LIBERE —FILM DOCUMENTARIO DI ROSSELLA SQUILLACI::: FEMMINISMO / RESISTENZA—LABO 80—25 APRILE 2017

 

Rossella Schillaci

ROSSELLA SQUILLACI NASCE NEL 1973 A TORINO

” LIBERE ” ESCE NELLE SALE IN QUESTO 25 APRILE 2017

 

 

 

Musica di Giorgio Canali. Con una registrazione inedita di Milva che canta “Oltre il ponte”.
DA PARTIGIANE VIVONO LA PARITÀ NEL LAVORO E NELLA FAMIGLIA , LA LIBERTÀ SESSUALE. IL DOPOGUERRA VEDE UNA “RESTAURAZIONE” MASCHILE DIFFICILE DA ACCETTARE.
Tutti avevamo paura, ma il coraggio sta precisamente nell’andare avanti lo stesso anche se si ha paura. (Giuliana Gadola Beltrami)
Qual è stato il ruolo delle donne nella Resistenza italiana? Il film racconta, con le voci delle protagoniste, cosa ha significato quel periodo di lotta, combattuta insieme agli uomini ma anche e soprattutto per la loro stessa liberazione.
Attraverso un montaggio suggestivo di film d’archivio, estrapolando un filo narrativo dalle interviste a partigiane, realizzate negli ultimi quarant’anni dall’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza, emerge una precisa visione di quel periodo, “rivissuto” nella memoria e nei ricordi, a cui si fa risalire, per molte di loro, la prima vera nascita del femminismo, dove la lotta è vista anche come emancipazione e ricerca di libertà, dove si acquista una maggiore libertà sessuale e si richiede la parità nel lavoro e nella famiglia.
Cosa è successo dopo i festeggiamenti del 25 aprile 1945? Cosa hanno ottenuto le donne dopo la Liberazione, le aspettative, le promesse sono state mantenute? Le loro riflessioni, a volte amare, portano in luce un pezzo della nostra storia spesso dimenticato. Il film indaga il periodo della Resistenza e gli anni della pace ma anche della “restaurazione” del primo dopoguerra.
DICHIARAZIONI DELLA REGISTA
«Non abbiate paura, non vi faccio ritardare il pranzo, parlerò tre minuti. Avrei voluto che in questo studio storico del CLN si parlasse un momentino dei Gruppi di Difesa della Donna. E debbo confessare che quando sono venuta qui a parlare, ero seccata, perchè dico: ma, proprio io devo venire a parlare delle donne? Tutti gli uomini che hanno parlato prima, forse pensano che parlare delle donne non sia virile? Allora, vorrei, io vorrei, che qualche giovane studente, senza distinzione di sesso, non facciamo discriminazioni, volesse fare oggetto di studio quello che è stato il movimento femminile durante la Resistenza, dall’8 settembre al 25 aprile, per arrivare poi a vedere quella che è stata l’azione delle donne uscite dai Gruppi di Difesa e dai CLN, nelle varie Amministrazioni o nelle posizioni di Governo o di Amministrazione che hanno avuto poi allora».
Inizia così l’intervento (brevissimo) dell’unica donna partigiana che fu chiamata a parlare durante il convegno del CLN tenutosi nel 1965 a Torino, Ada Gobetti.
La registrazione di questo intervento è stata ritrovata negli archivi dell’ANCR e pone prima di tutto una richiesta: quella di fare luce su quanto le donne hanno saputo fare organizzandosi autonomamente durante la Resistenza. E’ una richiesta tutt’ora attuale: nonostante siano trascorsi più di 70 anni, occorre più che mai raccontare la Resistenza dal punto di vista delle donne, senza retorica e senza censure.
Abbiamo deciso di accogliere questo invito e di realizzare un film documentario che parli dell’azione delle donne, ma prestando particolare attenzione alla loro partecipazione politica e sottolineando come il periodo della Resistenza sia stato in realtà il primo momento di risveglio del movimento femminile.
Come dice Giuliana Gadola Beltrami: «Per me il femminismo è nato nella resistenza, perchè hanno cambiato ruolo le donne, nettamente! Tanto è vero che quando io le interrogavo, la mia prima domanda era sempre: “perchè l’hai fatto?”, venivano fuori le risposte più disparate, ma tutte in un certo senso univoche, cioè: l’ho fatto perchè non mi piaceva la vita che facevo, l’ho fatto perchè volevo essere libera. Ciascuna di loro voleva emanciparsi, voleva tirarsi fuori. Voleva precisamente superare il ruolo».
Il film racconta una Resistenza parallela, la Resistenza delle donne, a volte non coincidente nelle diverse motivazioni e modalità d’azione con la Resistenza cui convenzionalmente ci si richiama.
Partendo da interviste filmate a partigiane, realizzate nel corso di un lungo lasso di tempo dalla fine degli anni ’80 a oggi, e quindi a tutti gli effetti oggi oramai materiale d’archivio, si è pensato di lavorarle estraendone solo le voci, e utilizzarle in funzione di una sorta di guida sonora narrativa e tematica, sulle immagini che ci forniscono invece le fonti visive (documenti, fogliettini scritti in fretta a matita, foto, volantini, relazioni, veline, tessere, e naturalmente sequenze di film amatoriali, documentari, cinegiornali).

 

 

NOTA DEL BLOG SU LABO 80 FILM::: http://www.lab80.it/about

 

Lab 80 film è una società cooperativa nata nel 1976 a Bergamo che opera in diversi ambiti: organizza proiezioni e rassegne, distribuisce e produce film, fornisce servizi per la realizzazione e la proiezione di audiovisivi.

Laboratorio 80 è l’associazione di cultura cinematografica più longeva d’Italia. Attiva dal 1956 come Cineforum di Bergamo, Laboratorio 80 si occupa di formazione e didattica cinematografica teorica e pratica, e gestisce l’archivio di filmati amatoriali e di famiglia in Super 8 Cinescatti.
Per sostenere l’associazione, è possibile diventare soci Lab 80, ottenendo riduzioni sui biglietti e altri vantaggi.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.