MASHA IVASHINTSOVA ( Leningrado, 1942-2000 ), UNA FOTOGRAFA SCONOSCIUTA FINO AL 2017 QUANDO LA FIGLIA SCOPRI’ IN SOFFITTA 30.000 NEGATIVI… A TALLIN, IN ESTONIA, FINO AL 1° MARZO 2020 UNA SUA MOSTRA ABBASTANZA COMPLETA…LA FIGLIA NE PREPARA UNA A VIENNA…++ MICHELA A.G. IACCARINO, IL FATTO QUOTIDANO DEL 30 DICEMBRE 2019 — pag. 9

 

 

 

L'immagine può contenere: una o più persone e cappello

Masha Ivashintsova–FACEBOOK :: https://www.facebook.com/mashaivashintsova/?tn-str=k%2AF

Masha Ivashintsova (23 marzo 1942 – 13 luglio 2000) è stata  una fotografa russa di San Pietroburgo (allora Leningrado , URSS) che era fortemente impegnato nel movimento poetico e fotografico sotterraneo di Leningrado degli anni ’60 -’80. Masha ha fotografato moltissimo per gran parte della sua vita, ma ha accumulato i suoi film fotografici in soffitta e li ha raramente sviluppati. Solo quando sua figlia Asya ha trovato circa 30.000 negativi nella loro soffitta nel 2017, le opere di Masha sono diventate pubbliche.  A questo proposito, il lavoro e la storia di Masha Ivashintsova sono stati confrontati con quelli di Vivian Maier.

Ivashintsova morì nel 2000 all’età di 58 anni.

 

L'immagine può contenere: cielo, albero, pianta, spazio all'aperto e natura

Leningrad, USSR, summer, 1977 | Masha Ivashintsova

 

 

L'immagine può contenere: albero, notte, spazio all'aperto e natura

Sestroretsk, Leningrad, USSR, 1977 | Masha Ivashintsova

 

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, cappello, albero e spazio all'aperto

Leningrad, USSR, 1976 | Masha Ivashintsova

 

L'immagine può contenere: pianta, cielo e spazio all'aperto

Saint-Petersburg, Russia, 1993 | Masha Ivashintsova

 

 

L'immagine può contenere: albero, cielo, nuvola, ponte e spazio all'aperto

Leningrad, USSR, 1976 | Masha Ivashintsova

 L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto e acqua

Novolukoml, Byelorussian SSR, 1979 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, cielo, scarpe e spazio all'aperto

Leningrad, USSR, 1976 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: albero, abitazione, cielo e spazio all'aperto

5th line VO, Leningrad, USSR, 1975 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono
Voinova street, Leningrad, USSR, 1977 | Masha Ivashintsov
L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio al chiuso

Natasha Lutskaya, Moscow, USSR, 1978 | Masha Ivashintsova

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Leningrad, USSR, 1978 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, cappello, notte e spazio al chiuso

Lena Gurevich, Leningrad, USSR, August 20, 1979 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute, bambino e spazio al chiuso
 Vologda, USSR, 1979 | Masha Ivashintsova
L'immagine può contenere: 2 persone, albero, cane e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: cavallo e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: 2 persone, occhiali e barba

Kelberg family, Leningrad, USSR, 1979 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: una o più persone, bicicletta e spazio all'aperto

Odessa, Ukrainian SSR, 1962 | Masha Ivashintsova

 

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute e spazio al chiuso

Leningrad, USSR, 1978 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: una o più persone, cielo, albero, nuvola e spazio all'aperto

Leningrad, USSR, 1974 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 1 persona

Young natural scientist club (rus. “youny naturalist”), Leningrad, USSR, 1978 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, tabella e spazio al chiuso

Photographer Guram Tougouchi, Moscow, USSR, 1981 | Masha Ivashintsova

L'immagine può contenere: 2 persone, testo

 LA MOSTRA ” CHIAROSCURO ” A TALLIN, ESTONIA DAL 4 DICEMBRE 2019 AL

1 ° MARZO 2020

 

