ANSA.IT –12 MAGGIO 2022 -19.03 :: Ucraina, ‘Sale il rischio di scontro Russia-Nato’. Azov: ‘Evacuati i civili che erano con noi’. La denuncia dei combattenti ucraini nell’acciaieria: “I russi bloccano le uscite da Azovstal”

 

ANSA.IT –12 MAGGIO 2022 -19.03

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/05/12/ucraina-mosca-zelensky-pronto-a-parlare-con-putin-ma-no-ultimatum_2d0a8cee-dda8-4bbf-966f-676375e9cddc.html

Ucraina, ‘Sale il rischio di scontro Russia-Nato’. Azov: ‘Evacuati i civili che erano con noi’.

La denuncia dei combattenti ucraini nell’acciaieria: “I russi bloccano le uscite da Azovstal”

 


Un incendio alla periferia di Kiev

 


Azovstal

 


In una foto delle Forze Armate Ucraine, carri armati russi attaccati dalla difesa ucraina mentre cercando di attraversare il fiume Seversky Donets

 


La regione di Kharkiv in una foto dell’11 maggio

 

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un’intervista a Porta a Porta ha detto di essere pronto a parlare con il leader russo Putin ma senza ultimatum e ha ribadito che non dobbiamo cercare una via d’uscita per la Russia.

Zelensky ha poi ringraziato il premier Draghi per aver adottato le sanzioni europee contro la Russia

In Ucraina notte di bombardamenti: le truppe russe hanno colpito il distretto di Kryvyi Rih nella regione di Dnipropetrovsk, nel sudest, usando anche munizioni vietate al fosforo e a grappolo, secondo quanto riferito su Telegram dal capo dell’amministrazione militare, Oleksandr Vilkul, riporta Ukrinform.

Mappa Ucraina - AnnaMappa.com
regione di Dnipropetrovsk ( Dnipro )

 

il distretto di Kryvyi Rih

Intanto le truppe russe stanno bloccando le uscite dai passaggi sotterranei dell’impianto Azovstal di Mariupol.

Mosca continua a chiedere di fermare l’invio di armi a Kiev perché  “aumenta la probabilità di un conflitto aperto e diretto tra Russia e Nato”, ha detto il vice presidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev.

Proprio oggi il presidente e il premier finlandesi hanno annunciato di volere l’adesione alla Nato “senza indugio”.

 

 

video, 0.43

 

L’INTERVISTA DI ZELENSKY A PORTA A PORTA

Non credo che Putin riuscirà a salvare la faccia” e “per quel che riguarda le trattative con la Russia, la questione si complica ogni giorno perché ogni giorno i russi occupano villaggi, perché molte persone hanno lasciato le loro case, sono state uccise dai russi e vedo tracce di torture e uccisioni. Io sono pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum”.

“Noi non dobbiamo cercare una via d’uscita per la Russia – ha proseguito il presidente ucraini – . So che Putin voleva portare a casa qualche risultato ma non lo ha trovato. I russi se ne devono andare e devono rispondere di quello che hanno fatto. Non possiamo accettare compromessi per la nostra indipendenza” ha aggiunto. “L’Ucraina vuole la pace, cose normalissime come il rispetto della sovranità, dell’integrità territoriale, delle tradizioni del popolo, della lingua. Possono essere cose banali ma sono tutte cose violate dalla Russia e che devono essere ripristinate”, ha proseguito Zelensky.

“Non ho mai parlato di riconoscere l’indipendenza della Crimea, non la riconosceremo mai come parte della Federazione russa” ha precisato Zelensky. “Anche prima della guerra – ha aggiunto – la Crimea aveva autonomia, ma è sempre stato territorio ucraino. Noi abbiamo detto che siamo pronti a parlare con la Russia. Ora non possiamo deliberare una decisione sulla Crimea perché c’è la guerra, la lasciamo da parte se ostacola l’incontro e credo che questa proposta sia stata giusta”.

Zelensky infine ha detto di essere “molto grato a Mario Draghi e felice che l’Italia abbia adottato le sanzioni europee”.

Le forze armate russe “sono quattro volte più grandi, il loro Stato è otto volte più grande, ma noi siamo dieci volte più forti come persone perché siamo sulla nostra terra. Per noi la vittoria è solo restituire le cose nostre, per loro è rubare qualcosa degli altri. Non siamo in condizioni di parità, la Russia è più forte, ma il mondo è unito intorno a noi, e sentiamo che passo dopo passo stiamo riuscendo. Quindi Draghi ha ragione, noi possiamo vincere perché stiamo combattendo per la verità e non siamo da soli”.

