GIOVEDI’ 4 APRILE 2019 :: OGGI TUTTI GLI AMICI E I COMPAGNI — I PARENTI — DEVONO DIRE ADDIO A FRANCO D’IMPORZANO LASCIANDO CHE LUI PROSEGUA CIRCONDATO DALL’AMORE DI TUTTI…

 

 

nota di chiara :: mentre ho trovato molte foto di Franco D’imporzano, non ne ho trovato nessuna di sua moglie Fina : forse perché si è accontentata di seguirlo con molto amore in ogni sua manifestazione senza mai occupare la scena, lasciandola intera a lui…A lei va tutto il nostro affetto e, anche, la nostra ammirazione… per essere stata capace di essere la grande ” compagna ”  di un artista. Si erano conosciuti a teatro, lei era bravissima a recitare, mi ha detto Donatella…

 

 

giovedì 4 aprile 2019

 

Ciao Franco, buon viaggio.

 

IN GIURNU A SENTIRÒ… di Franco D’Imporzano

 

In giurnu a sentirò a vuuxe d’a marina

e i canti d’amù

che a terra a canta au sé,

a serò fögu

e a l’averò dexideriu

de abrassà tüte e creatüre.

In giurnu, cande a lüüxe

du sù a nu arescirà ciü a inurbìme,

a serò fina mi parte

du misteru che avura u ne circunda.

 

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

 

 

UN GIORNO SENTIRÒ…

Un giorno sentirò la voce del mare

e i canti d’amore

che la terra canta al cielo,

sarà fuoco

ed avrò desiderio

di abbracciare tutte le creature.

Un giorno, quando la luce

del sole non riuscirà più ad accecarmi,

sarò anch’io parte

del mistero che ora ci circonda

 

 

giovedì 1 marzo 2018

BRÜGÀJE      di Franco D’Imporzano

 

S’u l’è vera

che cuntemplandu a Lüna

e staghèndu a sentì a vùuxe du ventu

u se diventa pueti,

u besögna, fina da fiöi,

aviasse a cuntemplà

e a sta a sentì.

U gh’è in besögnu marsu de puesia

ch’a sace dà aria

a tüti i recanti du cö,

ch’a daghe öriu ai ingranagi

de stu véju mundu desandau.

Ciàche calità de vìssiu, marutia, mania,

a l’è sut’ai öji de tüti,

basta gardà,

basta nu fa mustra d’ésse orbi.

U Bèlu, lüüxe du Ben,

u l’è, au cuntrariu, aciatau

cume e viuréte i sun ciatae da l’erba

ch’a e sténze.

E brügaje de teneressa

i nu sun de bon arrecampà,

epüre i existe pé tüti.

Liberi cume u ventu

e felici cume e lòudure…

Bèlu u saréva esse

cume chéla spassina ch’a cantava:

“Du lüssu e du sciaràtu

e stache me ne batu,

cuntenta de gardà

e nivure passà!”.

 

 

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

 

 

BRICIOLE

Se è vero

che contemplando la Luna

e stando ad ascoltare la voce del vento

si diventa poeti,

bisogna, fin da quando si è bambini,

abituarsi a contemplare

e ad ascoltare.

Si avverte un bisogno marcio di poesia

in grado di dare aria

a tutti gli angoli del cuore,

in grado di dare olio agli ingranaggi

di questo vecchio mondo malandato.

Ogni specie di vizio, malattia, mania,

sta sotto gli occhi di tutti,

basta guardare,

basta non fingere di essere ciechi.

Il Bello, luce del Bene,

è, al contrario, nascosto

come le violette sono nascoste dall’erba

che le soffoca.

Le briciole di tenerezza

non sono facili da raccogliere,

eppure esistono per tutti quanti.

Liberi come il vento

e felici come le allodole…

Bello sarebbe essere

come quella spazzina che cantava:

“Del lusso e del baccano

me ne sbatto le tasche,

contenta (come sono) di guadare

le nuvole mentre passano!”.

