VISSI D’ARTE, VISSI D’AMOR, NON FECI MAI MALE AD ANIMA VIVA…LA TOSCA DI MARIA CALLAS // e poi di Giacomo Puccini, Illica, Giacosa…

 

 

 

Vissi d’arte, vissi d’amore, non feci mai male ad anima viva!

Con man furtiva

quante miserie conobbi aiutai.

Sempre con fè sincera

la mia preghiera

ai santi tabernacoli salì.

Sempre con fè sincera

diedi fiori agl’altar.

Nell’ora del dolore

perché, perché, Signore,

perché me ne rimuneri così?

Diedi gioielli della Madonna al manto, e diedi il canto agli astri, al ciel,

che ne ridean più belli.

Nell’ora del dolor

perché, perché, Signor,

ah, perché me ne rimuneri così?

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a VISSI D’ARTE, VISSI D’AMOR, NON FECI MAI MALE AD ANIMA VIVA…LA TOSCA DI MARIA CALLAS // e poi di Giacomo Puccini, Illica, Giacosa…

  1. Chiara Salvini scrive:

    chiara: sono ancora qui, per dire che chiara si è sbagliata a parlare di ” Hymne à l’amour ” per la poesia precedente (anche se non è in versi) di MGP ” Solo con gli occhi…”; questa di Puccini è la canzone d’amore sottesa, questo è il braccio che si leva a chiedere: ” Chiunque tu sia, ” perché me ne rimuneri così ?”—però questo vale solo per questa musica cantata da Maria Callas…vi metterò un altro soprano, che credo noto a tutti…che ha un video, si vedono persino Obama e Signora al Teatro di Washington ed una giovanissima vecchietta che vale il video…ma lei, Angela Georghiu (mi pare), che canta è bella giovane ma è un pezzo di legno…forse non capisce l’italiano che sta cantando…come sapete bene, chiara spesso e volentieri : ” si sbaglia “.

Rispondi a Chiara Salvini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.