La basilica di Sant’Antioco, ex cattedrale di Bisarcio, è una delle più grandi chiese romaniche della Sardegna. Si trova sopra la piana di Chilivani nel comune di Ozieri.

 

Othieri coro meu, deu meu..: Piana di Chilivani

PIANA DI CHILIVANI–OZIERI

 

STRAGE DI CHILIVANI DEL 1995

https://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_Chilivani

 

cartina-linguistica-della-sardegna

 

OZIERI, sulla diagonale tra Sassari e Nuoro, all’altezza di Alghero sulla sinistra,  dovrebbe essere nel Luogodoro.
CARTINA : https://www.logudorolive.it/logudoro-luogo-doro-o-luogo-comune/

 

 

Sardegna – Mappa

 

 

LE REGIONI DELLA SARDEGNA DOPO LA RIFORMA DEL 2016

 

Ozieri – Veduta
Ozieri – Veduta
Gianni Careddu – Opera propria

 

 

 

DA : https://flaniereninsardegna.com/centro-storico-di-ozieri/

 


COPULETTE DI OZIERI DOLCI ALLE MANDORLE VELOCI

 

SOSPIRI DI OZIERI DOLCI SARDI alle mandorle dolcetti della sposa

Sospiri di Ozieri i dolci tradizionali sardi alle mandorleI SOSPIRI DI OZIERI  — DOLCI ALLE MANDORLE -. GLASSATI AL CIOCCOLATO

 

 

Basilica Sant'Antioco di Bisarcio Ozieri SS Dji phantom 4 - YouTube

La basilica di Sant’Antioco, ex cattedrale di Bisarcio, è una delle più grandi chiese romaniche della Sardegna. L’edificio monumentale si trova isolato su un’altura di origine vulcanica in un sito campestre non lontano da Chilivani, nel territorio del comune di Ozieri.

 

video, 1.33  – mostra la posizione isolata della chiesa

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (04).JPG

Gianni Careddu – Opera propria

 

 

Veduta della torre e dell’abside
Sailko – Opera propria

 

 

Interno–
Sailko – Opera propria

 

 


Sant’Antioco di Bisarcio (Ozieri)- Veduta della chiesa e delle rovine del convento
Fpittui di Wikipedia in italiano

 

Il monumento è raggiungibile percorrendo la statale 597, a metà strada tra Ardara e Tula. Il sito campestre in cui sorge la chiesa risulta molto isolato e ciò, unito alla bellezza dell’edificio, conferisce particolare fascino al luogo.

Sul piano artistico e architettonico la cattedrale di Bisarcio si presenta come il connubio dell’opera delle varie maestranze che vi lavorarono; infatti vi si trovano elementi riferibili al romanico pisano, al romanico lombardo e maestranze francesi di origine borgognona introdotte in Sardegna dai cistercensi.

 

Il portico addossato alla facciata, ispirato a modelli francesi, si sviluppa su due piani; nel piano inferiore, ricco di decori scultorei, si aprono tre archi a tutto sesto, i due laterali inglobanti una bifora (murata quella di sinistra, quella di destra invece è ornata, alla base della colonnina, da un leone stiloforo molto consunto), mentre dall’arco centrale si accede al nartece, che si sviluppa in sei campate voltate a crociera e sostenute da pilastri cruciformi. Alla parete destra del nartece si trova una ripida scala, che conduce al piano superiore dove si trovano tre ambienti, di cui quello centrale, dotato di altare, fungeva da cappella privata del vescovo di Bisarcio. Dietro l’altare si trova una bifora che si apre verso l’interno della cattedrale; ai lati della bifora si notano due losanghe decorative, presenti anche nel muro esterno dell’abside, tipiche del romanico pisano. L’ambiente a destra ospita un caratteristico caminetto a forma di mitria.

Dal nartece si accede all’interno della chiesa, a tre navate divise da colonne e con abside semicircolare orientata. La navata centrale ha copertura a capriate lignee, mentre le navate laterali sono suddivise in campate voltate a crociera. La luce soffusa che mantiene in penombra l’interno della cattedrale entra tramite le alte e strette monofore, sei disposte su ciascun lato più quella aperta nell’abside e due all’estremità delle navate laterali.

La chiesa è affiancata sul lato sud da una torre campanaria, attualmente mozza in seguito a un crollo avvenuto in epoca imprecisata. La torre, a canna quadra, e ornata da lesene e archetti pensili, che scandiscono anche i fianchi e il prospetto absidale della chiesa

da :
https://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_di_Sant%27Antioco_di_Bisarcio

 

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (02).JPGGianni Careddu – Opera propria

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (06).JPG

 

 

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (08).JPG

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (10).JPG

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (11).JPG

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (24).JPG

 

 

Ozieri - Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio (25).JPG

foto sopra : Gianni Careddu – Opera propria

 

 

Sant'antioco di bisarcio, abside.JPGSailko – Opera propria

 

 

Sant'antioco di bisarcio, facciata 01.JPG

 

 

Sant'antioco di bisarcio, facciata 05.JPG

 

 

 

 

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, facciata 06.JPG

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, facciata 07.JPG

 

 

Sant'antioco di bisarcio, facciata 11.JPG

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, porta laterale, 01.JPG

 

 

Sant'antioco di bisarcio, resti dell'episcopio 01.JPG

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, resti dell'episcopio 02.JPG

 

 

Sant'antioco di bisarcio, resti dell'episcopio 03 fico d'india.JPG

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, veduta 01.JPG

 

 

 

Sant'antioco di bisarcio, veduta 07.JPG

 

opere sopra :

Sailko – Opera propria

 

DA:

https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Sant%27Antioco_di_Bisarcio_(Ozieri)?uselang=it#/media/File:Sant’antioco_di_bisarcio,_veduta_07.JPG

 

 

UN ARTICOLO BEN FATTO CON BELLE FOTO::

 

 

 

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La basilica di Sant’Antioco, ex cattedrale di Bisarcio, è una delle più grandi chiese romaniche della Sardegna. Si trova sopra la piana di Chilivani nel comune di Ozieri.

  1. ueue scrive:

    Che capolavoro questa chiesa, frutto di maestranze di diversa origine.

  2. Anna Chiscuzzu scrive:

    Sardegna non solo natura, ma anche storia di uomini che l’hanno rispettata. Uomini che di fronte a tanta bellezza hanno messo a tacere la loro presunzione.
    Anna e Alberto

    • Chiara Salvini scrive:

      carissimi artisti ( famiglia ), non sapete il piacere che mi date a venirmi a trovare nel mio scagno ! Perché non vi fermate un po’ a ciacolare insieme, ma ci vedremo presto, ciacole e abbracci .. promessi per ora, grazie grazie, ch.brù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.