Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna – 19 ottobre 2021 : Gustavo Zagrebelsky – Vanità delle cose umane? In dialogo con Vito Mancuso 1h 27 minuto — L’introduzione, peraltro interessante, termina verso il decimo minuti– inizia Vito Mancuso ; Zagrebelsky inizia al minuto 38,00

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qohelet. La domanda - Gustavo Zagrebelsky - copertina

Qohelet. La domanda

di Gustavo Zagrebelsky (Autore)

Il Mulino, 2021

In certi momenti vien voglia di mandarlo al diavolo, dal quale egli forse proviene; in altri, di tenercelo stretto come un compagno di viaggio che instilla dalla soglia della nostra coscienza il tormento e la suggestione del nulla Che cosa sono queste «vanità delle vanità» di cui ci parla il Qohelet? Un messaggio di disperazione o un appello alla libertà? Per millenni questo enigmatico libro della Bibbia è stato interpretato come un’eccezione, anzi una contraddizione o uno scandalo nel messianismo ebraico e cristiano, il quale insegna a non disperare, poiché la storia ha un senso che ci condurrà alla «pienezza dei tempi». Ma nel frattempo dobbiamo forse annichilirci, impazzire di disperazione e riempire le nostre giornate con la ricerca di vani, insensati e fuggitivi piaceri, per non farci annientare dalla consapevolezza della nullità delle nostre vite? Meglio allora per l’uomo non esser mai nati: è questo che dobbiamo concludere? Ma perché dovremmo condannare come illusoria l’azione rivolta a costruire, nella vita individuale e in quella collettiva, qualcosa che vano non sia? Una lettura controcorrente che cerca di vedere un poco più chiaro nella potente poesia di questo testo apocalittico.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna – 19 ottobre 2021 : Gustavo Zagrebelsky – Vanità delle cose umane? In dialogo con Vito Mancuso 1h 27 minuto — L’introduzione, peraltro interessante, termina verso il decimo minuti– inizia Vito Mancuso ; Zagrebelsky inizia al minuto 38,00

  1. ueue scrive:

    E’ delizioso Zagrebelsky, da baciare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.