Pubblicato da pia 07:23

http://upaise.blogspot.com/2017/11/

 

 

A SUN IN’ÀGNIMA PERSA di Franco D’Imporzano

A sun in’àgnima persa:

a bevu l’àiga dae funtanéte

in sc’ii cantùi d’e strade

perché a me smorsa a sé,

a éntru int’e tüte e géixe

pé sercà cunfortu,

ma l’àiga d’e funtane a sa de ferru

e l’umbra d’e géixe

a sa de fümu e de ingenui pecài

diiti aa graìssia d’u cunfesciunàriu.

A restu in’àgnima persa.

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

 

 

SONO UN’ANIMA PERSA

Sono un’anima persa:

bevo l’acqua delle fontanelle

agli angoli delle strade

perché mi spegne la sete,

entro in tutte le chiese

per cercare conforto,

ma l’acqua delle fontane sa di ferro

e l’ombra delle chiede

sa di fumo e di ingenui peccati

detti alla grata del confessionale.

Rimango un’anima persa.

 

http://upaise.blogspot.com/

 

 

Risultati immagini per franco d'imporzano

 

 

Immagine correlata

La preghiera del ribelle letta da Franco D’Imporzano

 

AL MINUTO 4,31 … 25 APRILE 2018  ( RIVIERA 24 IL 25 APRILE 2018 )

 

Risultati immagini per BEATO OLIVELLI

TERESIO OLIVELLI, PROCLAMATO DALLA CHIESA ” BEATO ”

nasce a Bellagio, il 7 gennaio 1916 – e muore nel terribile campo di concentramento di Hersbruck, 17 gennaio 1945

 

 

Risultati immagini per franco d'imporzano

 

 

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per franco d'imporzano

in queste foto lo vediamo ancora una volta…

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

la sorella Donatella

 

Risultati immagini per donatella e franco d'imporzano

donatella e franco …da giovani…

 

Risultati immagini per libri di franco d'imporzano?

donatella d’imporzano

 

 

una poesia di Donatella pubblicata il 5 ottobre 2017 dedicata al fratello Franco

 

Uniti prima dal destino
dall’amore dopo:
fratello e sorella
lo siamo diventati
piano piano
uscendo con fatica
e con meraviglia
dal nido.
Abbiamo intessuto
fili tenaci,
altri nidi abbiamo costruito
col cuore e con la ragione.
Insieme abbiamo ascoltato
il rumore del mare,
insieme abbiamo camminato
per vie estranee e piene di sassi.
I fili intrecciati
delle nostre vite
non si sono mai spezzati.
Siamo persone fortunate.

 

 

due poesie –FRANCO D’IMPORZANO 

FRANCO D’IMPORZANO CITTADINO BENEMERITO DI SANREMO 2017 — è anche benemerito per essere il fratello della nostra Donatella!

 

 

Risultati immagini per FRANCO D'IMPORZANO

qui è nato e cresciuto Franco D’Imporzano così come la sorella che è la nostra Donatella!

 

 

serissimo ed elegantissimo…quasi coi capelli al vento…

 

qui con Liliana Gazzano, Franco d’Imporzano in uno dei programmini di propaganda per le elezioni a favore del PD

 

 

 

 

 

 

U GALUPIN di Franco D’Imporzano

Daa tanta fame faita in zuventüra

a pulitica in poucu a l’ha garìu,

avù p’aa prupaganda u l’è adiritüra

in fürmine de gherra, beneixìu

p’uu so ativismu. Intantu ch’u prucüra

növi iscrìiti, élu u sérca u postu au fiu,

au frai, aa sö, a l’amiga… e u nu trascüra

lecà u cü ai capatàsci du partìu.

Rüfian, sensa püdù, omu de guma,

u sogna d’ésse faitu funsiunariu,

ma se chéli ch’i conta lagiü a Ruma

ancöi o dumàn i scangia u Segretariu,

léi u riturna a mangiasse pan e tuma

tüti i giurni che i sun sc’i-uu calendariu.

 

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

 

 

 

IL GALOPPINO

Dalla tanta fame patita in gioventù

un poco l’ha guarito la politica,

ora per la propaganda è addirittura

un fulmine di guerra, bendetto

per il suo attivismo. Mentre procura

nuovi iscritti, egli cerca un posto al figlio,

al fratello, alla sorella, all’amica… e non trascura

di genuflettersi ai capoccia locali.

