo le catene di approvvigionamento globali per prodotti commercializzati in Europa attraverso un processo di due diligence.

 

 

La quinta mafia. Nuova ediz. - Marco Omizzolo - copertina

La quinta mafia. Nuova ediz. 

di Marco Omizzolo (Autore)

Radici Future, 2021

 

Le mafie in provincia di Latina, secondo alcuni autorevoli esponenti politici, per anni non ci sono state. La loro presenza era considerata episodica o al massimo finalizzata solo al riciclo di denaro sporco per mezzo di alcune attività imprenditoriali. Chi tentava di provare il contrario, secondo molti, comprometteva lo sviluppo del territorio, il suo buon nome e attentava all’economia della provincia. Questo nonostante gli omicidi, le denunce per estorsione e i processi in corso per mafia, corruzione, sfruttamento e riciclaggio. Per decenni una storia ufficiosa, quella mafiosa che penetrava in provincia di Latina e stringeva alleanza con esponenti del mondo politico, imprenditoriale, amministrativo e professionale, è stata negata o nascosta da una storia ufficiale che reclamizzava un territorio integro, pulito, esente da qualunque condizionamento mafioso. Questo libro cerca di fare giustizia di queste tesi, raccontando i protagonisti della storia criminale della provincia di Latina dal 1982 al 1994. Una lunga trama criminale a cui si è affiancata un’antimafia sociale che proprio in quegli anni iniziava ad organizzarsi.

 

 

 

 

Essere migranti in Italia. Per una sociologia dell'accoglienza - Marco Omizzolo - copertina

 

Essere migranti in Italia. Per una sociologia dell’accoglienza 

di Marco Omizzolo (Autore)

Meltemi, 2019

 

Il sistema di accoglienza italiano, col decreto Sicurezza, ha visto gravemente limitata la sua governance, ridimensionato il complesso di servizi volti a garantire ai richiedenti asilo percorsi di formazione e inclusione qualificati, prodotto una forma di accoglienza “parcheggio” che produce emarginazione e rende strutturalmente fragili i suoi ospiti, agevolandone lo sfruttamento per mezzo di datori di lavoro senza scrupoli, caporali e speculatori vari. Il decreto Sicurezza boicotta anche le espressioni ed esperienze più virtuose e inclusive. Esso amplifica forme di disagio, intolleranza e insicurezza sociale, sia percepita che reale. Sotto questo aspetto è urgente dirigersi in direzione ostinatamente contraria, investendo in un sistema d’accoglienza e d’inclusione ben organizzato, territorialmente aperto e trasparente, adeguatamente sostenuto sul piano economico, capace di elaborare, dentro un quadro di rigorosa professionalità, governance e pratiche virtuose. Peraltro queste ultime nel Paese esistono già e rappresentano forme anche di resistenza attiva alla deriva xenofoba e razzista in corso. Purtroppo, l’accesso legale al mercato del lavoro dei richiedenti asilo continua a essere un obiettivo mancato a causa della condizione degli stessi beneficiari e dell’aspirazione a mantenerli in condizioni di ricattabilità a scopo di sfruttamento. Superare gli effetti del decreto Sicurezza è urgente e rappresenta una forma di resistenza civile che può consentire al Paese di riconquistare dignità e avviare una nuova fase di progresso civile ed economico. Prefazione di Maurizio Ambrosini.

 

 

 

 

 

 

Caporalato. An authentic agromafia - Fiammetta Fanizza,Marco Omizzolo - copertina

Caporalato. An authentic agromafia 

di Fiammetta Fanizza (Autore) 
Marco Omizzolo (Autore)

Mimesis International, 2018

 

 

 

Agromafie e caporalato. Quinto rapporto - copertina

 

Agromafie e caporalato. Quinto rapporto 

Osservatorio Placido Rizzotto (Curatore)

Futura, 2021

Il V Rapporto Agromafie e caporalato a cura dell’Osservatorio Placido Rizzotto/ Flai-Cgil fotografa la situazione degli ultimi due anni (ottobre 2018-ottobre 2020) concernente lo sfruttamento lavorativo nel settore agro-alimentare e le criticità dei rapporti di lavoro dovute a contratti ingannevoli e a raggiri perpetuati a danno dei lavoratori. Inganni e raggiri sono distribuiti diversamente in tutti gli ambiti produttivi che nel loro insieme costituiscono la filiera di valore dell’intero settore. Il V Rapporto si compone di quattro parti, ciascuna focalizzata ad esplorare specifici ambiti che nell’insieme contribuiscono ad illuminare il fenomeno dello sfruttamento lavorativo. Lo stretto legame tra lavoro e legalità è ancora una volta il carattere costitutivo di questa pubblicazione che ha ormai assunto un ruolo importante come fonte di comprensione e riflessione su questi fenomeni. Con questa edizione la Flai-Cgil rinnova la volontà di contribuire attraverso la ricerca e l’indagine non solo alla conoscenza del lavoro agricolo e delle forme di sfruttamento in esso presenti, ma anche di stimolare le tante forze positive del nostro Paese per una battaglia comune per la legalità e l’affermazione dei diritti.

Condividi

One Response to CLEMENTE PISTILLI, “Io sono una pecora, loro i leoni”. Stupri e umiliazioni, l’incubo delle nuove schiave nel Basso Lazio costrette a lavorare tra i veleni — ROMA. REPUBBLICA  16 OTTOBRE 2021

  1. ueue scrive:

    Ieri, nella trasmissione “Presa diretta” denunciavano che in alcuni Paesi dell’est-Europa, i lavoratori nel settore delle scarpe ( quelle costosissime delle varie marche più prestigiose) vengono pagati addirittura un euro all’ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *