RUFINO TAMAYO ( Oaxaca, 1899 – Città del Messico, 1991 ) è un famoso pittore messicano che fonde l’arte moderna con la cultura popolare messicana – fonti varie + Repubblica, 25-06-1991

 

 

Rufino Tamayo | Mexican artist | Britannica

Rufino Tamayo (nato il 26 agosto 1899, Oaxaca , Messico — morto il 24 giugno 1991, Città del Messico), pittore messicano che ha combinato gli stili pittorici europei moderni con temi popolari messicani.

Tamayo ha frequentato la Scuola di Belle Arti di Città del Messico dal 1917 al 1921, ma non era soddisfatto del programma artistico tradizionale e da allora in poi ha studiato per conto suo.  Divenne capo del dipartimento di disegno etnografico del Museo Nazionale di Archeologia (1921–26) a Città del Messico, dove sviluppò un interesse per l’arte precolombiana.

 

“Personaggio”
75,5×56 litografia a colori
https://www.santagostinoaste.it/opere/tamayo-rufino-personaggio-707-169.asp

 

 

L'opera Dualidad è stata dipinta da Tamayo nel 1964 e rappresenta Quetzalcoátl, il serpente piumato, e Tezcatlipoca, lo specchio fumante, divinità antagoniste che hanno dato origine al mondo, secondo una leggenda azteca. https://www.facebook.com/flp.armando

L’opera Dualidad è stata dipinta da Tamayo nel 1964 e rappresenta Quetzalcoátl, il serpente piumato, e Tezcatlipoca, lo specchio fumante, divinità antagoniste che hanno dato origine al mondo, secondo una leggenda azteca.

https://felipecortez16.tumblr.com/

 

 

Donna, 1938
Moma.

Rufino Tamayo ha partecipato a 29 mostre al MoMA, dal 1936 al 1978.

 

 

TAMAYO : Carton d'invitation à l'exposition des oeuvres de Rufino Tamayo - Prima edizione - Edition-Originale.

Parigi, 1950

 

Amazon.it: Rufino Tamayo - Octavio Paz, Jacques Lassaigne - Libri
Amazon

 

Museo Rufino Tamayo a Oaxaca: 2 opinioni e 8 foto

Museo Rufino Tamayo a Oaxaca, Messico

 

 

Animali, 1941-Olio su tela- (76,5 x 101,6 cm)
Moma

Dipinta alla vigilia dell’ingresso dell’America nella seconda guerra mondiale, mentre Tamayo viveva a New York, questa coppia di cani ringhianti cattura, nelle parole del collega pittore messicano Juan Soriano, “quell’orrore davanti a un mondo che si stava trasformando in pietra davanti al nostro occhi.” Ambientati su uno sfondo giallo stranamente vuoto immerso in un bagliore rosso, i cani, con le zanne scoperte, emettono una nota ansiosa, mentre le ossa blu pallido vicino alle loro zampe suggeriscono morte o carneficina. L’argomento è stato probabilmente ispirato non solo da eventi contemporanei ma anche da sculture funerarie in terracotta precolombiane. Nella mitologia azteca e Maya, i cani erano considerati guide degli inferi e le loro statue venivano spesso sepolte con i membri della classe dirigente.

 

 

Donna con ananas– 1941
olio su tela, (101,6 x 76,2 cm)
Moma

 

Tamayo trascorse molti anni della sua carriera a New York City , stabilendosi lì per la prima volta dal 1926 al 1928. Mantenne i suoi legami con il Messico e vi tornò spesso, ma l’arte moderna che incontrò a New York, in particolare i dipinti degli artisti europei Pablo Picasso , Georges Braque e Henri Matisse hanno influenzato profondamente il suo lavoro. Tamayo ha reagito contro le proporzioni epiche e la retorica politica dei dipinti dei muralisti messicani, che avevano dominato la produzione artistica del paese sin dalla Rivoluzione messicana . Invece, ha scelto di affrontare questioni formali ed estetiche nei dipinti da cavalletto, fondendo stili europei come il cubismo e il Surrealismo con argomenti che spesso coinvolgevano la cultura messicana .

 

 

Maschera, 1964
Moma

 

 

 

Testa con uccelli- 1958
litografia
30,5 x 23,5 cm
foglio, 33 x 50,8 cm
Moma

 

 

 

Negli anni ’30 Tamayo era diventato una figura ben nota nella scena artistica messicana. Visse di nuovo a New York dal 1936 al 1950. Durante questo periodo i vari stili dei suoi dipinti spaziavano dalle figure stolide in Women of Tehuantepec (1939) alla violenza espressiva dei bastardi che abbaiano in Animals (1941). Ha spesso usato colori vivaci e superfici strutturate per rappresentare i suoi soggetti in modalità simboliche, stilizzate o semiastratte.

Tamayo ha esposto i suoi dipinti alla Biennale di Venezia nel 1950 e il successo del suo lavoro ha portato al riconoscimento internazionale. Ha continuato a disegnare murales per il Palazzo Nazionale delle Belle Arti di Città del Messico ( Birth of Nationality e Mexico Today , entrambi 1952–53) e per l’UNESCO a Parigi ( Prometheus Bringing Fire to Man , 1958). Tamayo fu un prolifico incisore e sperimentò anche la scultura in bronzo e ferro.