Ruffiano, senza pudore, fantoccio di gomma,

sogna di essere promosso funzionario,

ma se quelli che contano laggiù a Roma

oggi o domani cambiano il Segretario generale,

egli torna a mangiare pane e formaggio

tutti i giorni che ci sono sul calendario.

 

http://upaise.blogspot.com/2016/06/u-galupin-di-franco-dimporzano.html

 

 

Risultati immagini per franco d'imporzano

 

 

 

Bigin Sciacastrasse e Mastr’Antò u Bastè interpretati da Gianni Modena e Franco D’Imporzano – Teatro del Casino di Sanremo

 

 

durata : 30, 23

 

 

Risultati immagini per franco d'imporzano e la moglie Fina?

 

L’ÜRTIMU SANREMASCU (III) di Franco D’Imporzano

Questo componimento consta di 7 sonetti: verranno pubblicati uno alla volta nei prossimi giovedi.

 

L’ürtimu sanremascu (I)

L’ürtimu sanremascu (II)

 

III

E gente che p’aa strada i u vén passà

i u salüa cun rispetu, i u riverisce,

léi s’aa cava cu’in bona e u tira là

perché i mèndi, u se sa, i l’infastidisce;

ma s’u s’atröva a l’esteru*, u patisce

a luntanansa daa famìa e daa cà

e apéna u sente ün che dau parlà

u ghe pà da Ligüria, u t’uu sfinisce

tra abrassi, faturìisi e comprimenti,

u s’incàla a invitàru fina a séna…

e, aa fin de tüti sti festezamenti,

sut’aa tòura t’ii poi arrecampà

intramènte ch’i sföga ciàche pena

cantendu O Bacicin vàtene a cà!

(continua)

 

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

L’ULTIMO SANREMASCO (III)

Le persone che lo vedono passare per strada

lo salutano con rispetto, lo riveriscono,

egli se la cava con un bona a denti stretti

perché non è un tipo da smancerie;

ma se si trova all’estero*, patisce

la lontananza dalla famiglia e dalla casa

e appena sente qualcuno che dal parlare

gli sembra della Liguria, lo sfinisce

tra abbracci, sorrisi e complimenti,

e osa invitarlo persino a cena…

e, alla fine di tutte le libagioni,

sotto il tavolo possono finire

a sfogare le loro malinconie

cantando O Bacicin vàtene a cà!

 

 

 

L’urtimu sanremascu (I)
II

Mi ün a l’ho s-ciuìu! U l’è in murciun

de véju sépu daa scorsa arrapà,

u fa vita in campagna, nu in sità,

e int’in mandìu de terra u l’ha u casun.

I cavéi gianchi i impune nubiltà

au so murru brüüxau dau su in leun:

u l’è omu bèn s-cétu int’u parlà,

sarvàigu, mai cuntentu e mugugnun.

U va a vutà, ma, dopu avé lansau

a so scheda int’e l’ürna cun cunsciensa,

cuntentu cum’in anze bastunau

u va in sa e in là a sparze mardighènsa

propiu sce tüti chéli ch’u ha vutau,

pentìu de avéghe daitu a preferensa.

(continua)

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

L’ULTIMO SANREMASCO (II)

Io ne ho scoperto uno! E’ un musone

di stampo antico con la scorza (pardon: pelle) rugosa,

vive in campagna, non in città,

e in un fazzoletto di terra ha il suo casolare.

I capelli bianchi impongono nobiltà

al suo viso bruciato dal sol leone:

è un uomo molto schietto nel parlare,

selvatico, mai contento e che brontala di continuo.

Va a votare, ma, dopo aver lanciato

la sua scheda nell’urna con coscienza,

contento come un asino bastonato

va in giro in ogni dove a spargere maldicenza

proprio su coloro a cui ha dato il voto,

pentito di aver loro dato la preferenza

http://upaise.blogspot.com/2017/11/lurtimu-sanremascu-ii-di-franco.html

 

 

DUE PAROLE… SC’EE PAROLE di Franco D’Imporzano

De éle ti poi desbarassàtene

tirandu de gran barre sc’in papé,

o avéne cüra, cundìre, abufàtene,

bévine ascì se propiu ti n’hai sé.

