Mangino Brioches @manginobrioches – 17.76 — 9 maggio 2022 -PEPPINO IMPASTATO —- grazie !

 

Peppineddu, come ti portavi sulle spalle strette, sul corpo siccu siccu, tutto il peso di quella lotta coi mostri. Peppineddu, che mala morti ti ficiru fari. Peppineddu diglielo, che sei vivo e sei grande, e ti vulimu beni. Assai.
#PeppinoImpastato

 

Immagine

 

Palermo, Peppino Impastato: il casolare in cui venne ucciso diventerà bene pubblico - Corriere.it

foto corriere.it

 

 

 

ANSA.IT  — 9 maggio 2022 –18.03

https://www.ansa.it/sicilia/notizie/2022/05/09/mafia-corteo-a-terrasini-in-ricordo-di-peppino-impastato_5e9be4d3-898d-4a12-8a7d-a434787ca5b2.html

Mafia: corteo a Terrasini in ricordo di Peppino Impastato.

Da Radio Aut a Casa Memoria per anniversario uccisione

 

ANSA) – TERRASINI, 09 MAG – Si torna a sfilare per le vie di Terrasini e Cinisi nel nome di Peppino Impastato.

Dopo la pandemia e le restrizioni degli anni passati un lungo corteo questo pomeriggio partito da Radio Aut a Terrasini per arrivare a Casa Memoria a Cinisi.

Una manifestazione accompagnata dalla musica dei Centopassi e con tanti striscioni e bandiere rosse per il 44/esimo anniversario dell’uccisione di Peppino Impastato, militante di Democrazia proletaria, candidato al consiglio comunale di Cinisi, fatto saltare in aria con il tritolo nel giorno in cui doveva tenere il suo ultimo comizio elettorale. “La mafia uccide il silenzio pure”, “Con le idee e il coraggio di Peppino noi continuiamo”. Sono alcuni dei messaggi che si leggono lungo il corteo che dal centro di Terrasini è arrivato fino a Cinisi. (ANSA).

 

 

Mappa MICHELIN Terrasini - Pinatina di Terrasini ViaMichelin

TERRASINI E CINISI

 

 

 

 

ANSA.IT / LEGALITA’

https://www.ansa.it/legalita/static/bio/impastato.shtml

Giuseppe Impastato

Giuseppe ImpastatoGiuseppe Impastato

Giuseppe Impastato nasce a Cinisi, in provincia di Palermo, il 5 gennaio 1948, da una famiglia mafiosa (il padre Luigi era stato inviato al confino durante il periodo fascista, lo zio e altri parenti erano mafiosi e il cognato del padre era il capomafia Cesare Manzella, ucciso in un agguato nella sua Giulietta imbottita di tritolo nel 1963).

Dal 1968 in poi partecipa alle attività dei gruppi di Nuova Sinistra, e  alle lotte dei contadini espropriati per la costruzione della terza pista dell’aeroporto di Palermo.
Nel 1976 fonda Radio Aut, radio libera con cui denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, e in primo luogo del capomafia Gaetano Badalamenti. Il programma più seguito era Onda pazza, trasmissione satirica con cui sbeffeggiava mafiosi e politici.

Nel 1978 si candida nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali. Viene assassinato nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978, con una carica di tritolo posta sotto il corpo messo sui binari della ferrovia. Gli elettori di Cinisi votano il suo nome, riuscendo ad eleggerlo al Consiglio comunale. Il delitto viene etichettato come atto terroristico in cui l’attentatore sarebbe rimasto vittima.

Immagine

CORRIERE.IT — 19 MAGGIO 1978-

DA : Giuliano Granato  @Giul_Granato- 10.29 – 9 maggio 2022

 

segue :

I fratello Giovanni e la madre Felicia Bartolotta Impastato, insieme ai compagni di militanza di Giuseppe individuano la matrice mafiosa del delitto. Nel 1996 il collaboratore della giustizia Salvatore Palazzolo, indica in Badalamenti il mandante dell’omicidio e il suo vice Vito Palazzolo come esecutore. L’inchiesta viene formalmente riaperta. Nel novembre del 1997 viene emesso un ordine di cattura per Badalamenti, incriminato come mandante del delitto.  Il 5 marzo 2001 la Corte d’assise ha riconosciuto Vito Palazzolo colpevole e lo ha condannato a 30 anni di reclusione. L’11 aprile 2002 Gaetano Badalamenti è  condannato all’ergastolo.

 

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Mangino Brioches @manginobrioches – 17.76 — 9 maggio 2022 -PEPPINO IMPASTATO —- grazie !

  1. ueue scrive:

    Mi ha sempre impressionato il coraggio di quest’uomo, che ha condotto una battaglia quasi disperata in un mondo particolarmente chiuso, pieno di paura e impregnato di mafia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.