 

I BOMBARDAMENTI

Un attacco in mattinata anche su Zelenodolsk, sempre nell’oblast di Dnipropetrovsk, con sistemi lanciarazzi multipli MLRS, spiega Vilkul precisando che un civile è rimasto ucciso e un altro è stato ferito.

Mappa dell'Ucraina: la cartina del conflitto con la Russia del 25 febbraio - la RepubblicaChernihiv, nel nord est–quasi ai confini con la Bielorussia e vicinissima alla Russia
MAPPA REPUBBLICA

 

Nella notte, ancora, un aereo russo ha colpito Novgorod-Siversky nella regione di Chernihiv, nel nord est, ha annunciato il capo dell’amministrazione militare regionale Vyacheslav Chaus su Telegram, secondo quanto riferisce Ukrinform. Tre persone sono morte e 14 sono rimaste ferite, secondo l’agenzia ucraina Unian citando l’amministrazione comunale di Novgorod-Siversky.

 

Ucraina, Dario Fabbri: "Ecco perché i russi hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhzhia"Zaporizhzhia– cartina la 7

 

“Questa mattina le truppe russe hanno lanciato un missile da crociera sulla città di Zaporizhzhia”, riferisce l’amministrazione militare regionale su Telegram, precisando che “secondo le prime informazioni, un edificio privato è in fiamme”. Non è specificato, aggiungono i media ucraini, se il missile abbia colpito la città o sia stato stato abbattuto dalla difesa aerea.

 

LA SITUAZIONE NELL’ACCIAIERIA AZOVSTAL

“Se parliamo della fabbrica Azovstal, i civili di cui eravamo a conoscenza, i civili che erano con noi, i civili di cui ci prendevamo cura, non sono più con noi. Sono riusciti a lasciare l’impianto”. Lo ha detto alla Cnn il capitano Svyatoslav Palamar, vicecomandante del reggimento Azov, che nei giorni scorsi aveva riferito di un centinaio di civili ancora nell’acciaieria di Mariupol, nonostante Kiev e Mosca avessero confermato il completamento delle evacuazioni. “Magari c’è qualcun altro ancora più giù, perché nessuna organizzazione internazionale è mai riuscita a entrare e valutare la situazione”, ha comunque aggiunto Palamar.

Le truppe russe stanno bloccando le uscite dai passaggi sotterranei dell’impianto Azovstal di Mariupol.

Lo afferma il consigliere del sindaco di Mariupol Petro Andriushchenko su Telegram, citato da Ukrinform.

“L’obiettivo principale dell’esercito russo è bloccare le uscite dai passaggi sotterranei, che sono stati indicati al nemico da un traditore. Tuttavia, i difensori di Mariupol stanno facendo tentativi di contrattacco, rischiando tutto. Non ci sono parole per descrivere l’eroismo dei difensori di Mariupol”, ha scritto Andriushchenko.

Secondo Andriushchenko, che ha postato un video aereo ravvicinato sull’acciaieria, “i droni russi sono uno dei problemi più grandi. Se ci fosse stato un modo per abbatterli, le cose sarebbero state molto più facili per i difensori di Mariupol”.

Nei giorni scorsi l’Ucraina ha proposto a Mosca di rilasciare i prigionieri di guerra russi in cambio dell’evacuazione dei militari ucraini gravemente feriti dall’impianto di Azovstal. Secondo il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk, al momento è impossibile sbloccare l’acciaieria con mezzi militari, mentre le unità militari ucraine non intendono arrendersi.

 

video, 0.41

 

 

Vitali Klitschko, chi è l'ex pugile sindaco di Kiev e chi è il fratello gemellofoto –  True-News.it

 

IL SINDACO DI KIEV

“Purtroppo oggi non possiamo garantire la sicurezza di ogni residente. Ogni angolo dell’Ucraina, ogni città e paese, è minacciato mentre la Russia continua la sua barbara guerra contro il nostro Paese”, dice il sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko, in un post su Telegram con una sua intervista alla Cnn in cui gli viene chiesto se gli abitanti di Kiev che che hanno lasciato la città possono già tornare a casa. Nell’intervista Klitschko spiega che “senza dubbio” la capitale è per i russi il “principale obiettivo” e si dice “preoccupato” che Putin possa usare armi nucleari.

LA RUSSIA

“Riempire l’Ucraina di armi dei Paesi Nato, addestrare le sue truppe all’uso di equipaggiamenti occidentali, schierare mercenari e tenere esercitazioni ai confini aumenta la probabilità di un conflitto aperto e diretto tra Russia e Nato”.