Dae tropu dursci sérca de gardàtene

se a to buca a nu suporta l’amé,

de chéle amare e agre… scurdàtene

ti devi, perché i san de despiaixé.

Cande u servélu nostru u vö ch’i sciorte,

u dà l’urdine aa lénga, bonadona

che int’in nanusegundu, pum! a e fa nasce.

E, berbenae cianin o criae forte,

dapertütu p’uu mundu i viagia e i sona

e parole… simpatiche bagasce.

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

DUE PAROLE… A PROPOSITO DELLE PAROLE

Di loro ti puoi sbarazzare

Tracciando rigacce su di un foglio,

o averne cura, condirle, rimpinzarti,

berne anche se proprio hai sete.

Da quelle troppo dolci cerca di guardartene

se la tua bocca non sopporta il miele,

di quelle amare e aspre… dimenticarle

devi, perché hanno il sapore del dispiacere.

Quando il nostro cervello vuole che escano,

dà l’ordine alla lingua, buonadonna

che in un nanosecondo, pum! la fa nascere.

E, pronunciate pian pianino o gridate forte,

dappertutto per il mondo viaggiano e risuonano

le parole… simpatiche e disinvolte creature.

http://upaise.blogspot.com/2018/03/brugaje-di-franco-dimporzano.html

 

giovedì 22 dicembre 2016

PECÙNDRIA PREFESTIVA di Franco D’Imporzano

Per mi, sarvandu a religiuuxità,

e a Fede ch’i m’asciste, dàime a mente,

e ricurense i han de l’uprimente.

Sciurtìu daa géixa a me refügiu in cà,

drénte ae vene u me cuàgna in strafutente

imù ribèle ch’u me fa refuà

senùi, sciampagna, cunfüxiun e e gente

ch’i pensa noma a beve e a mangiücà.

Bunör se ina magica pussiun

culà a metà deixèmbre, indurmìu

a me tegnìsse ciü d’in marmutun

fin au séi de zenà, cande l’adìu

ae feste au da, üsandu u spassuirun

a Befana… e u casòtu u l’è finìu.

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

MALINCONIA PREFESTIVA

Nonostante io abbia una Fede

e cerchi di praticarla, riscontro

qualcosa di opprimente in tutte le festività.

Appena uscito dalla chiesa mi rifugio in casa,

perché dentro alle vene sento scorrere

un istinto ribelle che mi fa rifiutare

cenoni, champagne, confusione e persone

che pensano soltanto a bere e mangiare.

Che fortuna se una magica pozione

trangugiata a metà dicembre, mi tenesse

addormentato come un marmottone

fino al sei gennaio, quando l’addio

alle feste lo da, usando una grossa ramazza

la Befana… e il casino è finito.

 

 

giovedì 8 dicembre 2016

A L’ITALIA di Franco D’Imporzano

Desbielà e meschina, int’u maixélu

ufèrtu in olocaustu au gran diu Marte,

nascèndu a l’ho atruvau. Pöi, in lümiscélu

de patriutismu, giögu de tre carte,

farsa, tragedia e cumedia de l’arte

t’ha fàitu repià e, üüsu natélu,

stà a gala e int’e Nassiùi fa ancù a to parte.

Mi a te rivégu, sulevandu u velu

di agni, cande ancùra a currüssiun

nu triunfava… e che piaixé vutà

l’éira pé Don Camillo o pé Pepùn!

Ina dumanda, ancöi, u me vèn da fa

cand’u gh’è turna aria de elessiun:

ma… a mé Italiéta duv’a s’è aciatà?

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

ALL’ITALIA

Sbudellata, misera e ferita, nel macello

offerto in olocausto al gran dio Marte,

ho trovato quando sono nato. Poi, un gomitolo

di patriottismo, gioco delle tre carte,

farsa, tragedia e commedia dell’arte diplomatica

ti ha dato modo di riprenderti e, come il sugherino della lenza,

sei riuscita a stare a galla e tra le Nazioni hai fatto ancora la tua parte.

Io ti rivedo, sollevando il velo

del tempo, quando ancora la corruzione

non trionfava… e che piacere era votare

per Don Camillo o per Peppone!

Una domanda, oggi, mi pongo

quando c’è di nuovo aria di elezioni:

ma… la mia Italietta dove si è nascosta?