Masha’s first comprehensive photography exhibition «Chiaroscuro» — Juhan Kuus Documentary Photo Centre, December 4, 2019 — March 1, 2020. Estonia, Tallinn, Dokfoto Keskus, Telliskivi 60a/5http://mashaivashintsova.com/

 TUTTE LE FOTO SOPRA SONO PRESE DAL FACEBOOK DELLA FOTOGRAFA:: ripetiamo in link :

Masha Ivashintsova  :: https://www.facebook.com/mashaivashintsova/?tn-str=k%2AF

 GUARDATE TALLIN CHE MERAVIGLIA…NON VOLETE ANDARE ALLA MOSTRA ?

 

Risultati immagini per TALLIN
Immagine correlata
Immagine correlata
Risultati immagini per TALLIN
Risultati immagini per TALLIN
Immagine correlata
Risultati immagini per TALLIN
Risultati immagini per TALLIN
Risultati immagini per TALLIN
Risultati immagini per TALLIN
Risultati immagini per TALLIN

Risultati immagini per TALLIN

TEGOLE DI TALLIN…

 

 L'immagine può contenere: 1 persona, selfie e primo piano

LA FIGLIA DI MASHA::  Asya Melkumyan

L'immagine può contenere: fiore

IL SUO POETICO MAZZO DI NOZZE—TANTA FELICITA’ LE AUGURIAMO…

 

 

 

IL FATTO QUOTIDANO DEL 30 DICEMBRE 2019 — pag. 9

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/12/30/lunione-sovietica-nascosta-negli-scatti-di-una-donna/5642542/

 

IN EDICOLA/MONDO

L’Unione Sovietica nascosta negli scatti di una donna

L’Unione Sovietica nascosta negli scatti di una donna

Masha Ivashintsova aveva immortalato la Russia con la sua Leica. Diciassette anni dopo la sua morte, nel 2000, la figlia ha ritrovato in soffitta 30 mila negativi che ora hanno reso la madre famosa

 

di Michela A. G. Iaccarino | 30 DICEMBRE 2019

Erano dove tutto scricchiola, nel regno del buio, dei fantasmi e delle cose che non si usano più. Quando a Pietroburgo nel 2017 Asya Melkumyan ha aperto la porta della soffitta della casa di Masha Ivashintsova, 17 anni dopo la sua morte, ha scoperto tre cose: 30mila negativi perfettamente conservati, un’Unione Sovietica sopravvissuta e meticolosamente custodita nella galassia onirica della fotografa, e molta polvere. Quella che, dice oggi, ha avuto misericordia del talento incompreso di sua madre e non ha corrotto le sue foto in bianco e nero. Nata nel 1942, figlia di aristocratici di Pietroburgo, i cui beni finirono requisiti dai bolscevichi dopo la rivoluzione, Masha Ivashintsova passò la sua prima infanzia sulle punte a passo di danza per volere della famiglia che l’avrebbe voluta ballerina. Finita in un istituto tecnico, divenne infine alunna di corsi di drammaturgia per trovare lavoro come critica d’arte. La tristezza che la perseguitò sempre come un’ombra nera la trascinò nella disoccupazione e poi nella povertà. Per dieci anni le porte delle cliniche psichiatriche sovietiche si aprono prima davanti ai suoi occhi e poi dietro le sue spalle. Tornò nei teatri che tanto amava, ma per fare la guardia di sicurezza o l’addetta al guardaroba.