Lo ha detto il vice presidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, secondo quanto riportano Tass e Interfax, aggiungendo che “un simile conflitto ha sempre il rischio di trasformarsi in una guerra nucleare totale. Sarebbe uno scenario disastroso per tutti”.

La Russia darà “la risposta più risoluta” se qualcuno deciderà di “interferire nell’operazione speciale militare” di Mosca in Ucraina, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass. Peskov ha riconosciuto che gli Usa, come la Russia, stanno “cercando di evitare uno scontro diretto tra Mosca e la Nato”. Tali assicurazioni, ha aggiunto Peskov, sono state date da Mosca, Bruxelles, e, “ciò che è più importante, da Washington”, compreso il presidente Biden, riferiscono le agenzie russe.

 

Le sanzioni imposte alla Russia sono in gran parte responsabili di una crisi economica globale, ha detto il presidente Vladimir Putin citato dalla agenzie russe. Le sanzioni antirusse, conseguenza dalle “ambizioni politiche miopi” dei leader occidentali e dalla loro “russofobia”, danneggiano maggiormente proprio le economie dei Paesi che le adottano e “il benessere dei loro cittadini” e provocano “una crisi globale”. ha detto ancora Putin, citato dalla Tass, in una riunione di responsabili dell’economia.

 

 

L’ATLANTIC COUNCIL A WASHINGTON

Il primo galà del Consiglio Atlantico ha onorato il primo ministro italiano Mario Draghi, l’imprenditore Claudio Descalzi e la cantante ucraina Jamala, con un messaggio speciale del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.
da : 
https://www.atlanticcouncil.org/blogs/new-atlanticist

 

Applausi e standing ovation per il presidente ucraino Volodymyr Zelensky alla serata dell’Atlantic Council a Washington, dove ha inviato un messaggio videoregistrato in occasione della premiazione del premier Mario Draghi per la sua leadership politica, insieme al ceo di Eni Claudio Descalzi per la sua leadership imprenditoriale.

 

video, 0.75
Zelensky: ‘Nuovi fondi Usa per sostegno all’Ucraina e alla democrazia globale’

 

“L’Ucraina ha bisogno di un piano Marshall per la ricostruzione”, ha proposto il premier Mario Draghi nel suo discorso per il premio dell’Atlantic Council.

Secondo la speaker della Camera americana, Nancy Pelosi, “la lotta per la libertà in Ucraina è una lotta per la libertà nel mondo e gli Usa sono pronti a fare la loro parte”.

Von der Leyen a Tokyo: "La Russia è una minaccia mondiale" - tag24.it

foto : Tag24.it


VON DER LEYEN A TOKYO

La Russia è la “minaccia più diretta” all’ordine internazionale a causa della sua invasione dell’Ucraina: così da Tokyo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “Questo mi porta in Russia. Oggi è la minaccia più diretta all’ordine mondiale con la guerra barbara contro l’Ucraina, ed ha un patto preoccupante con la Cina”, ha detto dopo aver incontrato il primo ministro giapponese Fumio Kishida insieme al presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Ucraina, Kuleba: "L'unica via per la pace è ripristinare la sovranità"foto : Cronachedi

 

IL MINISTRO KULEBA ALL’UE: RISERVATE UN POSTO PER NOI

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba chiede all’Ue “di riservare un posto per l’Ucraina”. È quello che ha detto rispondendo ad un’intervista della tv Ard a Berlino, dove è arrivato oggi per partecipare al G7 dei ministri degli Esteri nello Schleswig-Holstein.

“Noi non parliamo di un ingresso veloce come membri dell’Ue, ma riteniamo molto importante che all’Ucraina venga riservato un posto”. “Sentiamo dire tante volte che l’Ucraina appartiene all’Europa”, ha concluso.

 

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a ANSA.IT –12 MAGGIO 2022 -19.03 :: Ucraina, ‘Sale il rischio di scontro Russia-Nato’. Azov: ‘Evacuati i civili che erano con noi’. La denuncia dei combattenti ucraini nell’acciaieria: “I russi bloccano le uscite da Azovstal”

  1. Chiara Salvini scrive:

    chiara : che i militari ancora rinchiusi, con le uscite bloccate dai russi, non vogliano arrendersi – dice la vice primo ministra ucraina Iryna Vereshchuk ( vedi nel testo, sotto Azovstal ) è contraddetto dai tanti appelli fatti da vari comandanti dell’Azov che si sono rivolti anche al Papa perché li salvi: loro non vogliono arrendersi perché dicono di non fidarsi dei russi, e morire per morire.. E’ stato anche detto che cercare di salvarli – con l’esercito ucraino – costerebbe la morte di troppi uomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.