 

 

 

giovedì 1 dicembre 2016

U TENURE di Franco D’Imporzano

A l’ho incuntrau sc’i-uu mö, stu gran purtentu;

u sustegnìva che a so vùuxe a andésse

dau faru a l’Arma… e e Languide caresse

u turnava a tacà cun sentimentu.

I m’han fina cuntau cum’i u faghésse

cantà drénte a in stanum, tütu cuntentu

perché cunvintu che e note cu’-u ventu

sc’ee unde radiu i se spanteghésse.

U diixe che Caruso e in po’ Tamagnu

i pureréva forsci stàghe aa pari

verbu vùuxe. A in so acütu i lampadari

i nu rexìste, i cröa, nu gh’è cumpagnu

tra i tenuri ch’i làira pé stu mundu…

Dììghe de scì, cous’u ve custa in fundu?

Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

IL TENORE

Un giorno l’ho incontrato sul molo, questo gran portento;

sosteneva che la sua voce arrivasse

dal faro fino ad Arma… e le Languide carezze

ricominciava ad intonare con sentimento.

Mi hanno persino raccontato come lo facessero

cantare dentro ad una latta vuota, tutto contento

perché convinto che le note col vento

sulle onde radio si propagassero.

Dice che Enrico Caruso e anche Francesco Tamagno

potrebbero forse stargli alla pari

in quanto a voce. Ad un suo acuto i lampadari

non resistono, crollano, non ce n’è uno simile a lui

tra i tenori che calchino le scene attualmente…

Ditegli di sì, che cosa vi costa in fondo?

 

http://upaise.blogspot.com/2016/12/u-tenure-di-franco-dimporzano.html

 

U CIANGIBÉGHE di Franco D’Imporzano

Cand’a se salüamu a mi me pà

de strénze a man a in sàraixu ciangente;

u basta dumandàghe “Cum’a va?”

pé fàghe dröve u libru. Chéle gente

che ancùra i nu-u cunusce, cande i u sente

i pia pé s-cétu u so desgranà

miserie, pufi, tasce e so acüsà

…il governo ch’è esoso e inefficiente.

Sti agni u l’andaixéva in bricichéta,

l’ha seghitau sc’i-aa motu, sc’i-aa seissentu…

Avù u t’ha ina machina ch’u fa spaventu,

epüre, s’u m’aganta, cun vùuxéta

gnucùusa u taca: «Beatu vui, Fransé,

che i sei luntan dau méi porcu mesté!».

 Franco D’Imporzano – Dialetto di Sanremo

IL PIAGNONE

Quando ci salutiamo ho l’impressione

di stringere la mano ad un salice piangente;

è sufficiente cheidergli “Come va?”

per fargli aprire il libre delle lamentele. Quelle persone

che ancora non lo conoscono, quando lo ascoltano

prendono per buono il suo lungo elenco

di guai, debiti, tasse e il suo accusare

…il governo che è esoso e inefficiente.

All’inizio della sua attività andava in bicicletta,

in seguito passò alla motocicletta e poi alla Seicento…

Adesso gira con una fuori serie da far spavento

Eppure, se m’incontra e non riesco a schivarlo, con voce

querula attacca la solfa: «Beato voi, Franco,

che state lontano dal mio schifoso mestiere!».

http://upaise.blogspot.com/2016/11/u-ciangibeghe-di-franco-dimporzano.html

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

4 risposte a GIOVEDI’ 4 APRILE 2019 :: OGGI TUTTI GLI AMICI E I COMPAGNI — I PARENTI — DEVONO DIRE ADDIO A FRANCO D’IMPORZANO LASCIANDO CHE LUI PROSEGUA CIRCONDATO DALL’AMORE DI TUTTI…

  1. Donatella scrive:

    Che bella antologia che hai fatto di mio fratello! E’ una gioia leggerla ( e ci sono un po’ anch’io).

  2. mariapia. scrive:

    molto bella l’antologia che hai fatto di franco e bellissime le foto complimenti sei proprio brava

  3. roberto scrive:

    Si, sei stata molto brava, chiara, si vede che è uscita dal cuore.
    Peccato che tra un po’ passerà e mi sarà sempre più difficile trovarla.

Rispondi a roberto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.