TG LA 7, 20.00 pochi minuti +++ NEW YORK TIMES, 20 MAGGIO 2022 :: Bucha, i video inediti del New York Times: “Ecco le prove del massacro”

 

LA 7 – TG ore 20.00 —

minuto : 15.27  al minuto 16.54 dà notizia della pubblicazione del New York Times

 

 

VIDEO NEW YORK TIMES  – 20 MAGGIO 2022

Bucha, i video inediti del New York Times: “Ecco le prove del massacro”

Alcuni video, ottenuti dal New York Times, mostrano come le forze paracadutiste russe abbiano catturato e giustiziato un gruppo di civili ucraini a Bucha, nei dintorni di Kiev, lo scorso 4 marzo. Nel primo video, registrato da una telecamera di sicurezza, i civili attraversano una strada in fila indiana sotto la minaccia di due militari armati. Tra gli uomini in ostaggio ce n’è uno con una maglia azzurra. Nel secondo video, ripreso da una casa vicina, quel gruppo di ostaggi viene fatto inginocchiare nel cortile di un edificio, anche lì si vede l’uomo con la maglietta azzurra. Secondo la ricostruzione del New York Times, i militari russi avrebbero condotto, a questo punto, i civili dietro il palazzo, uccidendoli, dopodiché si sono allontanati, come si vede nella terza  sequenza in cui il plotone e un carro armato attraversano le strade di Bucha. Consapevoli delle loro azioni, sparano, come si vede , alle teelcamere di sicurezza nel tentativo di cancellare le prove. Le tracce del loro eccidio restano tuttavia sul terreno, lo prova, a conferma della ricostruzione, la quarta sequenza catturata dal drone e ingrandita, in cui si vedono i corpi senza vita degli uomini uccisi, tra cui ben riconoscibile quello dell’ uomo con una t-shirt azzurra. Ulteriori prove sono in alcune foto pubblicate sempre dal New York Times, in cui si vedono i corpi a terra, dei trucidati, tra cui quello dell’uomo con la maglietta azzurra.

testo da Repubblica, 20 maggio 2022

 

Video NYTimes

 

Le riprese delle telecamere a circuito chiuso, ottenute dal Times, mostravano soldati russi che guidavano un gruppo di prigionieri ucraini verso il cortile dove sarebbero stati giustiziati pochi istanti dopo, il 4 marzo.

 

 

BUCHA, Ucraina — È l’ultima volta che gli uomini vengono visti vivi: in due video, paracadutisti russi li fanno marciare sotto tiro lungo una strada a Bucha, un sobborgo di Kiev. Alcuni dei prigionieri ucraini sono ingobbiti, tenendo le cinture di quelli davanti a loro. Altri hanno le mani sopra la testa. “Cammina a destra, puttana”, ordina loro uno dei soldati.

I video, filmati il ​​4 marzo da una telecamera di sicurezza e da un testimone in una casa vicina e ottenuti dal New York Times, sono la prova più evidente che gli uomini fossero sotto la custodia delle truppe russe pochi minuti prima di essere giustiziati.

“Gli ostaggi giacciono lì, contro il recinto”, dice la persona che filma uno dei video. Conta: “Uno, due, tre, certo, quattro, cinque, sei…” In totale sono trattenute nove persone.

Gli uomini sono costretti a terra, incluso uno che indossa una caratteristica felpa con cappuccio blu brillante.

Il video finisce. Ma otto testimoni hanno raccontato al Times cosa è successo dopo. I soldati hanno preso gli uomini dietro un vicino edificio per uffici che i russi avevano preso in consegna e trasformato in una base improvvisata. Ci sono stati degli spari. I prigionieri non sono tornati.

Un video di drone girato il giorno dopo, il 5 marzo, ottenuto anche dal Times, è la prima prova visiva che conferma i resoconti dei testimoni oculari. Mostrava i cadaveri che giacevano a terra accanto all’edificio degli uffici in via Yablunska 144 mentre due soldati russi stavano di guardia accanto a loro. Tra i corpi era visibile un lampo di blu brillante: il prigioniero con la felpa blu.

 

Cliff Levy @cliffordlevy

 

 

Il video finisce. Ma otto testimoni hanno raccontato al Times cosa è successo dopo. I soldati hanno preso gli uomini dietro un vicino edificio per uffici che i russi avevano preso in consegna e trasformato in una base improvvisata. Ci sono stati degli spari. I prigionieri non sono tornati.

Un video di drone girato il giorno dopo, il 5 marzo, ottenuto anche dal Times, è la prima prova visiva che conferma i resoconti dei testimoni oculari. Mostrava i cadaveri che giacevano a terra accanto all’edificio degli uffici in via Yablunska 144 mentre due soldati russi stavano di guardia accanto a loro. Tra i corpi era visibile un lampo di blu brillante: il prigioniero con la felpa blu.

 

Il filmato dei droni girato per l’esercito ucraino e ottenuto da The Times mostrava soldati russi in piedi accanto ai corpi degli uomini un giorno dopo l’esecuzione.

 

Una fotografia dei corpi degli uomini giustiziati che giacevano in un cortile, alcuni con le mani legate, faceva parte di una serie di immagini che hanno ricevuto l’attenzione globale all’inizio di aprile dopo che le forze russe si sono ritirate da Bucha. I leader russi ai massimi livelli hanno ripetutamente negato le irregolarità a Bucha e descritto le immagini come una ” provocazione e fake “.

Ma un’indagine di una settimana del Times fornisce nuove prove – inclusi i tre video – che i paracadutisti russi hanno radunato e giustiziato intenzionalmente gli uomini fotografati nel cortile, coinvolgendo direttamente queste forze in un probabile crimine di guerra. I ministeri degli affari esteri e della difesa russi non hanno risposto alle richieste di commento sui risultati del Times.

 

Una fotografia scattata il 3 aprile ha mostrato la scena in via Yablunska 144, dove le forze russe hanno giustiziato un gruppo di uomini.

Credito…Vadim Ghirda/Stampa Associata
Una fotografia scattata il 3 aprile ha mostrato la scena in via Yablunska 144, dove le forze russe hanno giustiziato un gruppo di uomini.

 

Per scoprire cosa è successo a questi uomini, il Times ha trascorso settimane a Bucha intervistando un sopravvissuto, testimoni, coroner, polizia e funzionari militari. I giornalisti hanno raccolto video inediti del giorno dell’esecuzione, alcune delle uniche prove finora per tracciare i movimenti finali delle vittime. Il Times ha perlustrato i social media alla ricerca di segnalazioni di persone scomparse, ha parlato con i familiari delle vittime e, per la prima volta, ha identificato tutti gli uomini giustiziati e il motivo per cui la maggior parte di loro è stata presa di mira.

Erano mariti e padri, negozi di alimentari e operai che vivevano una vita civile ordinaria prima della guerra. Ma con le restrizioni agli uomini che lasciavano il paese, insieme alla determinazione di proteggere le loro comunità, la maggior parte degli uomini si unì a varie forze di difesa nei giorni prima di essere uccisi. Quasi tutti vivevano a pochi passi dal cortile in cui sarebbero poi sdraiati i loro corpi.

 

 

QUESTA RICERCA DEL NEW YORK TIMES PROSEGUE NEL LINK SOTTO:

CLIC CON IL DESTRO SULLA FOTO E HAI LA COPIA  DEL LINK DEL GIORNALE

 

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.