ORE 22:36 gilberto corbellini (post sg.) : PERCHE’ NO? IL NODO DEL DOLORE IN UNO STATO DI COSCIENZA COMPROMESSO–+++INTERESSANTE —anche per le nuove possibilità che apre al diritto alla vita e al diritto alla morte—sempre una scelta della persona precedente questo stato—

 

 

ILSOLE24ORE.COMNotizie Mondo ARCHIVIO

PERCHÈ NO / Il nodo del dolore in uno stato di coscienza compromesso

di Gilberto Corbellini

COMMENTI – 2 |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
5 FEBBRAIO 2010

 

Lo studio che analizza mediante risonanza magnetica funzionale l’attività cerebrale di 23 pazienti in stato vegetativo, e di 31 in stato di coscienza minima è importante sotto diversi aspetti. In primo luogo, ha confermato che nel cervello di una persona a cui viene diagnosticata la mancanza di coscienza, ovvero si trova in stato vegetativo, ci sono alcune aree che possono attivarsi a fronte di stimoli esterni. In secondo luogo, lo studio ha dimostrato, per la prima volta, che un paziente in stato vegetativo può modulare l’attività cerebrale per comunicare con gli sperimentatori. Si è anche visto che quasi tutti i pazienti con stato di coscienza minima non riuscivano a eseguire i compiti richiesti dagli sperimentatori. Le ricadute pratiche dello studio, e di altri che seguiranno, riguarderanno la possibilità di migliorare le diagnosi di queste condizioni neurologiche, che sono così difficili, soprattutto per quanto riguarda il grado di affidabilità delle risposte di questi pazienti alle indagini per stabilire in che misura alcuni comportamenti sono semplicemente dei riflessi o sono atti volontari. Se e quando fosse possibile addestrare un paziente a comunicare attraverso la modulazione volontaria del cervello, si potrebbero avere informazioni su ciò che egli prova in quello stato, nonché coinvolgerlo in prima persona in decisione cliniche che lo riguardano.
Lo studio tende anche a confermare quanto previsto da alcune teorie della coscienza, e in questo senso è poco rassicurante. Se, come pensano alcuni neuroscienziati, la coscienza non è un’attività che c’è o non c’è, ma qualcosa che cambia qualitativamente in funzione dei gradi di integrazione di diverse e specifiche aree del cervello che si scambiano segnali, allora i traumi cerebrali che disintegrano le connessioni riducono la qualità della coscienza personale. E tale riduzione dipende dall’entità del danno. E la domanda diventa: che cosa vuol dire essere privi di un grado di coscienza che consente di interagire col mondo esterno, ma permette di rispondere anche intenzionalmente a qualche stimolo? Questo nessuno lo sa. Così come nessuno può negare che questo stato possa costituire una sofferenza, che peraltro non ci si preoccupa di alleviare perché il senso comune assume che se non c’è coscienza, non c’è dolore. Ebbene, proviamo a pensare a quello che ognuno di noi sperimenta quando viene svegliato all’improvviso da un sonno profondo. Il tempo che il cervello impiega a integrare i segnali per renderci consapevoli di dove ci troviamo e di quello che dobbiamo dire o fare è circa 20-30 secondi. In quel frangente non sappiamo dove ci troviamo e persino chi siamo, nonché proviamo un intenso panico per il senso di spaesamento. Fosse mai che gli stati di disintegrazione della coscienza, che cominciano a essere portati alla luce dalle neuroscienze producessero qualcosa del genere, bisognerebbe ripensare l’atteggiamento che sta prevalendo in Italia rispetto alle direttive anticipate. Perché obbligare una persona in stato vegetativo a rimanere biologicamente in vita attraverso l’idratazione e alimentazione artificiali, che secondo la legge in discussione non possono essere rifiutate, potrebbe significare condannarla a una tortura infernale.

5 FEBBRAIO 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI 

5 VOTI

Stampa l'articoloInvia l'articoloDiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
SCRIVI UN COMMENTO

COMMENTI: 2

INIZIO -- - 1di 1    - -- FINE
2. mistha Kurtz |  06-02-2010 – 09:53:45h

perché non pubblicate i miei commenti? é censura o dilettantismo?

1. mistha Kurtz |  05-02-2010 – 21:24:02h

“Fosse mai che gli stati di disintegrazione della coscienza, che cominciano a essere portati alla luce dalle neuroscienze producessero” uno stato di estasi come quello di alcuni masticatori di peyote messicano potrebbero scrivere tutti articoli scientificamente fondati sul “fosse mai” (sul nulla)

INIZIO -- - 1di 1    - -- FINE
SCRIVI IL TUO COMMENTO:
Nome* (min 3 lettere): Saranno accettati i primi 1000 caratteri (Testo minimo: 10 caratteri)
Email*:
WebPage / Blog:
info 

Mostra i miei dati

Copia il codice*: 
Caratteri disponibili: 

* Campi obbligatori
Leggi le condizioni:
Accetta le condizioni

MutuiOnline – Mutui Casa
Confronta i mutui di 59 banche. Calcola il tuo preventivo in 30 sec mutuionline.it/Mutui-CasaConfronto Conti Deposito
Scopri le offerte di 50 banche. Scegli con ConfrontaConti! confrontaconti.it/Conti-DepositoFilm Da Vedere Gratis
Guarda un Film dal Tuo Divano! Film Trailer, Orari con Film Fanatic download.filmfanatic.com/FilmCerchi Cameriera ?
Cameriera Smart quando serve a Te Abile, Agile, Garantita da Umana ! www.umana.it/Cerco-Cameriera


L’informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
L’informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.