 

Rufino Tamayo. Woman. 1964 | MoMA

Donna, 1964
Moma

 

 

Smartify | Girl Attacked by a Strange Bird - Rufino Tamayo
Ragazza attaccata da uno strano animale, 1947
Olio su tela, 177,8 x 127,3 cm
Moma

 

 

Rufino Tamayo. Air Mexicain. 1952 | MoMA

Aria messicana, 1952

Rufino Tamayo | MoMA

Benjamin Peret, 1952
4 litografie, stampate a colori; e 29 tagli in linoleum (2 disegni ripetuti), stampati a colori; e aggiunta xilografia (carta di Capodanno), stampata in nero con aggiunte ad acquerello

Editore, Biblioteca Arcani

 

 

 

Rufino Tamayo. Woman. 1964 | MoMA
Donna, 1964
litografia
composizione e foglio, 56 x 46,4 cm

 

Dopo aver vissuto a Parigi dal 1957 al 1964, Tamayo si stabilì in Messico. Nel 1974 ha donato la sua vasta collezione di arte precolombiana alla città di Oaxaca, fondando il Museo di arte preispanica Rufino Tamayo. Nel 1981 Tamayo e sua moglie hanno donato al popolo del Messico la loro collezione di arte internazionale, che ha costituito la base per il Museo di Arte Contemporanea Rufino Tamayo di Città del Messico.

 

TESTO  DA:

Questo articolo è stato recentemente rivisto e aggiornato da Kathleen Kuiper .

https://www.britannica.com/biography/Rufino-Tamayo

 

LE IMMAGINI SONO DAL MOMA:

https://www.moma.org/collection/works/79030?artist_id=5795&page=1&sov_referrer=artist

 

 

 

Museo Tamayo

Museo Rufino Tamayo
È stato progettato da Teodoro González de León e Abraham Zabludovsky.

https://en.mxcity.mx/2015/05/museo-tamayo/

 

 

museo Rufino Tamayo a Oxaca

 

 

 

 

 

https://www.zonaturistica.com/en/things-to-do/oaxaca/oaxaca/museum-of-prehispanic-art-of-mexico-rufino-tamayo

 

Museo de Arte Prehispanico Rufino Tamayo Oaxaca-Mexico: Marianne Frenk-Westheim, Fernando Gamboa: Amazon.com: BooksAmazon

 

REPUBBLICA DEL 25 GIUGNO 1991

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1991/06/25/morto-tamayo-il-pittore-dei-murales.html

E’ MORTO TAMAYO IL PITTORE DEI ‘MURALES’

CITTA’ DEL MESSICO Il pittore messicano Rufino Tamayo, uno dei maggiori artisti dell’ America Latina, è morto ieri a 91 anni in un ospedale di Città del Messico, dove era ricoverato da dieci giorni per una polmonite. Nelle ultime ore le sue condizioni si erano aggravate senza speranza di salvezza. Dopo l’ intervento subito al cuore nell’ 89 non si era quasi più dedicato alla pittura. Grande autore di murales, era nato il 26 agosto del 1899 nello stato di Oaxaca, nel Messico meridionale, il più povero del paese. Suo padre era un calzolaio che abbandonò la moglie, morta molto giovane. Rufino Tamayo si trasferì a Città del Messico dove aveva un banco di frutta al mercato, ma al tempo stesso studiava belle arti nella prestigiosa accademia di San Carlos. Dopo anni di sforzi e di ristrettezze, nel 1921 ottenne la carica di direttore della sezione di disegno etnografico nel museo nazionale di archeologia. La sua morte ha suscitato profondo cordoglio. Con lui si estingue la grande tradizione pittorica messicana di questo secolo, impersonata da Diego Rivera, Josè Clemente Orozco e David Siqueiros, caratterizzata appunto dai grandi murales con richiami alla cultura precolombiana. Tamayo fuse nei suoi quadri e nei suoi murales la tradizione precolombiana con gli influssi del cubismo e del surrealismo, e le sue opere sono conservate in Messico e in molti paesi del mondo. Ultimamente aveva fondato una casa per anziani nel suo stato natale di Oaxaca. Fino a pochi mesi fa amava, nei limiti posti dall’ età, frequentare salotti e riunioni mondane. Tamayo preferiva, tuttavia, non mischiare l’ arte con la politica. Uno dei pochi pittori stranieri verso i quali nutriva una genuina ammirazione era Pablo Picasso.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

2 risposte a RUFINO TAMAYO ( Oaxaca, 1899 – Città del Messico, 1991 ) è un famoso pittore messicano che fonde l’arte moderna con la cultura popolare messicana – fonti varie + Repubblica, 25-06-1991

  1. ueue scrive:

    Grande la forza espressiva di queste opere.

  2. mariapia scrive:

    ripeto il commento di ueue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.