Sicilia – Canzoni siciliane – Vitti´na crozza – TESTO E TRADUZIONE DI UGO

 

 

 

 

Vitti ‘na crozza

 

Vitti ‘na crozza supra a ‘nu cantuni

e cu sta crozza mi misi a parlari.

Idda m’arrispunniu cun gran duluri:

iu morsi senza ‘n toccu di campani.

Prestu passaru tutti li me anni,

passaru e si nni jeru, un sacciu unni;

ora ca so’ arrivati l’uttant’anni

chiamu la crozza e nuddu m’arrispunni.

Chi n’ajo a fari chiù di la me vita?

Non sugnu bonu chiù pi travagghiari.

Sta vita è fatta tutta di duluri

e d’accussì non pozzu chiù campari.

Cunzatimi cu’ ciuri lu me lettu

picchì alla fini già sugnu arriduttu.

Vinni lu tempu di lu me rizzettu,

lassu stu beddu mundu e lassu tuttu.

 

 

Ugo La Rosa

Ho visto un teschio sopra un muro

e con questo teschio mi son messo a parlare…

e mi rispose addolorato dicendomi

“io sono morto senza un tocco di campane”

Presto(veloci) sono passati tutti i miei anni..

son passati e non so nemmeno dovo sono andati a finire(dove)..

ora che sono arrivati gli 80 anni

chiamo il teschio ma nessuno mi risponde….

Cosa ne devo fare piu della mia vita

non sono piu buono per lavorare….

questa vita e’ fatta tutta per soffrire

cosi non posso piu vivere

Mettete fiori nel mio letto

perche sono arrivato quasi alla fine…

e’ arrivato il mio tempo

lascio questo bel mondo e tutto quello che c’e

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.