Nelle fotografie ritrovate di Masha tutto è chiaro, ma anche indecifrabile, incastrato in un linguaggio ambiguo e contemporaneo, estraneo ai cittadini del suo tempo: i sovietici. Un mondo ormai scomparso è letteralmente emerso dal buio di una metaforica camera oscura, la soffitta dove Masha aveva nascosto la mastodontica mole di immagini, un’Atlantide sovietica intatta e inedita, a volte perfino irriconoscibile. Scatti rubati per strada, profili carnosi, visioni tortuose raccolte per caso, enigmatiche come le due bambine che guardano imbronciate chi le osserva e nessuno saprà mai quali sono i loro nomi. Chi sono quelle due ragazze col fazzoletto in testa? Chi sono gli uomini che passeggiano sulla Neva? Erano l’Urss, lo rimarranno sempre.

Nelle sue foto c’è il mondo comunista delle giostre a forma di razzo per futuri cosmonauti, l’universo color neve profondamente russo, nudo e travolgente, passeggeri distratti di un’epoca irripetibile. Ci sono i ritratti sovietici. Quelli che faceva a se stessa e agli altri. “Fotografava ovunque si trovava, mentre ci portava da qualche parte, poteva capitare che ci fermassimo per ore mentre scattava” dice oggi sua figlia Asya. Inquieta e peregrina, ossessiva nel registrare tutto, volubile ed eccessiva. Per descrivere sua madre mentre parla al telefono da Pietroburgo, Asya con suo marito Egor, usa una lista di aggettivi. Masha era tutto, ma non saggia: il genio raramente sa esserlo. “Era come una bambina”, prigioniera dello stupore delle meraviglie del mondo.

Come Vivian Maier, la babysitter più talentuosa d’America, è morta senza sapere chi era. Ha colto la felicità cauta del byt (tradotto: la vita quotidiana russa), imprigionandola con l’indice sulla sua Leica. Tra le mani non smise mai di stringerla con incosciente coraggio, nonostante il baratro più volte percepito sotto i suoi piedi. Un vuoto che non imparò mai a sorvolare. La tristezza che le impediva di vivere viene onorata dal titolo della sua prima mostra postuma organizzata a Tallin: “Chiaroscuro”, “per le stagioni della sua vita, prima chiare e poi scure”, perché il buio dalla vita di Masha non scomparì mai. Perché alternò momenti di luce e sorrisi allo specchio a ombre amare da cui finiva periodicamente risucchiata.

Quesiti suggestivi e oziosi spingono molti a chiedersi che cosa sarebbe successo se la fotografa avesse sviluppato le immagini mentre era in vita, o almeno, se le avesse mostrate a qualcuno. “Masha non ha creduto mai che valessero qualcosa, non le ha mai mostrate a nessuno, neanche sviluppate” dice oggi sua figlia. Una scelta che avrebbe privato dell’alone della sua scoperta in un tempo nuovo, il nostro, che viaggia alla velocità della luce e si espande nell’infinito emisfero virtuale. Dal giogo artistico dei soviet, da un manicomio all’altro, fino alla tomba. Ma dopo, infine, Instagram, dove ha migliaia di follower: Masha nell’universo virtuale è diventata una stella perduta e ritrovata. Il web è il luogo dove sua figlia Asya ha creduto di concederla al mondo, e il mondo, di ricambio, l’ha amata.

Dall’età di 18 anni ai suoi 58, quando il cancro le chiuse per sempre gli occhi nel 2000, l’unica cosa che non smise mai di fare fu scattare foto. Le sue immagini potevano sbiadire, scomparire o semplicemente andare perdute: invece sono arrivate fino a qui. Non si sa perché, ma si sa come. Masha, la ragazza con la Leica che ha tenuto nascosta la Russia comunista e poetica nel soppalco della sua casa pietroburghese per mezzo secolo, non fornisce definitive risposte ma solo altri interrogativi, lasciandoci chiedere in quante altre soffitte è ancora nascosto quel mondo che non esiste più: l’Unione sovietica.

 foto di Masha Ivashintsova

da Internet::

riprodotte, ingrandite, pero’, dalla carissima

BARBARA PICCI :: nel suo blog

CurkillTheBlog – Masha Ivashintsova, la Vivian Maier di San Pietroburgo

 

 

 

 

 

Masha Ivashintsova

 
 
Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.